MARA ELI

 

 ABBALLATI, ABBALLATI (CHIOVU)

MARA ELI (Maria Elisa Di Fatta)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
ABBALLATI (Chiovu)
Abballati, abballati!
fimmini schetti e maritati;
e s'un abballati bonu,
mancu vi cantu e mancu vi sonu.
Sciù! sciù! sciù!
quantu fimmini chi ci sù!
Sciù! sciù! sciù!
quantu masculi chi ci sù!
Ci nn'è quattru scafazzati,
ni facemu cu' 'i patati;
ci nn'è quattru ammaccateddi,
ni facemu cu' 'i piseddi
BALLATE
Ballate, ballate
donne nubili e sposate;
e se non ballate bene,
non vi canto e nemmeno vi suono.
Sciù! sciù! sciù!
quante femmine che ci sono!
Sciù! sciù! sciù!
quanti uomini che ci sono!
Ce ne son quattro schiacciati,
li cuciniamo con le patate;
ce ne son quattro ammaccatelli,
li cuciniamo con i piselli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MARA ELI (Maria Elisa Di Fatta)

 
 
 

 

ABBALLATI, ABBALLATI (CHIOVU)

 

A MAMMA 'NSUONNU (live da un concerto a Licata)

 

AMURI E FANTASIA

 

COLAPISCI

 

COMU L'UNNA

 

CU TI LU DISSI (live da un concerto a Licata)

 

E VUI DURMITI ANCORA (live da un concerto a Licata)

HISTORIA DE UN AMOR (live da un concerto a Licata)

 

LA BARUNISSA DI CARINI
LU PISCISPADA
MI VOTU E MI RIVOTU
NICUZZA
NOTA DI LAMPEDUSA
NUN LU SAPITI L'AMURI CA V'HAIU (live da un concerto a Licata)

 

QUANNU MORU (live da un concerto a Licata)

 

SICILIA

STIDDA D'AMURI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 



tratto da http://www.siciliafan.it/mara-eli-violinista-cantante/
Mara Eli, violinista – cantante, all’anagrafe Maria Elisa Di Fatta, nata a Palermo ha vissuto a Cefalù dove cominciò i suoi studi musicali all’età di 6 anni. Diplomatasi in violino al Conservatorio di Musica V.Bellini di Palermo, si perfezionò con Rodolfo Bonucci a Roma.
Studiò canto lirico con Elizabeth Lombardini Smith e Doris Andrews a Roma. Segui i corsi di perfezionamento come professore d’orchestra al teatro lirico sperimentale A. Belli di Spoleto e all’accademia del teatro alla scala di Milano con cui ha collaborò per diverse produzioni artistiche.
Fece parte dell’Ass. per la musica antica “A. Il Verso”, con la quale ha partecipò alla realizzazione ed all’incisione discografica della “Dafne” di M.da Gagliano, del “Orfeo”, del “Ritorno di Ulisse in patria” e del “Vespro della Beata Vergine” di Claudio Monteverdi,sotto la direzione di Gabriel Garrido e per conto dell’ Ente Autonomo Teatro Massimo di Palermo.
Nel 2003 lavorò con il Teatro alla Scala di Milano in un’opera di Donizetti “Ugo conte di Parigi”.
Suonò con l’orchestra del teatro lirico sperimentale di Spoleto con la quale fù in tournèe in Giappone dove rappresentò l’opera di Mozart ”le nozze di Figaro” nei teatri più importanti del paese, riscuotendo ampio consenso di pubblico e di critica.
Suonò” Boheme”, “Italiana in Algeri” e “Traviata” nella stagione lirica ’04 del teatro lirico sperimentale “A.Belli” di Spoleto. Collaborò con l’ente concerti “Marialisa De Carolis”, Teatro di tradizione di Sassari per la stagione lirica 2004.
Vinse il suo primo concorso canoro alla tenera eta’ di 10 anni e da allora ha partecipò a numerosi concorsi nazionali, raggiungendo sempre i primi posti in classifica. Ricordiamo tra questi : TEEN AGER (1991), UNA VOCE PER L’EUROPA, SANREMO FAMOSI (1993), CASTROCARO (1994). Nel 1998 partecipò alla diretta televisiva della trasmissione di rete 4” LA DOMENICA DEL VILLAGGIO” presentata da Davide Mengacci e Rosita Celentano ed ha suonato a diversi concerti di Amedeo Minghi.
Cantò nel film ”Il regista di matrimoni” di Marco Bellocchio e nel musical Ulisse di Gaetano e Stefano Midulla e in occasione del Capodanno ’07, nei saloni del Municipio di Vienna.
Ha cantato come solista con l’orchestra sinfonica Siciliana e The Brass group, con l’intervento di alcune guest star del calibro di Milici, Mascellino, Buzzurro e Cafiso, al Teatro Massimo e al teatro Politeama di Palermo interpretando brani popolari siciliani riarrangiati in chiave pop/jazz. E' stata la voce solista dell’orchestra Made in Sicily con cui ha inciso il disco “Made in Sicily – The Songs”.

All'età di 34 anni ha perso la vita in uno scontro frontale tra auto avvenuto l'otto dicembre 2008, lungo la statale 117 per Messina, nel tratto compreso tra Santo Stefano di Camastra e Mistretta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E VUI DURMITI ANCORA

MARA ELI (Maria Elisa Di Fatta)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
E VUI DURMITI ANCORA
testo: Giovanni Formisano
musica: Gaetano Emanuele Calì
Lu suli è già spuntatu n'tra lu mari
e vui bidduzza mia durmiti ancora,
l'aceddi sunu stanchi di cantari
e affriddateddi aspettunu 'cca fora;
supra stu barcuneddu su pusati
e aspettunu quann’è 'ca v'affacciati.
Lassati stari, non durmiti 'cchiui
ca n'menzu a iddi d'intra a sta vanedda
ci sugnu puru iu 'c’aspettu a vui
pi vidiri 'sta facci, accussi bedda.
Passu 'cca fora tutti li nuttati
e aspettu sulu quannu v'affacciati....
E VOI DORMITE ANCORA
 
Il sole è già spuntato in mezzo al mare
e voi dolcezza mia dormite ancora,
gli uccelli sono stanchi di cantare
e presi di freddo vi aspettano quà fuori,
sopra il vostro balcone sono poggiati
e aspettano quando voi vi affacciate!
Lasciate stare, non dormite più,
che in mezzo a loro in questo vicolo
ci sono pure io che vi aspetto
per vedere il vostro bellissimo viso
passo qui fuori tutte le notti
aspettando solo quando vi affacciate.


...E vui durmiti ancora! è il titolo di una poesia siciliana scritta da Giovanni Formisano nel 1910 e musicata da Gaetano Emanuel Calì. La prima incisione del brano musicale (detto mattutina, che così si distingue dalla notturna, la serenata serale) è del 1927.
Nel 1910 il Calì ebbe modo di leggere i versi del suo concittadino, mentre era di ritorno da un viaggio di lavoro a Malta. La bellezza del testo lo colpì al punto che nella sola durata del viaggio - una notte - ne compose spinto dall'ispirazione lo spartito per musicarlo. Tuttavia la versione musicata rimase solo un progetto personale e dovette attendere il 1927 per essere finalmente incisa a Firenze, presso lo studio fonico Mignani, dove l'Autore incise buona parte dei suoi lavori,
Un fatto legato al brano ricorda come sul fronte della Carnia, durante la Prima guerra mondiale, in un momento di pausa un giovane soldato siciliano prese la sua chitarra e, al chiar di luna, intonò la canzone. Il silenzio che aleggiava dava voce solo alle note della mattutina. Al termine dell'esecuzione si sentirono improvvisamente le urla di apprezzamento degli austriaci, avversari sul campo, ma compagni emotivamente: non arrivavano a capirne il senso, ma rimasero incantati dalla bellezza della musica. Come a dire che la musica supera le barriere, anche in guerra.
da Wilkipedia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A MAMMA 'SUONNU

MARA ELI (Maria Elisa Di Fatta)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HISTORIA DE UN AMOR (Carlos Almaran)

MARA ELI (Maria Elisa Di Fatta)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
HISTORIA DE UN AMOR
Ya no estás a mi lado, corazón,
en el alma sólo tengo soledad
y si ya no puedo verte,
porque Dios me hizo quererte
para hacerme sufrir más...
Siempre fuiste la razón de mi existir,
adorarte para mí fue religión.
Y en tus besos yo encontraba
el calor que me brindaba,
el amor y la pasión.
Es la historia de un amor,
como no hay otro igual.
Que me hizo comprender,
todo el bien todo el mal,
que le dio luz a mi vida,
apagandola después.
¡Ay, qué vida tan oscura,
corazón,
sin tu amor no viviré!
STORIA DI UN AMORE

Gia non sei più al mio fanco, cuore mio,
nell'anima ho solo solitudine
e se ormai non posso vederti,
perché Dio mi fece desiderarti
per farmi soffrire di più...
Fosti sempre la ragione della mia esistenza,
adorarti per me fu religione.
Nei tuoi baci io trovavo
il calore che mi offriva,
l'amore e la passione.
Nella storia di un amore,
come non ce ne sono altre uguali.
Che mi fece capire,
tutto il bene e tutto il male,
che diede luce alla mia vita,
appagandola più tardi.
Ahi, che vita tanto oscura,
cuore mio,
senza il tuo amore non vivrò!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 94 visitatori e nessun utente online