LA BARUNISSA DI CARINI

Otello Profazio

 

LA BARUNISSA DI CARINI
Chiangi Palermu e chiangi Siracusa…
Carini c’è lu luttu ad ogni casa…
Cu’ la purtò ‘sta nova dolurusa
mai paci pozza avìri a la so casa!...
La megghiu stella ca rideva ‘n cielu,
anima senza vesti e senza velu…
la megghiu stella di li serafini:
pòvera Baronessa di Carini!...
Vicinu a lu casteddhu di Carini
và giriannu un bellu cavalieri…
Lu Vernagallu di sangu gentili,
chi di la gioventù l’onuri têni…
Ed ora pi lu chianu vi cumpàri,
supra un cavaddhu chi vola senz’ali…
Ora di notti cu lu mandulinu
sentiti la so vuci a lu giardinu…
Vôli scansari l’amurusi affanni,
e a tutti ‘sti premuri non rispunni…
Ma dintra brucia di putenti fiammi
la barunissa, e tutta si cunfunni!...
Cci dici la ragiuni: “Lassa stari”;
ma ‘o cori non si poti cumandari…
Ca la ragioni cci ha pocu valuri:
supra ogni cosa domina l’amuri!...
Lu munnu è fattu di ‘nvidiusi e ‘ngrati…
Lu fattu cci lu cùntanu a lu patri…
Afferra lu baruni spata ed ermu:
“vola, cavaddhu, fòra di Palermu!...”
La bella baronessa di Carini
stava affacciata nni lu so barcuni…
chi abbivirava li rosi e li sciuri…
Cu l’occhi ‘n cielu e la menti all’amuri!...
Viju venìri ‘na cavalleria:
chistu è mè patri chi vêni pi mia!...
Tuttu vistutu a la cavallerizza:
chistu è mè patri chi vêni e m’ammazza!...
Signuri Patri, chi viniti a fari
Signura figlia, vi vegnu ad ammazzari
e lu baruni chinu di furoei tira la spada
e ci spacca lu copri
lu primu corpu la bedda cadiu,
l'appressu corpu la bedda muriu
lu primu corpu l'ebbi 'ntra li rini
l'appressu ci spaccau curuzzu e vini
Cutrritui tutti genti di Carini
ora ca è mortu lu chi beddu ciuri,
la megghiu stella di li serafini,
povera baronessa di Carini,
povera baronessa di Carini





Famosa e triste è la storia della baronessa di Carini.
Molti cantastorie hanno tramandato poemetti e intere cantate su questa tragedia.
E’ la storia di Donna Laura Lanza di Trabia, figlia di Don Cesare Lanza, conte di Mussomeli e Lucrezia Gaetani, sposata al barone Vincenzo La Grua. La baronessa sposata a 14 anni fu uccisa dal padre perché trovata nella stanza da letto con il suo
amante Ludovico Vernagallo. La tragica morte ebbe ai suoi tempi, anche per la posizione sociale dei protagonisti e per la disumana uccisione da parte del padre un eco grandissima, tale da diffondersi in tutta la Sicilia. I cantastorie hanno diffuso il fatto ai posteri fino a nostri giorni.
A trattare questa storia ampiamente è Marino Salomone, che viene ricordato soprattutto per il libro “La baronessa di
Carini”, Ed. Tipografia del Giornale di Sicilia 1870, ripubblicato in 2 edizioni da Luigi Pedone Lauriel, 1873 dove oltre al poemetto popolare anonimo del secolo XVI scritto in dialetto siciliano, l’autore riporta le sue ricerche storiche
sull’accaduto con scritti e documenti riportanti le motivazioni del genitore assassino, e della giustizia spagnola che per motivi d’onore scagionava il padre della baronessa.
Ritroviamo questa canzone nel libro di “Giuseppe Pitrè, La musica popolare ed il carteggio col maestro F. P. Frontini”
di Carmelina Naselli, Palermo a pag. 13 la partitura, a pag. 128
il testo. vedi il libro di Salomone Marino: La barunissa di Carini
Famoso il cantastorie Otello Profazio, suo il testo di questa cantata che è stata ripresa da molti cantanti tra i quali Rosa Balistreri
Nicolò la Perna













































 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 208 visitatori e nessun utente online