GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 75 visitatori e nessun utente online

LA PERNA NICOLO'

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA PERNA NICOLO'

CANZONI:

A 'DDOTI
canta Eloisa Milingi

  

 

A 'DDOTI

Sunnu tri misi ca nun dormu chiu
picchi me figlia s’ava a maritari,
passu li notti ‘nmezzu a li suduri
a' ddoti a me figlia haiu a accattari.

Trenta mutanni di filu di linu,
trenta maglietti di filu di lana,
trenta pigiami arraccamati,
trenta vistini allicchittati,
trenta linzoli pi dormiri a notti,
trenta tuvagli di tessutu forti,
trenta cuperti fatti di linu,
trenta cuscini pi dormiri finu.

Mi giru e mi rigiru 'nda lu lettu
mi susu, e poi mi curcu n'atra vota
dopu menz’ura ca sonnu pigliai
mi svegliu ansimannu 'menzu e guai,

Trenta biccheri, cuteddi e furchetti,
trenta cucciari e centutri piatti,
trenta pateddri e trenta pignati,
friiri l’ova e mangiari patati
trenta tuvagli ‘ntavula mettu,
trenta mappini stuiarini u beccu,
trenta cuppini arrimina la pasta,
trentatré chila di sali e na busta.

O matri mia è megliu essiri turchi
ca quannu c’hai na figlia a maritari
ti portanu cammiddri e quattru crasti
cullani, oru e ti conzunu a festa.

Haiu decisu ora mi fazzu turcu
allura a doti a mia hannu a purtari
ammeci d’iri a missa nu fistinu
iu pregu a Maumettu ogni matinu.

LA DOTE 

Son tre mesi che non dormo più
perchè deve sposarsi mia figlia,
trascorro le notti in mezzo ai sudori
la dote a mia figlia debbo comprare.

Trenta mutandine di filo di lino,
tranta maglietti di filo di lana,
trenta pigiami ricamati,
trenta vestiti da donna agghindati,
trenta lenzuola per dormire di notte,
trenta tovaglie di tessuto fort,e
trenta coperte fatte di lino,
trenta cuscini per dormire bene.

Mi giro e mi rigiro nel letto.
mi alzo e poi mi corico un'altra volta
dopo mezz'ora che ho preso sonno
mi sveglio ansimando in mezzo ai guai.

Trenta bicchieri, coltelli e forchette,
trenta cucchiai e centotre piatti,
trenta padelle e trenta pentole,
per friggere le uova e mangiare patate,
trenta tovaglie in tavola metto,
trenta tovaglioli per asciugarsi il muso,
trenta mestoli per rigirare la pasta
trentatre chili di sale e non basta.

O mamma mia è meglio essere turchi
che quando hai una figlia da maritare
ti portano cammelli e quattro becchi,
collane, oro e poi ti fanno il festino.

Ho deciso, ora mi faccio turco
allora la dote a me debbono portare
invece di andare a messa nella festa
io prego Mametto ogni mattino.

 

 

 

LA PERNA NICOLO'

CANZONI:

A ROSA DO PATRI ETERNU
canta Eloisa Milingi

  

A ROSA DO PATRI ETERNU
Nicolò La Perna

 

parlato)
Beddra 'n terra, beddra 'n celu,
beddra siti 'n paradisu;
beddru assai è lu Vostru visu.
Pri ssu figghiu Vostru 'n brazza,
cuncidìtimi 'na grazia!
Cunciditimìlla a mia,
chi Vi dicu 'a vimmaria.
Mistica rrosa ‘nterra cumpariu
l’oduri so la terra pinitrau
fu tantu acutu ca ‘ncelui junciu
lu stessu Patri Eternu l’odurau.
Vinni lu tempu e la rrosa sciuriu
e a li novi misi spampinau
mmeci di fari fruttu fici a Diu.
Maria è la rrosa e virgini arristau.

parlato)
Matri Maria chi siti bedda, iu vi salutu,
'n vita e morti lu vostru aiutu;
iu vi salutu cu l'Avi Maria,
o Matri, arricurdativi di mia.
Oh quantu è bedda chista Gran Signura
la fici a modu so l’Eternu Patri
Reggina in angelica natura
Reggina supra li cilesti squatri.
Virgini parturiu sta gran Signura
unica figghia di l’Eternu Patri.
Su tri pirsuni e fannu na figura
la vosiru pi figghia, spusa e matri.

parlato) Diu vi salvi, Maria,
china di Grazia,
lu Signuri è ccu Vui.
Biniditta siti Vui ntra li fimmini
e binidittu lu fruttu du vostru ventri, Gesù.
Santa Maria, Matri di Diu,
prijati ppi nautri piccatura
ora e nill'ura da nostra morti. E ccussì sia

 

 

 

LA PERNA NICOLO'

CANZONI:

AVO’
canta Eloisa Milingi

  

 

AVO’ (canto tradizionale siciliano)

Avò, l’amuri miu, ti vogghiu beni -
l’ucchiuzzi di me figlia, su sireni. Oh…

Chi avi la figghia mia, - ca sempri cianci, -
voli fattu la naca, menzu l’aranci. Oh…

Specchiu di l’occhi mia, - facci d’aranciu, -
ca mancu ‘ppun tesoru iu ti cangiu. Oh…

Sciatu di l’arma mia, - facciuzza bedda, -
la mamma t’ava fari munachedda. Oh…

E munachedda di lu Sarvaturi, -
unni ci stannu i nobili e i signori. Oh…

Ora s’addummisciu, - la figghia mia, -
guardatimilla vui, Matri Maria. Oh…

                                                                                                                      

NINNA NANNA

Fai la vò, amore mio, ti voglio bene, -
gli occhietti di mia figlia sono sereni. Oh…

Cosa ha la figlia mia, - che sempre piange, -
vuole che le facciamo la culla, in mezzo agli aranci. Oh…

Specchio dei miei occhi, - faccia d’arancio -
che nemmeno per un tesoro io ti cambio. Oh…

Respiro della anima mia, - faccetta bella,
la mamma ti vuole fare monachella. Oh…

E monachella (del monastero) del Salvatore,
dove stanno i nobili e i signori. Oh…

Ora si è addormentata, - la figlia mia, -
guardatemela voi, Madre Maria Oh…

 

 

 

 

LA PERNA NICOLO'

CANZONI:

AFFACCIA LU SULI

  

 AFFACCIA LU SULI

testo da "Raccolta di canti siciliani" di Vigo
musica Nicolò La Perna 

Affaccia lu suli e codda la stidda
sintiti sta canzona quant’è bedda
mi la ‘nsignò l’amuri picciridda
chidda di diciott’anni la cchiù bedda
mi va a la missa comu na cardidda
lu caminari so d’un angiledda
t’avissi a lu me latu, anima biddra,
'mmucca iu ti daria na vasatedda.

Sugnu darrè sta porta fazzu runna
siti com’un pauni quannu sparma
siti chiù bianca assai di na palumma
chiù bedda un potti fari vostra mamma

Siti na funtanedda misa all’umbra
ca quannu passu m’arrifriscu l’arma
vui siti bianca, siti russa e biunna
nata siti pi mia, cu manna manna

Siti na funtanedda misa all’umbra
ca quannu passu m’arrifriscu l’arma
t’avissi a lu me latu anima biddra
'mmucca iu ti daria na vasatedda.

 

SPUNTA IL SOLE

 

Spunta il sole e tramonta la stella
ascoltate questa canzone perchè è bella
me l'ha insegnata il mio amore, giovincella,
quella di diciotto anni, la più bella;
lei va alla messa come un cardellino
il suo camminare è come quello di un angelo
se ti avessi vicino, anima bella,
in bocca ti dare un bacino.

Sono dietro alla tua porta e faccio la ronda
siete come un pavone quando fa la ruota
siete più bianca assai di una colomba
più bella non potè farvi vostra mamma.

Siete una fontanella messa all'ombra
che quando io passo mi rinfresco l'anima,
voi siete bianca, rossa e bionda
nata sei per me, a dispetto di tutti.

Siete una fontanella messa all'ombra
che quando io passo mi rinfresco l'anima,
voi siete bianca, rossa e bionda
nata sei per me, a dispetto di tutti.