Stampa
Categoria: PROFAZIO OTELLO
Visite: 2969

 

COLAPESCE

Otello Profazio

 

COLAPISCI



La genti lu chiamava Colapisci

perchì stava nt’a mari comu un pisci…
D’undi veniva non sapìa nessunu:
forsi era figghiu di lu diu Nettunu!...
Un jornu a Cola ‘u re faci chiamari… 
eCola di lu mari curri e veni…
Oh Cola lu me regnu ha’ scandagghiari… 
supra a chi pedamentu si susteni!...
Cola Pisci curri e va 
"vaju e tornu, Maistà!”

Cola Pisci curri e va
“vaju e tornu, Maistà!”
Cusì si jetta a mari Colapisci
e sutta a l’undi subitu sparisci…
Ma dopu un pocu chista novità
a lu regnanti Colapisci dà:

“Maistà, li terri vostri
stannu supra a tri pilastri…
E lu fatu è assai tremendu:
unu già si sta rumpendu!”

“O destinu mèu infelici!
Chi sventura mi predici!
Chiangi ‘u Re – comu haju a fari?
Sulu tu mi pôi sarvari!”

“Colapisci, curri e và!”
“vaju e tornu, Maistà!”
“Colapisci, curri e và!”
“vaju e tornu, Maistà!”
Su passati tanti jorna…
Colapisci non ritorna…
e l'aspettanu a Marina
lu Regnanti e la Regina.
 

Poi si senti la so vuci
di lu mari in superfici:
“Maistà… Maistà!...
Sugnu ccà… Sugnu ccà!...

'Nta lu fundu di lu mari…
Chi non pozzu cchiù tornari…
Vui pregati la Madonna…
Staju reggendo la colonna…
Ca sinnò si spezzerà
Ca sinnò si spezzerà
e ‘a Sicilia sparirà!...
Su passati ormai tant’anni:
Colapisci è sempri ddhà!...
“Maistà… Maistà!...
Sugnu ccà… Sugnu ccà!...
“Maistà… Maistà!...
Sugnu ccà… Sugnu ccà!...




COLAPESCE

La gente lo chiamava Colapesce
perchè stava in mare come un pesce
da dove veniva non lo sapeva nessuno
forse era figlio del Diu Nettuno.
Un giorno a Cola il re fece chiamare
e Cola dal mare di corsa venne.
O Cola il mio regno devi scandagliare
sopra che fondamento si sostiene.
Colapesce corre e và
Vado e torno maestà.
Colapesce corre e và
Vado e torno maestà.
Così si tuffa a mare Colapesce
e sotto le onde subito sparisce
ma dopo un poco, questa novità
al suo re Colapesce dà.
Maestà le terre vostre
stanno sopra a tre pilastri
e il fatto assai tremendo,
uno già si stà rompendo.
O destino mio infelice
che sventura mi predici.
Piange il re, come debbo fare
solo tu mi puoi salvare.
Colapesce corre e và
Vado e torno maestà.
Colapesce corre e và
Vado e torno maestà.
Sono passati tanti giorni
Colapesce non ritorna
e l'aspettano alla marina
il Re e la Regina.
Poi si sente la sua voce
dal mare in superfice.
Maestà! quà sono, quà 
Maestà! quà sono, quà
Nel fondo del mare
che non posso più tornare
voi pregate la Madonna
che possa reggere questa colonna
altrimenti si spezzerà
e la Sicilia sparirà
Sono passati tanti anni
Colapesce è sempre là
Maestà! Maestà!
Colapesce è sempre là...
Maestà! Maestà!
Colapesce è sempre là
 




da Racconti del Pitrè
Cola Pisci era un farotu, ca sapia natari megghiu d'un pisci, basta diri ca java di Missina a Catania e di Catania a Missina, sempri sutt'acqua.
'Na vota vinni lu Re ccà a Missina, e sintíu diri ch'avianu a Missina st'omu maravigghiusu, ch'era lu primu nataturi. Sintennu accussì, lu vosi vìdiri.
Cola fu chiamatu e si prisintau a lu Re.
- Dimmi: è veru (cci dici lu Re) ca tu sai ben natari?
- Maistà, sì!
Allura lu Re cci jittau 'na spada a mari, e Cola si calau e l'annau a pigghiiari.
Vidennu chistu, la Riggina cci jittau 'n aneddu, non cci cridennu chi Cola Pisci lu putía pigghiar; e Cola Pisci lu pigghiau.
- Allura m'hai a sapiri a diri chi cosa cc'est sutta lu pedi d' 'u Sarvaturi (Forte del SS Salvatore della Lanterna di Messina) - cci dici lu Re.
Cola si jetta a mari, osserva e torna:
- Sapiti chi cc'è, Maistà ? Cc' est 'na caverna, chi porta un gran' focu
Lu Re non ristau sudisfattu di sta cosa; dici :
Nenti: non mi sapisti diri nenti. Ora si cc'è ssa caverna e tu mi sai purtari la cìnniri di ssu focu, io ti fazzu un bonu cumprimentu.
Scinníu arreri Cola, arrivau ddassutta, si bruciau la mani e si nni 'nchianau. 
- Eccu, Maistà! - e cci prisintau la mani bruciata.
Risposta di lu Re:
- Non su' cuntentu ancora. Tu ha' a tràsiri jintra di la caverna; e m' hai a diri unni corrispunni stu focu.
- Riali Maistà - cci dissi Cola - si io scinnu, no 'nchianu cchiù supra: nni su' sicuru. (A Cola Pisci mi cci parrava lu cori).
Lu Re pi fallu pigghiari di puntu, cci dissi ca un omu valenti non havi mai paura di nuddu.
- Uliti accussì? io lu fazzu; ma io cci perdu la vita.
Mi si pigghia na ferra:
- Si sta ferra - dici - 'nchiana bruciata, 'oli diri sugnu mortu; si non è bruciata, sugnu vivu.
Scinníu e trasíu, cu sta ferra 'nta la mani, jintra sta caverna.
'A ferra si bruciau e vinni 'n summa. Cola Pisci arristau bruciato e non 'nuchianau cchiù.
Lu Re fici chistu pi vidiri si era veru chi la caverna currispunnía cu suttaterra, ed era unu di li sustegni di la Sicilia.
Splendida l'interpretazione di questa canzone cantata da molti cantanti, tra i quali spiccano Otello Profazio e Mara Eli.