GIUSEPPE GANDUSCIO

 

 

QUANTU BASILICO'

mix della canzone cantata da Ganduscio e Rosa Balistreri

 

 

 

QUANTU BASILICÒ
(tradizionale)
Quantu basilicò
simini ogni annu
tu mi nn’ha dari
’na cima a lu jornu
Ah! si vo’ lu me’ curuzzu
ti lu mannu
lu to’ mi l’ha mannari
a lu ritornu
Ah! li carnuzza tua
ciavuru fannu
ca cu li ciavura
ci passa lu sonnu
Ah beddu ah! Siddu t’avissi
a me’ cumannu
dumani mi susissi
a manzjornu .

                                                    

QUANTO BASILICO
Quanto basilico
semini ogni anno
tu devi darmene
un pezzettino al giorno
Ah! Se vuoi il mio cuore
te lo mando
il tuo dovrai mandarmi
di ritorno
Ah! Le tue carni tenere
fanno profumo
che a chi le odora
passa il sonno
Ah amore mio! ah! Se ti avessi
al mio comando
domani mi alzerei
a mezzogiorno.

Il Favara intitola questo canto nell’edizione Ricordi “SANTUVITARA, canto di San Vito Lo Capo
E' un canto d'amore. Basilicò in dialetto siciliano e facilmente traducibile in basilico. Spesso vasi di basilico venivano un tempo messe nelle finestre delle case dei siciliani con lo scopo di usarlo in cucina e di godere del profumo intenso di questa pianta. Veniva donato alle comari in segno di amicizia. Molto belle le parole d'amore che il fidanzato canta al suo amore

Questa versione è un mix della registrazione di Giuseppe Ganduscio e di quella di Rosa Balistreri. La versione della Balistreri nella registrazione originale è in tonalità di La minore ed è stata scesa di due semitoni semitono da La minore a Sol minore per adattarla alla registrazione del Ganduscio che è in Sol minore.
Nicolò La Perna

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 89 visitatori e nessun utente online