GANDUSCIO GIUSEPPE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GIUSEPPE GANDUSCIO

 

QUANTU BASILICÒ (AUDIO)

 

 

QUANTU BASILICÒ
(tradizionale)
Quantu basilicò
simini ogni annu
tu mi nn’ha dari
’na cima a lu jornu
Ah! si vo’ lu me’ curuzzu
ti lu mannu
lu to’ mi l’ha mannari
a lu ritornu
Ah! li carnuzza tua
ciavuru fannu
ca cu li ciavura
ci passa lu sonnu
Ah beddu ah! Siddu t’avissi
a me’ cumannu
dumani mi susissi
a manzjornu .

                                                    

QUANTO BASILICO
Quanto basilico
semini ogni anno
tu devi darmene
un pezzettino al giorno
Ah! Se vuoi il mio cuore
te lo mando
il tuo dovrai mandarmi
di ritorno
Ah! Le tue carni tenere
fanno profumo
che a chi le odora
passa il sonno
Ah amore mio! ah! Se ti avessi
al mio comando
domani mi alzerei
a mezzogiorno.

 

 

GIUSEPPE GANDUSCIO

 

A TIRANNIA 

mix della canzone cantata da Ganduscio e Rosa Balistreri effettuato da Francesco Giunta

 

 

 

 

"MAMMA VI L’HAIU PERSU LU RISPETTU"

Mamma vi l’haiu persu lu rispettu
di la finestra lu
(nachiti tunni e llariulè)
di la finestra lu fici acchianari
di la finestra lu
(nachiti tunni e llariulè)
di la finestra lu fici acchianari
Tu parla, parla mi lu tegnu strittu
ca schetta vecchia nun
(nachiti tunni e llariulè)
ca schetta vecchia nun vogliu ristari,
ca schetta vecchia nu
nachiti tunni e llariulè
ca schetta vecchia nun vogliu ristari
Nni nni fujemu dirittu dirittu
poi comu voli Diu
(nachiti tunni e llariulè)
poi comu voli Diu m’à maritari.

          

"MAMMA VI HO DISONORATA"

Mamma vi ho disonorata
dalla finestra lo
(nachiti tunni e llariulè)
dalla finestra l’ho fatto salire.
dalla finestra lo
(nachiti tunni e llariulè)
dalla finestra l’ho fatto salire.
Tu chiacchiera quanto vuoi, io me lo
tengo stretto perchè nubile non
(nachiti tunni e llariulè)
perché nubile e vecchia non voglio
restare, perché nubile e vecchia no
(nachiti tunni e llariulè)
perchè nubile e vecchia non voglio
restare. Ce ne fuggiamo diritto diritto
poi come vuole Dio
(nachiti tunni e llariulè)
poi come vuole Dio mi debbo sposare.

 Canto allegro e spensierato, che parla del rispetto dovuto ai genitori e dell’onore perso,
cosa gravissima per i tempi passati, non solo per la figlia, ma per tutta la famiglia, che per
molto tempo non usciva di casa per non essere additati dalle comari e non finire in bocca
alle malelingue. Esempio ne è “Lia” dei “Malavoglia” di Verga, che essendo diventata
una “donnina” costringe la sorella a non uscire di casa, ad andare a messa di mattino
prestissimo e in un altro paesino, per non essere viste, ed addirittura la sorella Mena
rifiuta le offerte matrimoniale di compare Alfio perché la gente avrebbe ricordato la fine
della sorella.
Per la ragazza di questa canzone, però, l’onore personale e della famiglia passa in secondo
piano, l’importante è trovare marito, anche se ci sarà la “fuitina”, abbandono precipitoso
del tetto paterno insieme al fidanzato, con la prova d’amore e con il finale
riparatorio del matrimonio.

 

 

GIUSEPPE GANDUSCIO

 

A TIRANNIA (AUDIO)

mix della canzone cantata da Ganduscio e Rosa Balistreri

 

 

 

Ccà sutta nta stu nfernu puvireddi
ah! nui simu cunnannati a tirannia.

Ca nmucca di li lupi su l’agneddi
ah! chiancitinni, chianciti oh! mamma mia.

La tirannia li carcagna ncarca
ah! l’abusu e lu putiri strica e curca.

Ca ogni nazioni ca sta terra sbarca
si diverti cu nui sempri a la turca.

Sempri lu riccu nfrunti nni rincarca
a biviri ni tocca amara urca.

E si accussì nni secuta la varca
ah! megliu ca ni nni jssimu a la furca.

          

Qui sotto, in questo inferno, poveretti
noi siamo condannati a [subire] tirannia.

Che in bocca ai lupi sono gli agnelli
ah! piangeteci, piangete mamma mia.

La tirannia sottomette
l’abuso e il potere sfruttano e annientano.

Ogni nazione che questa terra invade
si diverte con noi sempre a la turca.

Il ricco sempre di più ci opprime
ci tocca bere da una amaro orcio.

E se così seguiterà la [nostra] sorte
meglio per noi finire sulla forca.

 

 

GIUSEPPE GANDUSCIO

 

FA LUSTRU A LI VICINI

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 117 visitatori e nessun utente online