Stampa
Categoria: VENEZIANO PINO
Visite: 2387

 

PINO VENEZIANO

 

LA FESTA DI LI PORCI

 

 

LA FESTA DI LI PORCI

Cantu la storia
Di una bella festa
Fatta di genti
Altolocata;
putìa tràsiri
sulu genti ‘n vista
china di grana,
o titolata.
E l’invitati ora
Vannu arrivannu,
tutti puliti
tutti apparati,
c’é tanti omini
ccu lu parrucchino,
tutti li fimmini
su’ ‘ngioiellati.
“Cara duchissa
Cci baciu li manu,
cci baciu li peri,
tuttu cci baciu.”
Chistu dicìa
Lu baruni Cucuzza
Quannu vidìa
La duchissa Ficazza.
C’èni ‘na veduva
sempri siddìata,
persi ‘u maritu
a Camporeali,
ora fa vita
assai ritirata,
si curca sulu
ccu dui cardinali.
Japri lu ballu
lu baruni Amalfi
ccu ‘a barunissa
di Donnalocata;
fimmini abballanu
comu li buffi
l’omini hannu
la panza parata.
C’è l’arciduca
di Salaparuta,
ccu lu frac misu
pari ‘na foca,
collettu biancu
finu a la nuca,
pinzati ch’ è beddu
quannu caca.
C’è la duchissa
di Roccafiorita
la facci l’havi
arrapacchiata,
ccu cremi e ciprii si
la fa liscia liscia,
pinzati ch’ è bedda
quannu piscia.
Chista è la vita
di la genti beni,
c ‘unn havi pinzeri,
e ‘unn havi peni,
penzanu sulu
a li so capricci,
manciari e biviri
comu li porci.