SALAMONE NONO'

 

SUTERA

NONO' SALAMONE

 

      

SUTERA
La chiazza di lu Rabatu è lu mari, 
tu vacci a passiari e t'arricrii, 
lu pizzu di San Marcu 'nda lu suli
e Santa Cruci versu a lu naturi
Lu Rabatiddu è a timpa nun è chianu
ci piglia p'acchhianari a San Paulinu
a a San Giuanni c'era na bella chiesa, 
l'ammordernaru ed ora pari na casa
Lu Jardinieddru è lu quarteri monu
chiù di mill'anni ca l'accuminciaru
si senti di luntanu quannu sona, 
di la muntagna sta bella campana
E quannu si fa sira e mentri scura, 
addumanu l'antaru di Sutera,
'mmenzu a li stiddi e cu la luna chiara, 
lu dipingeru.. ndi la pittura
Pippina, Pippinedda, aggiratinni,
nun ti mariti no, a San Giuanni. 
E quannu si fa sira e mentri scura, 
addumanu l'antaru di Sutera,
'mmenzu a li stiddi e cu la luna chiara, 
lu dipingeru.. ndi la pittura

 

Questa interpretazione della canzone "Sutyera" è stata cantata da Nonò Salamone il 5 agosto 2016 nella Manonifestazione "Il Rabato incontra il mondo" festival dell'acvcoglienza delle culture e degli ioncontri.
Nicolò La Perna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LU CELU E' NA CUPERTA ARRACCAMATA

NONO' SALAMONE
 
      
LU CELU E' NA CUPERTA ARRACCAMATA
Nonò Salamone
Lu celu e' na cuperta arraccamata
la luna tra li stiddi fa la spia
ed iu la fazzu a tia sta sirinata
cu sta chitarra e cu sti sunatura.
Siddu li petri avissiru furtuna
nun fussiru jittati strati strati,
mancu fabbricateddi tra li mura
e a corpi di marteddi martiddati.
Genti ca siti cca' genti ca siti cca'
lassatimi vogliu canta',
genti ca siti cca' genti ca siti cca'
lassatimi vogliu canta'.
Stanotti la me casa fu lu cielu,
foru li stiddi ca mi ripararu,
pi materazzu n'umidu tirrenu
e pi capizzu un carduneddu amaru.
Tutta la notti stetti a lu sirenu
di prima sira finu a jornu chiaru,
e affaccia bedda e vidi comu tremu
vidi comu mi fa lu jancularu
Genti ca siti cca' genti ca siti cca'
lassatimi vogliu canta',
genti ca siti cca' genti ca siti cca'
lassatimi vogliu canta'.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
LAMENTU D'UN SERVU AD UN SANTU CRUCIFISSU
antico canto siciliano canta NONO' SALAMONE
 
 
      
LAMENTU DI UN SERVU
A UN SANTU CRUCIFISSU
da un antico canto siciliano
canta Nonò Salamone
Un servu tempu fa ni chista piazza,
accussì priava a Cristu: ci dicia:
Signuri, lu me patruni mi strapazza;
mi tratta comu un cane pi la via,
tuttu si piglia cu la so manazza,
la vita dici ca, nu eni mia.
Cristu ti pregu chista malarrazza
distruggila Gesù, fallu pi mia, fallu pi mia
Chi ti lamenti, ma chi ti lamenti,
pigghia lu vastuni e tira fora li denti,
Chi ti lamenti, ma chi ti lamenti,
pigghia lu vastuni e tira fora li denti.
E Cristu c’arrispunni
e chi su spizzati li to li vrazza,
cu voli la giustizia, si la fazza,
tu speri chi autru la faza pi tia.
Si tu si omu e un si testa pazza,
metti a prufittu sta sintenza mia.
ca iu 'nchiuvatu 'ncruci nun saria
si, si avissi fattu quantu dicu a tia,
ca iu 'nchiuvatu 'ncruci nun saria .
Chi ti lamenti, ma chi ti lamenti,
pigghia lu vastuni e tira fora li denti,
Chi ti lamenti, ma chi ti lamenti,
pigghia lu vastuni e tira fora li denti.
 

 

 

In questo antico canto siciliano un servo si rivolge a Cristo, dicendogli di essere
maltrattato dal padrone, gli chiede di sterminare questa “malarazza”; Cristo dalla croce
gli risponde che il servo non ha i chiodi alle mani e ai piedi come lui e quindi è libero di
farsi giustizia da se.
Il testo di questa canzone sotto il titolo “Nu servu e nu Cristu” fu pubblicato da
Lionardo Vigo nel 1857. Le autorità di allora scandalizzate fecero ritirare tutte le copie
dell‟opera con la causale che la canzone invitava alla violenza. In seguito lo stesso Vigo,
per permettere la pubblicazione del suo libro, “Raccolta di canti siciliani” cambiò la
risposta di Cristo con un‟altra più rassegnata e meno rivoluzionaria e l‟opera fu
ripubblicata con i seguenti versi:
Rispusta di lu Cristu: ”E tu chi ti scurdasti, o testa pazza, / chiddu ch‟è scrittu 'nta la
liggi mia? Sempri in guerra sarà l'umana razza / si cu l'offisi l'offisi castija!
A cu l'offenni, lu vasa e l'abbrazza / e in Paradisu sidirai ccu mia:
m‟inchiuvaru l‟ebrei 'nta sta cruciazza: / e Cielu e Terra disfari putia!"
Diversi cantanti, tra cui Modugno, e molti gruppi musicali hanno interpretato questa
canzone con l‟aggiunta: “Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti, / pigghia lu vastuni e tira fora
li denti”. La risposta di Cristo nella prima versione è veramente rivoluzionaria, lontana
dai dettami evangelici di porgere l‟altra guancia, mentre nella seconda versione, per
motivi di censura, viene annacquata e risulta più accetta ai governanti di allora.
Nicolò La Perna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LU TRENU DI LU SULI

parole Ignazio Buttitta canta NONO' SALAMONE

 

      

Turi Scordu, surfararu, abitanti a Mazzarinu;
cu lu Trenu di lu suli s’avvintura a lu distinu.
Chi faceva a Mazzarinu si travagghiu nun ci nn’era?
fici sciopiru na vota e lu misiru 'ngalera.
Una tana la sò casa, quattru ossa la mugghieri;
e la fami lu circava cu li carti di l’usceri.
Sette figghi e la muggheri, ottu vucchi ed ottu panzi,
e lu cori un camiuni carricatu di dugghianzi.

Nni lu Belgiu, nveci, ora travagghiava jornu e notti;
a la mogghi ci scriveva: nun manciati favi cotti.
Cu li sordi chi ricivi compra robi e li linzola,
e li scarpi pi li figghi pi putiri jri a scola.
Li mineri di lu Belgiu, li mineri di carbuni:
sunnu niri niri niri, comu sangu di draguni.
Doppu un annu di patiri finalmenti si dicisi:
«Mogghi mia, pigghia la roba, venitinni a stu paisi».
E parteru matri e figghi, salutaru Mazzarinu;
li parenti pi d’appressu ci facevanu fistinu.
Na valiggia di cartuni cu la corda pi traversu;
nni lu pettu lu carusu ca sucava a tempu persu.

La cuvata cu la ciocca quannu fu supra lu trenu,
nun sapeva s’era ncelu... si tuccavà lu tirrenu.
Ogni tantu si firmava pi nfurnari passaggeri:
emigranti, surfarara, figghi, patri e li muggheri.
Patri e matri si prisentanu, li fa amici la svintura:
l’emigranti na famigghia fannu dintra la vittura.
«Lu me nomu? Rosa Scordu». «Lu paisi? Mazzarinu».
«Unni jiti ?». «Unni jiamu? Unni voli lu distinu!».
Quannu vinni la nuttata doppu Villa San Giuvanni
una radiu tascabili addiverti nichi e ranni.

Tutti sentinu la radiu, l’havi nmanu n’emigranti;
li carusi un hannu sonnu, fannu l’occhi granni tanti.
Rosa Scordu ascuta e penza, cu lu sapi chi va a trova...
n’àtra genti e nazioni, una storia tutta nova.
E la radiu tascabili sona musica di ballu;
un discursu di ministru; un minutu d’intervallu.
Dopu detti li nutizii, era quasi menzannotti:
sunnu l’ultimi nutizii li nutizii di la notti.
La radio trasmette: «Ultime notizie della notte.
Una grave sciagura si è verificata in Belgio
nel distretto minerario di Charleroi.
Per cause non ancora note una esplosione
ha sconvolto uno dei livelli della miniera di Marcinelle.
Il numero delle vittime è assai elevato ».
Ci fu un lampu di spaventu chi siccò lu ciatu a tutti;
Rosa Scordu sbarra l’occhi, focu e lacrimi s’agghiutti.
La radio continua a trasmettere: «I primi cadaveri
riportati alla superficie dalle squadre di soccorso
appartengono a nostri connazionali emigrati dalla Sicilia.
Ecco il primo elenco delle vittime. Natale Fatta, di Riesi,
provincia di Caltanissetta, Francesco Tilotta, di Villarosa,
provincia di Enna, Alfio Calabrò, di Agrigento Salvatore Scordu... ».
Tirriimotu: «Me maritu! me maritu!» grida e cianci,
e li vuci sangu e focu dintra l’occhi comu lanci.
Rosa Scordu, svinturata, nun è fimmina e né matri,
e li figghi sunnu orfani di la matri e di lu patri.
Va lu trenu nni la notti, chi nuttata longa e scura:
non ci fu lu funirali, è na fossa la vittura.
Turi Scordu a la finestra, a lu vitru appiccicatu,
senza occhi, senza vucca: è nu schelitru abbruciatu.
Vinni l ’arba senza lustru, Turi Scordu ddà ristava:
Rosa Scordu lu strinceva, nni li vrazza, e s’abbruciava.
 
 

 

Salvatore Scordo - per chi conosce anche sommariamente la letteratura dei cantastorie siciliani sarebbe del tutto inutile ricordarlo - è il povero emigrante di Mazzarino, in provincia di Caltanissetta, che Ignazio Buttitta ha reso protagonista di "Lu trenu di lu suli"; opera che, assieme al "Lamentu pi Turiddu Carnivali", rappresenta in assoluto la pagina poetica più alta che il grande poeta di Bagheria abbia affidato alla voce di Cicciu Busacca e, quindi, successivamente, a quella di altri cantastorie siciliani come Santangelo, Salamone, Sindoni, Rosa Balistreri. In "Lu trenu di lu suli" Buttitta fa diventare poesia il dramma realmente vissuto da Salvatore Scordo, minatore siciliano costretto a emigrare in Belgio e sepolto dalle macerie della miniera carbonifera di Marcinelle presso la quale lavorava appena da un anno. Salvatore, fino a quel momento, aveva inviato a sua moglie Rosa, rimasta a Mazzarino, i soldi per sfamare la famiglia, per mandare i figli a scuola e, dopo un annu di patiri, finalmente quelli per acquistare i biglietti del Treno del Sole per poterlo raggiungere in Belgio, assieme ai figli. La moglie Rosa e i sette figli del minatore lasciano così la Sicilia e, con il Treno del Sole, intraprendono il lungo viaggio che li avrebbe riportati a riabbracciare il loro, caro Salvatore. Dopo Villa San Giovanni, però, l'immane tragedia. Rosa apprende in diretta la notizia della morte del marito dalla radiolina di un emigrante conosciuto sul treno che aveva appena varcato lo Stretto di Messina. Nella straordinaria poesia di Buttitta la notizia del crollo della miniera e il telegiornale che annuncia il «primo elenco delle vittime che appartiene ad alcuni nostri connazionali emigrati dalla Sicilia» procura una vera e propria trasformazione simbolica della «vettura» ferroviaria: da camera di transizione, che stava per dischiudere alla famiglia Scordo se non l'anelata fortuna all'estero una spaesata prospettiva di ricostituzione socioeconomica, essa si fa fossa che, in un'alba senza lustru, con quello di Turi Scordo restituisce a Rosa - non più fimmina e né matri - e ai suoi figli - orfani di la matri e di lu patri - soltanto lo schelitru abbruciatu d'ogni progetto di vita futura.
Così anche la radiolina che intratteneva gli emigranti durante il viaggio, da annunciatrice di vita - quando trasmetteva musica da ballo, il discursu di un ministru, la speranza di un futuro migliore - si fa messaggera della morte dei minatori di Marcinelle. Sullo Stretto di Messina il Treno del Sole, dove viaggiavano Rosa e i figli assieme a tanti altri emigranti in cerca di lavoro, non avevano attraversato il ponte della vita bensì quello spezzato che di colpo li ha gettati nel baratro della morte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

NONO' SALAMONE

 

 

INTERVISTA A NONO' SALAMONE a cura di Lina Vizzini

AMURI, AMURI

CRISTU SI FICI SURFARARU

E VAIU A ALASSARI

I MESTIERI DELLE DONNE

LA BARUNISSA DI CARINI

LA SICILIA AVI UN PATRUNI

LAMENTU DI UN SERVU AD UN SANTU CRUCIFISSU

LAMENTU PI LA MORTI DITURIDDU CARNIVALI

LU TRENU DI LU SULI (registrato a casa del notaio Abbruscato

LU TRENU DI LU SULI

LU  CELU E' NA CUPERTA ARRACCAMATA

OBA, OBA, BA

SANT'AGATA

STORIA DI ROSA

SUTERA

 

 

tratto da http://www.abbruscatonotaio.com/arte/541-nono-salamone-la-voce-del-popolo

NONO’ SALAMONE - LA VOCE DEL POPOLO
Un brivido. La sensazione di assaporare in un attimo il vero spirito siciliano, di rivivere in pochi minuti la storia di una terra che da un lato dà e dall’altro non concede. Note di chitarra, corde pizzicate per accompagnare una voce che ha ancora tanto da raccontare, tanto da trasmettere alle generazioni di tutti i tempi, per ricordare e per non dimenticare.
Dalla sua Sutera Nonò Salamone è costretto a distaccarsi giovanissimo, per andare ”a travagliari unni codda lu suli’ come recita nella sua seconda ballata in lingua siciliana. “Nel ‘71 sono arrivato a Torino, -racconta - dopo una parentesi lavorativa di due anni in Germania e un tentativo di ritorno in Sicilia.” Da allora è rimasto nella città piemontese, dove ha potuto realizzare il sogno di diventare cantastorie. E non solo. “la Piccola ribalta, concorso canoro del 1974, - dice — ho tentato il tutto per tutto. Il direttore d’orchestra era il grande maestro della Rai Marcello De Martino, che mi concesse l’onore di arrangiare le mie canzoni. Iniziai così una nuova awentura, al famoso secondo canale. Presto fui coinvolto anche come attore, in almeno un centinaio di sceneggiati radiofonici e televisivi, con registi che arrivavano quasi sempre da Roma nella sede torinese’
Un susseguirsi inaspettato di eventi ben presto lo travolge. È ospitato quasi tutti gli anni a ‘Uno mattina’ e “Cronache italiane”. Partecipa a rassegne musicali nazionali e internazionali. Nel 19g2, al Mondial FoIk di Palermo, vince il premio “Rosa Balistreri’ mentre nel 2007 il premio speciale “Enzo Di Pisa’. AI Beaubourg di Parigi è protagonista dello spettacolo La rivoluzione del cantastorie. La città francese è solo una delle tappe in cui si esibisce per gli emigranti italiani. Germania, Belgio, Svizzera, Inghilterra, America, Canada, Argentina, Cile, sono le altre. Ha inciso decine di dischi ed è stato oggetto di studio di tesi di laurea, Il suo nome figura nelle raccolte della Curcio e della Fabbri Editori, insieme a cantautori del calibro di Domenico Modugno o Roberto Murolo. Ma forse, il successo più grande è l’essere riuscito a seguire le orme paterne...
… una marcia in più o una gravosa eredità?
“Penso una marcia in più, per aver appreso fin da bambino la tecnica della metrica, il suono della poesia e il suo ritmo. E’ come essere stato cibato da neonato di musica e tradizione popolare. Ognuno di noi è cresciuto e si è formato con quello che i nostri genitori e il nostro ambiente sono riusciti a darci’.
A 16 anni lascia Sutera e inizia a girovagare per il mondo: Milano, Germania, Torino. Si spostava già allora in compagnia della sua chitarra?
“La chitarra è stata la mia innamorata fin da ragazzino. Mi addormentavo abbracciandola.
Oggi per i ragazzi è tutto molto più semplice: una chitarra se la può permettere chiunque. Per me invece è stata frutto di sacrifici e di un lungo periodo di risparmi.
Me la sono portata con me a Milano e ai primi guadagni ne ho comprata una più bella e dopo tante altre ancora’.
Ha fatto teatro, fiction, cinema: è differente il modo di vivere le emozioni sul palco o ietro la telecamera rispetto a un’esibizione in piazza?
Trovo molto più semplice la piazza perché il rapporto con il pubblico è diretto. Si crea una complicità che in televisione non puoi avere perché davanti a te hai le telecamere che ti condizionano. Alla gente si arriva dopo un velocissimo calcolo. Cerchi d9nterpretare e nello stesso tempo pensi che nelle case c’è chi ti guarda e chi ti ascolta, ma non li vedi. Non vedi i loro occhi per capire se arrivi alloro cuore. Puoi solo immaginare! Diventi un calcolatore, una macchina bugiarda e,tanto per essere buoni, un attore che recita o canta calato nella propria parte.
Quando è diventato cantastorie?
“È successo per caso. Vivendo nell’ambiente dello spettacolo torinese fui segnalato a un regista piemontese in cerca di un attore siciliano che sapesse cantare e suonare la chitarra. Doveva realizzare uno spettacolo sulla poesia del poeta Ignazio Buttitta, Lu pani si chiama pani, e mi interpellò per un provino. Tutto andò alla grande e dovetti musicarne le poesie. Lo spettacolo ebbe grande successo e fu ripreso da Rai 1 con un ampio servizio nel telegiornale.
Così conobbi Buttitta, che da quel momento mi volle con sé in tutte le sue manifestazioni più importanti in giro per ‘Italia. Allora in tutti i giornali scrivevano il cantastorie Nonò Salamone e, per essere sincero, ciò mi dava un po’ fastidio. Ma pian piano mi abituai a questa nuova veste professionale al punto che divenne il mio mestiere”.
A proposito di Ignazio Buttitta: è vero che lei è considerato il suo erede?
“Sentirsi erede di qualcuno credo sia sbagliato. Ogni personaggio è se stesso nel suo periodo. La grandezza di ognuno è stabilita dalle opere e dal ricordo che riesce a dare e a lasciare alla gente. Buttitta, per me, è stato un grande maestro, come lo sono stati Ciccio Busacca, mio padre e mio fratello. Da tutte le persone con cui ho lavorato ho ereditato qualcosa!
Oggi, tra i giovani, chi potrebbe portare avanti questa vostra eredità?
“In tantissimi iniziano questa difficile arte ma presto si perdono per strada, perché poco viene fatto dai nostri enti e amministratori per incoraggiare chi intraprende questo lavoro.
Si dà spazio ad altre cose, vengono spesi tantissimi soldi per cantanti compassati e squallidi, che vivono di rendita per i loro passati televisivi. Così molti si scoraggiamento e pochi resistono’
Al Presepe vivente di Sutera, dove si esibisce ogni anno, la sua “cantata” è accompagnata dal “cartellone”, Si tratta di un elemento ricorrente in ogni sua performance? Chi li realizza?
“I grandi cartellonisti sono quasi scomparsi. li più importante si chiamava Vincenzo Astuto, morto alcuni anni fa. Ogni cantastorie cerca di arrangiarsi come può. Qualcuno i cartelloni li dipinge da sé, altri trovano un pittore o uno scenografo che, con mano esperta, riesce a crearli nello stile originaria. Ma nei giorni nostri non sono più necessari e’si usano poco, solo come elementi scenografici.
In origine, quando ancora non esistevano né radio e nè tv, il cantastorie faceva informazione. Qual è la differenza rispetto ai giornalisti di oggi al di là, ovviamente, del meno usato?
“Negli anni passati in pochi sapevano leggere e, tra questi, pochissimi potevano comprare il giornale per tenersi informati. Il cantastorie portava alcune notizie che riteneva meritevoli di grande attenzione e con i cartelloni aiutava la fantasia della gente ad entrare nella storia che raccontava. Oggi la scuota, la televisione, i notiziari, e soprattutto Internet hanno cambiato totalmente il livello culturale di ogni auditore, e il cantastorie è costretto ad aggiornarsi, deve adattarsi ai tempi correnti’ Il suo repertorio è inventato o fa riferimento a tradizioni precedenti?
“È misto. Alcune composizioni appartengono alla tradizione, altre sono state scritte da me.
Comunicare in versi: dove sta la difficoltà oggi, al tempo dei social network?
“Nella mia carriera ho cantato dalle università atte scuole elementari, per ragazzi di ogni età che rimangono affascinati quando scoprono il cantastorie. Vivono un’esperienza nuova e restano incantati dalla semplicità coinvolgente dei racconti. Alla fine mi vengono sempre a salutare, ringraziandomi per quello che faccio, I ragazzi sono onesti e non sanno mentire.
Il cantastorie ti compensa dalla tecnologia e dalle troppe stupidate che esistono in giro. Tutti amiamo le cose semplici, dalla buona cucina, alla natura, al cantastorie”,
Per concludere, ci regala qualcuno dei suoi versi preferiti?
“Certamente, concludo con gli stessi versi con i quali chiudo’ miei concerti
.Iu sugnu cantastorie e cantu ancora
Figliu di lii poeta di Sutera
A sidicianni mi nni jivu fora
E ‘sta chitarra haiu pi turlintana
Picca ni potti sentiri di scola
La vita l’haiu passatu agnuna agnuna
Scusati tutti si sbagliavu rima
La prossima vota vi la fazzu bona
E a tutti dugnu ‘na stritta di manu
Mi firmu Salumuni e mi nni vaju.
a cura di Giusy Fasano
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 42 visitatori e nessun utente online