GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 63 visitatori e nessun utente online

BOTTO RITA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BOTTO RITA

 

 

CANZONI

CANTU E CUNTU

 

 

ROSA CANTA E CUNTA
(Lillo Catania)
Stasira vaiu e curru cu lu ventu
a grapiri li porti di la storia.
Stasira vogliu dari p’un mumentu
la vita a lu passatu e a la memoria,
stasira cu la vampa di l’amuri
scavu na fossa, na fossa a lu duluri.
C’è chiù duluri, c’è chiù turmentu
ca gioia e amuri pi l’umanità
nun è lu chiantu ca cancia lu distinu
nun è lu scantu ca ferma lu caminu,
grapu li pugna, cuntu li dita
restu cu sugnu, scurru la vita.
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri lu cuntu.
Nuddu binidicì lu me caminu
mancu la manu nica d’un parrinu
e vaiu ancora comu va lu ventu,
circari paci sulu p’un mumentu.
Voglio spaccari, spaccari li cieli
pi fari chioviri, chioviri amuri.
C’è cu t’inganna c’è cu cumanna
e cu ‘n silenziu mutu sinni sta,
è lu putiri ca ‘nforza li putenti
è lu silenziu c’ammazza l’innuccenti
grapu li pugna, cuntu li dita
restu cu sugnu scurru la vita
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri lu cuntu.
Vinni a stu munnu quannu lu voscienza
si schifiava pi li strati strati,
tempi d’abusi di fami e di guerra
criscivu ‘nmmenzu di li malandati.
Lacrimi muti ni chiancivu, e quanti!
la me nnuccenza si la sparteru in tanti:
la malagenti, li priputenti
tanti, su tanti ni sta sucità
nun è l’amuri ca crisci ad ogni banna
ma lu favuri ca sparti cu cumanna
grapu li pugna, cuntu li dita,
restu cu sugnu, scurru la vita
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri lu cuntu
 Stasera vado e corro col vento
ad aprire le porte della storia,
stasera voglio dare per un momento
vita al passato e alla memoria,
stasera col fuoco dell’amore
scavo una fossa, una fossa al dolore.
C’è più dolore c’e più tormento
che gioia e amore per l’umanità,
non è il pianto che cambia il destino,
non è la paura che ferma il cammino,
apro i pugni, conto le dita,
resto chi sono, trascorro la vita.
Canto e racconto, racconto e canto,
per non perdere il conto
Nessuno ha benedetto il mio cammino,
neanche la mano piccola di un prete,
e vado ancora come il vento,
cercando pace solo per un momento.
Voglio spaccare i cieli
per far piovere, piovere amore.
C’è chi t’inganna, c’è chi comanda
e chi in silenzio muto se ne sta,
è il potere che rafforza i potenti,
è il silenzio che ammazza gli innocenti!
Apro i pugni, conto le dita,
resto chi sono, passo la vita.
Canto e conto, racconto e canto,
per non perdere il conto.
Sono venuta almondo
quando il saluto “voscenza”
veniva abusato per le strade,
tempi di abusi, di fame e di guerra,
sono cresciuta in mezzo alla povera gente.
Lacrime mute ne ho piante, e quante,
la mia innocenza se la sono spartita in tanti:
I cattivi, i prepotenti,
tanti proprio tanti in questa società,
non è l’amore che cresce da ogni parte,
ma il favore che divide chi comanda!
Apro i pugni, conto le dita,
resto chi sono, trascorro la vita!
Canto e conto, racconto e canto,
per non perdere il conto.

 

 

BOTTO RITA

 

 

CANZONI

A CURUNA

Rita Botto - voce
Giancarlo Bianchetti - chitarra
Felice Del Gaudio - basso
Ruggero Rotolo - batteria

 

   

 

 

A CURUNA

Assira lu me beddu vinni 'i fora
supra un cavaddu d'oru ca vulava
sutta li me finestri e li barcuna
cu un fazzulettu 'nmanu e lacrimava
S'affaccianu lu re cu la regina
"A 'sta picciotta l'hamu a 'ncurunari".
'Su picciridda e non cangiu parola
a iddu vogghiu e non vogghiu curuna".

LA CORONA


Ieri sera il mio amore è uscito

volando sopra un cavallo d’oro.
Sotto le mie finestre e i balconi
lacrimando con un fazzoletto in mano.
Si affacciano il re e la regina
questa ragazza dobbiamo incoronare.
Sono piccolina e non cambio parola
solo lui voglioe non voglio la corona

 

BOTTO RITA

CANZONI

A CURUNA

A TIRANNIA

CANTU E CUNTU

CURRI CAVADDU

I PIRATI A PALERMU

ME MUGGHIERI UNN'HAVI PILA

MI VOTU E M'ARRIVOTU

RITANGO

ROSA

SONNU SUNNUZZU

STRANIZZA D'AMURI

SULU PI TIA

U PISCI SPADA

altre interpretazioni in You Tube

https://www.youtube.com/watch?v=hr7JmqjM-lc
intervista a Sara Cappello - Tra cultura, arte e cucina

https://www.youtube.com/watch?v=V3TH9wJn0v0
Sara Cappello in difesa della cultura siciliana

Si nvitano gli appassionati visitatori di visitare il sito di Sara Cappello per
approfondire la conoscenza dell'artista e della musica siciliana in genere

http://www.palermoweb.com/lamusicadelsole/perche.asp

 

BOTTO RITA

 

 

CANZONI

A TIRANNIA

 

 

 

A TIRANNIA

Ccà sutta nta stu nfernu puvireddi
ah! nui simu cunnannati a tirannia.

Ca nmucca di li lupi su l’agneddi
ah! chiancitinni, chianciti oh! mamma mia.

La tirannia li carcagna ncarca
ah! l’abusu e lu putiri strica e curca.

Ca ogni nazioni ca sta terra sbarca
si diverti cu nui sempri a la turca.

Sempri lu riccu nfrunti nni rincarca
a biviri ni tocca amara urca.

E si accussì nni secuta la varca
ah! megliu ca ni nni jssimu a la furca.

 

LA TIRANNIA

Qui sotto in questo inferno 
poveretti, ah! siamo condannati alla tirannia.

Perché in bocca dei lupi sono gli agnelli
Ah! piangete per me, piangete oh! mamma mia.

La tirannia mette sotto i piedi
ah! l’abuso e il potere sottomettono e fanno morire.

Giacchè ogni nazione presente sulla terra,
si diverte con noi sempre alla turca.

Sempre il riccoci opprime
e ci tocca bere da un amaro calice.

E se in questo modo si va avanti
ah! è meglio che andiamo alla forca

 

 

BOTTO RITA

 

 

CANZONI

CURRI CAVADDU MIU



 

 

 

 

CURRI CAVADDU MIU

Ah curri cavaddu miu 
a curri cavaddu mio
e curri e camina
e la strada e longa e la via é luntana
e lu sgrusciu di la rota e la catina
e m'accorda sta canzuna paisana
a a ccà
Ah quantu vali 'ncapiddu a nni sta scrima
e nun vali na basilica romana
e amuri amuri chi m'hai fattu fari
e mai fattu fari na granni pazzia
e lu Patri nostru mai fattu scurdari
e la megliu parti di l'Avi Maria

Rita Botto - voce
Teo Ciavarella - Indian harmonium
Felice Del Gaudio - chitarra e basso acustico
Roberto Rossi - pandeiro

AH CORRI CAVALLO MIO

 

Ah! corri cavallo mio,
Ah! corri e cammina
perché la strada e lunga e la via è lontana
Ah! il rumore della ruota e della catena
Ah! ci accorda questa canzona paesana
Ah! accà (1)
Ah quando vale un capello di questo crine
e non vale una basilica romana
Amore, amore cosa mi hai fatto fare
Ahi m’hai fatto fare una grande pazzia
Ahi il Padre Nostro mai dovete dimenticare
Ah! la migliore partedell’Ave Maria.

1) verso del carrettiere che incita il cavallo
2) sul carretto