STRANO ORAZIO

 

 

 

 

IL CARRETTO ED IL CARRETTIERE  

Voglio lodare con le mie canzoni
la terra mia che voglio tanto bene
gli uomini forti come leoni,
le donne belle come le sirene
e tutto ciò che c'è anche in Sicilia:
il sole d'oro, il cielo ed il mare.

Per prima cosa voglio parlare
del carretto e del carrettiere

Parte di notte e si mette a cantare
canzoni belle di cento maniere,
carretto e sonagliera in quel momento
fanno a lui d'accompagnamento.

Carretto bello mio, siciliano,
della Sicilia sei l'oro zecchino,
il maestro che ti fece con quelle mani
Il sentimento che hai fin troppo fino
e al pittore che ti ha pitturato
il sangue delle vene ci ha impastato.
Ehi cavallo siciliano.

L'armiere poi cosa ha studiato
vedendo il carretto che veniva fuori,
un paio d'armici e poi li ha sistemati ai lati
del cavallo che per tanto tempo ha corso
con un uomo che sembrava un pilastro
e fu una cosa:

quel mistero che fece tutti entusiasmare
e man mano che nelle feste e nelle fiere
i carretti si vedevano arrivare
dai paesi vicini e lontani
caricati di donne vestite in modo originale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA STORIA DI GIULIANO 1 e 2 parte (Comu addivintau briganti - La prima vinnitta)

 

 

 

 

Vogghiu cantari a cannarozzu chinu la vita di Turiddu Giulianu
lu briganti mudernu e malandrinu ca stranizzari fici un munnu sanu
e affissu e tannu arditu e arrisolutudi Muntilepri fu lu Re assolutu
La matri so l'aviva fattu e crisciutu p'addivintari un omu onestu e chetu
ossirvari la liggi e lu statutu comu li genti di lu stessu cetu
Di muraturi e travagliaturi specchiu di gintilizza e di l'onuri
E chiù crisceva lu giuvani Turi di chiù la matri sò facia priari
pirchì era forti e beddu comu un ciuri spertu e valenti nda lu travagliari
ben vulutu di tutti e arrispittatu pi lo so fari sò fari d'omu già vasatu
Era a Palermu comu impiegatu stu giuninottu intelligenti e arditu
e cu lu so travagliu ha limitatu la so famiglia aiutava e ghia puliti
facennu sacrifici tutti li seri e tutti li matini
ca a petri li faciva tra petri e spini ghiornu pi ghiornu simanati sani
tutta la strada tra Monti Camini e Palermu Muntelepri di ca e ddani
chiù di trenta chilometri sia pi la juta ca po ritornu
Vinni la guerra poi cu lu frastornu ca in ogni casa purtau fami e 'nfernu
e puri Turi si truvau attornu fami ruvina e debuli guvernu
'nda latri e sti mercanti di cannuni prufittaturi e latri d'ogni agnuni
Ma Giulianu non era un minchiuni e disiava un vuliva lu pani
mentri vidiva ca tanti pirsuni n'avianu tanti da darlu a li cani
e allura fici lu pripunumentu di procurari un pocu di frumentu
eranu tempi di pene e di stentu e un chilu di granu valia quantu
spinniu na pocu di carti centu e n'accattau un sacchiteddu tantu
cu la spiranza ca la fami di la casa s'alluntana ma la so sorti misera e viddana
dari nun ci la vosi sta furtuna ma lo so spisa fu na spisa vana
ca non ci desi ricumpensa alcuna pirchì incuntrau a du carabbineri
ca lu frumentu ci luvaru arreri
Turiddu li prigau, li supplicau ma tuttu tempu inutili
ci acchiapparu u sacchiteddu supra a spadda poi ci dissiru vattini altrimenti t'arristammu. Vani furunu li lagni e li prigheri
pi lu frumentu lassarici stari li du militi foru assai sinceri
e quasi lu vulevanu arristari pirchì frumentu a lu tempu di tannu
era cunsideratu contrabbannu
Ma intanto Turi iva cunsiderannu comu giustizia nun ci nn'è a stu munnu
ma mentri ad iddru u stavanu arristannu l'intrallazzisti giravanu 'ntornu
traficannu granu a vagunati farina ed autri mezzi razionati
e se tali unn'eranu arristati pi li commerci so pochi puliti
ma uscavanu sordi a carrittati senza ....
a dannu di li populi innuccenti vittimi di la guerra e di sti genti
turnau a la casa nirbusu e scuntenti cu lu cori unghiatu nda st'istanti
a la matri cuntau e a li parenti l'incontru fattu a tuttu lu ristanti
ma frattantu lu pani ristava a pani lu furnu friddu e la panza macari
Turi s'assittau a tagghiu o furnu a matri darreri a iddu ca chianceva
e diceva poviru figghiu comu è ngustiatu senza pani
ma Turi cuminciau a filosofare supra la vita e supra lu doviri
e conchiudiu ca n'omu pi campare frumentu in casa e panuzzu ci ha aviri
Guerra o non guerra, ammassu o senza ammassu
non si po stari di lu pani arrassu tirau un casciolu e affirrau du sacchiteddi
la matri ci dissi Turi nun mi dari, nun mi dari spaventi
A matri rispusi, leviti ca senza pani un si po stari e si partiu cu lu sveltu passu
pi riturnari ni ddu locu stissu unni un massaru cu lu coddu grassu
c'avia frumentu e lu vinnia spissu du sacchiteddi dda si nn'accattau
e versu la so casa lu purtau
Quando ha visto i carabbineri e disse: stavota a vita mi fazzu luvari no u frumentu
ma quannu a Quartu o mulinu arrivau na pattuglia in serviziu lu scupriu
e lu frumentu si lu sequestrau senza ca Turi potti diri ciu
ci aviva lu sangu all'occhi e ancor l'ira e di la tasca la pistola tira
N'attimu poi pigghiau la mira e ad un carrabineri 'npettu spara
cadi dda nterra chiddu comu pira
e l'arma di lu corpu si spripara ma Turi vidi puri nu feritu
e si rifugiau dintra un cannitu
Dda si nfasciau u fiancu feritu cu strisci di cammisa 'nsanguinatu
s'alluntanau strisciannu di ddu situ versu nu postu assai chiù riparatu
aspittannu la notti fridda e scura mentri un duluri acutu lu turtura
Ma 'nda stu mentri passa un cunpagnu su misi a picureddu e travirsannu u paisi
di notti tempu arrivanu a casa.
A matri, comu visti Turi, ittau un gridu: Figghiu chi malu distinu ca avisti a passari
Matri ci dissi Turi nun gridari forti pirchì ammazzai un poviru carrabbineri
e maliditta la guerra com'ora mi ricercanu e quandu prima venunu in casa
bisogna ca ripartu 'ncumpagnu si lu 'mpuni e cu primura
a casa lu purtau cu sciatu fora
A patri e matri cunta l'avventura l'abbrazza e in parti 'nsanguinanti ancora
versu la macchia, versu la muntagna ca pi setti anni fu la cumpagna

2 La prima vinnitta
Lu cori c'abbatteva di cuntinuu ca di la casa so stava luntanu
e c'era di la sira alu matinu dintra lu pettu e Turi Giulianu
e na nutatta ca disiu chiù 'ntisi e la muntagna assisa a lu paisi.
Quannu li pedi 'nta la casa misi lu cori s'allargau, mangiari vosi
e di dda notti poi duranti un misi a lu spessu a la casa si riposa
ma l'autorità ca vigilava rastrellamentu subitu ordinava
U patri ci dissi: Turi senti chi c'è fora stanotti ti vonnu acchiappari
lassa di mangiari 'nficcati ni ddu bucu e ci mintemu l'armadiu davanti
ma l'autorità chiù stava e chiù avvicinava e Muntilepri prestu circundava
pi quantu nuddu nesciri puteva.
Ma Turi dda notti 'ncasa si truvava e lu comu scappari non sapeva
ma so patri rifugiu ci circau tra muru e muru e dda si ivu a mucciau
invanu la pattuglia lu circava invanu tutta la casa pircusiu
Turi Giulianu dda nun si truvau pirchì nun c'era vuluntà di Diu
lu maresciallu arriva e un ha spustatu a lu patri spiau tuttu 'ncazzatu
Unn'è Turiddu, unni s'ha 'nficcatu, parrati prestu, nun vi stati mutu
annunca ni viniti ammanittatu senza spiranza ni c'aviti aiutu
Lu patri ci rispusi: Fussi pazzu a me figghiu la spia nun ce la fazzu
lu marasciallu l'affirrau p'un vrazzu badati dissi occhiu nun ni pozzu
mi la pagati cara si m'incazzu ma nun supportu stu silenziu rozzu
U dumannau a la matri e a li parenti ma sapiri non potti propriu nenti
Lu suttufficiali era furenti e Turi si nni stava 'nda ddi istanti
vicinu a iddu cu cori ridenti mancu a un metru di spaziu distanti
ma lu rifugiu so era sicuru pirchì scavatu dintra di lu muru
c'era don Cicciu Canali dda puru lu ziu di Giulianu, un omu alteru
ca cu frischizza e cu lu tonu duru dissi a lu marasciallu
Pi daveru vossia è cunvintu che nu stu locali c'è me niputi Turi
tale quali, certo don Cicciu, chistu è naturali
è cca sicuru e nesciri non voli Sugnu beni informatu e nenti vali
appizzari lu tempu e le paroli se ci risulta lu circassi allura
ma chiddu è supra la muntagna scura lu marasciallu di chiù s'accalora
pi ddu silenziu ca cuntinua ancora e a lu patri di Turi fu primura
lu fa arristari e si lu porta fora lu banditu c'assista a tali scena
voli sparari ma di poi si frena.
Turiddu dissi nun sparu, ma comu nesciu fora ciu fazzu pagari
d'odiu la so menti s'avvilena e di la casa prestu s'alluntana
chinu di raggia e pigliatu di pena ma nuddu lu so cori ci lu sana
Un jornu scisi a Muntilepri apposta pi dari na terribbili risposta
a ddu carrabbineri dda s'accosta calmu e tranquillu, poi cu mossa lesta
senza pinsari chiddru ca ci costa.
ci spara a tutti dui precisu 'ntesta mureru li do giovani 'nfelici
e accussì Turi la vinnitta fici. Chi successi, chi fu ognunu dici
e aprì la porta, ma poi chiudi e taci sapennu comu ammazza li nnemici
Turi Giulianu e di zoccu è capaci e tantu fu lu scantu e lu timuri
ca nuddu parra chiù a so disfavuri.
Ma un fu sulu chissu di jorna e jorna Giulianu vidiva aumentare
u so persunali dintraa so caverna comu nenti fussi intantu l'individui piggiuri
genti scappati da li galeri, sbandati di la guerra e di settori, latri di passu e contrabbanneri appassiunati di Turi Giulianu a frotta versu a iddu si nni vanu
Capu lu ricanuscianu e suvranu capaci intIlligenti e malandrinu
e si furmavu na banda a manu a manu guidata da iddu ca appi sensu finu
e pi tanti anni tinni lu cumannu facennu tanti vittimi e luttannu

 

 

tratto da
http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=2836&biografia=Salvatore+Giuliano
Salvatore Giuliano nasce a Montelepre, in provincia di Palermo, il 22 novembre 1922,
da una famiglia di modesti contadini che cresce il ragazzo educandolo ai valori della
fede e del lavoro.
Ed è proprio quando è alle prese con le dure fatiche quotidiane che, mentre trasporta
due sacchi di frumento acquistati di contrabbando, nel torrido pomeriggio del 2
settembre 1943, che viene bloccato da una pattuglia di carabinieri; Turiddu, come
lo chiamano in casa, abbandona frumento e cavallo e si dà alla fuga. Ferito da due
dei molti colpi di fucile che i gendarmi gli sparano, egli estrae la pistola che
prudenzialmente porta con sé per difendersi da eventuali incontri con i briganti e fa
fuoco uccidendo accidentalmente uno degli inseguitori. Riesce a trascinarsi in un bosco
facendo perdere le proprie tracce, ma da quel momento la sua vita è segnata.
Soccorso da alcuni contadini e poi dai suoi familiari, trascorre circa un mese in
condizioni di salute molto instabili, nascosto in una casa abbandonata, a Palermo,
ed assistito da un medico, il prof. Purpura, uomo onesto e di idee fortemente
separatiste che va spesso a visitarlo.
Nel corso dei loro incontri il professore informa Salvatore della fine della guerra,
ma lo istruisce altresì sulla storia e sui patimenti del popolo siciliano convincendolo
della bontà del progetto indipendentista "Sicilia-Nazione".
Rimessosi in salute il ragazzo fa ritorno nella casa di Montelepre, rimanendo
sempre guardingo e pronto alla fuga nel caso di arrivo dei gendarmi.
E infatti, nella notte del 23 dicembre 1943, a Montelepre piombano 800 carabinieri
per catturarlo. Ne fa le spese suo padre che, uscito di casa per verificare la presenza
dei militi, viene da questi bloccato e crudelmente malmenato.
Salvatore riesce a fuggire, dopo aver ucciso un carabiniere e feriti altri due.
Si rifugia in una grotta, e inizia così la sua vita di latitante nei boschi.
Raccoglie intorno a sé altri ricercati formando una banda e riuscendo presto,
associando a delitti e rapine una grande generosità verso i poveri, a costruire
intorno al suo nome un alone di leggenda.
Col cinismo che oramai lo contraddistingue, pone al servizio della politica la sua
forza e la sua popolarità. Nel 1945 è nominato colonnello del'esercito separatista,
ma ben presto abbandona il movimento (MIS-EVIS, Movimento Indipendentista
Siciliano - Esercito Volontario per l'Indipendenza della Sicilia) e sostiene prima
i Monarchici e poi la Democrazia Cristiana.
Utilizzato nella lotta contro il comunismo, tanto dalla politica quanto, pare,
dalla mafia, dopo il successo delle sinistre alle elezioni siciliane del 1947,
il 1° maggio Salvatore Giuliano e la sua banda aprono il fuoco sulla folla
radunatasi a Portella della Ginestra per la festa del lavoro: è un massacro,
con 11 morti, fra cui due bambini, e 27 feriti, alcuni dei quali moriranno di lì a dopo.
La repressione durissima che ne segue, nei confronti del brigantaggio, non riuscirà
tuttavia a colpirlo. Sarà trovato morto, il 5 luglio 1950, a Castelvetrano.
Si dirà che l'autore dell'assassinio sia stato un suo cugino e luogotenente,
Gaspare Pisciotta; gli atti processuali indicheranno, invece, il capitano Antonio
Perenze quale autore dell'uccisione, in uno scontro a fuoco fra carabinieri e briganti;
qualcun altro dirà che quel corpo addirittura non fosse il suo, ma la vicenda rimane
avvolta nel mistero. E senza risposta rimane l'interrogativo sull'esistenza
e sull'identità dei mandanti della strage di Portella.
Salvatore Giuliano muore dunque all'età di 28 anni: per i siciliani resterà
un eroe romantico, mitico, celebrato in molte ballate della cultura popolare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA STORIA DI GIULIANO 3 e 4 parte (Natale di sangue e spia - Giustiziere)

 

 

 

 

 
S'avvicinava lu Santu Natali e a Turi in casa passalu lu voli
pirchì crideva giustu e naturali di la famiglia aviri li cunsoli
comu quann'era ancora un cittadinu senza di 'ncoddru ddu lu mali distinu.
Lu cori ci l'aviva ancora chinu di la ducizza di un tempu luntanu
quannu l'amuri so aviva vicinu l'amuri spinsiratu e juculanu
e rivideva l'occhi luminusi di Mariannina so l'occhi adurusi
si ricurdau quannu chiù carusi un jornu l'avvicinau trimanni quasi
ci dissi paoli affettuosi ca di l'amuri foru prima basi
ed idda russa in faccia e affruntusidda la manu ci stringiu e scappau la bedda
Turi ni dda notti di Natali pari ca l'avia davanti all'occhi a Mariannina
ca ci stingeva la manu comu la prima vota ca si ficiru ziti
In cori sio sintia tanti cutedda a ddi ricordi ca vinevanu a fudda
pi disturbari li so cirivedda e farici satari la midudda
Cu sa pinsau se in casa mia pozzu truvari la bedda Maria
e fabbricau cu la fantasia l'incontru fattu d'affettu e di gioia
l'incontro chiù amurusu ca ci sia senza pinzari a lu distinu boia
ca lu tiniva pintu a la galera pi li dilitti ca viva fattu a schera
ma pi Turiddu scantu nun cu nn'era, nun canusceva 'nzoccu era la paura
e decisi lu modu e la manera di iri a Muntilepri a tarda ura
a la viglilia di Natali appuntu pi godisi la festa appena juntu
Però non arrinisciu tuttu lu cuntu pi quantu fussi attivu e stassi attentu
pirchì la polizia informa(zioni) avia assuntu e di Turi sapia lu sentimentu
sapia l'amuri ca nutriva in pettu e pi la casa so tuttu l'affettu
Lu culunnellu dissi: Ca l'aspettu ca pi Natali scinni lu picciottu
ni sugnu sicurissimu e scummettu
ca mi lu mangiu megliu d'un biscottu Turi difatti di 'ntra li muntagni
scinniu in paisi insemula e cumpagni E allura s'abbrusciaru li castagni
pirchì la pulizia ci misi 'mpegni e fu na notte d'arresti e di spagni
di scaramucci, di sconfitti e 'ngegni. Nun potturu scappari li briganti
e vinnunu arristati tutti quanti. Scappau sulu Giulianu ni ddi istanti
ca fu chiù furtunatu veramenti ma fu pigghiatu di n'ira giganti
ca lu so cori scunvilgiu in da nenti ci passi una ingiustiza madurnali
ddu chetu di la notti di Natali e peggiu di Lucifiru infernali
vinnitta pensa, e la vinnitta apposta.
attagghiu lu stradali armatu di lu mitra
e do pistuli aspittannu l'amici prigiuneri accumpagnati di carrabbineri
Già proggettatu aviva 'ndo pinseri all'autocarro subito sparari
cu la speranza ca li cartucceri putissi prestamenti sbarazzari
e liberari cussì sparannu li so cumpagni ch'attaccati stannu
sparau di fatti e fici sangu e dannu un carrabineri cascau muribunnu
nuddu si fiurava tali ingannu nuddu cridia a sta surprisa attunnu
ma la surprisa durau pocu pocu e scatenau un fittu e duru focu
E chi successi i carrabineri sparavanu Giulianu sparava ancora
'ntrunava la campagna na ddu locu ca la muschitteria faciva l'ecu
ma quannu Turi fici lu sfocu smittiu la lotta e acchianau di sbecu
sulu suliddu la muntagna cara ca li so caverni lu ripara.
Era cuntenti ddu spara spara pirchì li so cunpagna na chidd'ura
sapevanu ca Turi si pripara pi libbirali da lo so cattura
e non eranu affattu abbannunati essendo Giulianu in libirtati
difatti pochi jorni su passati da lu Natali
e già limi pizzuti ci arrivanu a ddi genti carzarati
pi sirrari li sbarri muti muti e prima ca scurau la settimana
libiri ognunu a la muntagna acchiana
Do carceri si ni sciddicaru linzola linzola e foru a la libertà
e cu la libertà custau chiù grana e Turi chiù furtuna
pirchì di la ricchizza paesana pocu ci ni lassau ad ogni pirsuna
cu estursioni, ricatti e rapini dinari ni 'nsaccau senza fini
aviva li casciaforti beddi chini li ricchi di la guerra e li baruni
e tanti benestanti cittadini foru spugghiati di li miliuni
mentri Turiddu fa lu ginirusu cu lu populu vasciu e bisugnusu.
Dava dinari cu lu pugnu chiusu a cu 'ncuntrava debuli e indifisu
dava l'aiutu so cu fermu pusu addifinnennu lu debuli offisu
e cu giustizzia d'iddu addumannava e giustizia a modu so somministrava .
La fami so chiù stava e ciù acchianava la stampa di Giulianu già scriveva
ed iddu a tali scrittu si priava pirchì n'omu impurtanti si crideva
specie quannu liggiu 'nda na rivista che era cercatu da li giornalista
ma mentri tanta gloria conquista non dormi la giustizia, non fa sosta
e a Giulianu nun perdi di vista e la so attività cara ci costa.
Perciò stenni na riti di spiunaggio attorno a iddu e a lu so passaggiu
ma Turi sempri all'erta attivu e saggiu sentì ca attorno a iddu cì è un maniggiu
e lu suspettu veni adagiu adagiu dintra lu cori so paru un passiggio
senti 'nta l'aria che c'è tradimentu e apri l'occhi chiù e chiù sta attentu
C'era nda so banda ni ddu mumentu un picciutteddu appena appena juntu
che dichiarava di essiri cuntentu di fari lu briganti gusstappuntu
e fu propriamenti supra a iddu ca lu suspettu cascau di Turiddu
Lu fici survigliari mentri iddu cridia nun lu guardassi propiu nuddu
ma siccomi era ancopra picciliddu vidennu ci siccau lu pidicuddu
che na nuttata Turiddu ci dissi: A tia, mi n'haiu accurgiutu ca mi fai la spia
No non è veru, Vergine Maria non sugnu ntradituri e mancu boia
e iu ti dicu si megliu pi tia siddu n'avissi natu, figghiu gioia.
Ditti siddu li sai li to prighieri raccumanniti a Diu ni li sinceri
Giulianu sull'istanti tirau la pistola e ddu picciutteddu gridava:
No Turi, non m'ammazzari ma Giulianu nun tisi nudda pietà
e lu carraculava menu arreri versu lu muru
chinu di fururi. Non m'ammazzari Turi
ca nun veri li to suspetti, parola d'onuri ma Giulianu l'ariddu tirau (grilletto)
e a ddu picciottu mortu stinnicchaiu.
poi supra di ddu corpu ci lassau un fogghiu di carta scritta e sinn'i ju
e dda ddu fogliu a lapisi si signau quattrru paroli ca tutti attirriu
Giulianu accussì in ogni mumentu li spiculisi e d'ogni tradimentu
4 Giustizieri
Alla viulenza bruta e sanguinusa Giulianu vuleva qualchi 'mprisa
di na buntà gentili e ginirusa da la so fama finu in celu isa
e si parlava 'nda la Conca d'oru di lu so cori bonu a tutti a coru.
Ma Turi cu grannizza e cu ddu coru aiutava li poveri daveru
e li trattava comu frati e soru mentri era cu li ricchi tantu feru
e sparteva dinari in quantitati ad urfaneddi, viduvi e malati.
Vui n'aviti nenti e ni manciati e c'è cu nn'avi assai cosi squisiti
ad iddi ci livai zoccu bramati e vi li portu a vui ca fami aviti
dicia Giulianu a cu binificava e dinari e mangiari ci purtava
e comu un giustizieri praticava di Judici e carnefici faceva
cu di li puvireddi apprufittava la so cunnanna sicura l'aveva
e la giustizia so pi primu trova un drugheri chiamatu Terranova
Chistu c'avia frumentu pasta ed ova e cu l'usura a creditu vinneva
azziccannu accussì pungenti chiovi a li clienti poveri ca aveva
e guadagnannu lu milli pi centu quannu vinneva un chilu di frumentu
Quannu sappi stu fattu 'nda un mumentu Turi Giulianu ci fici lu cuntu
l'assassinau 'npiazza senza stentu e la sintenza ci liggiu a ddu puntu
dopu ca na prighiera ricitau cu lu so mitra lu giustiziau.
Ad un certu Nardu Critti ca arrubbau na vacca a un puvireddu e si nni ju

dicennu Giulianu mi mannau a corpa di pistola lu finiu
e attagghiu lu cadaviri di Critti lassau quattru paroli chiari e schitti
Quattru su li paroli schitti schitti ma significativi assai di fatti
e Giulianu non roba mai l'afflitti però li ricchi si, quannu c'ammatti
e a cu sappi o liggiu tali bigliettu pinsau ca lu so fari era currettu.
Ma lassamu u latru da vacca e pigghiamu l'Ufficiali pustali di Muntilepri
p'aviri avutu spessu lu difettu d'ingannari li genti 'ncuttu 'ncuttu,
stu tali Turi Abbati pocu rettu vinni ammazzatu comu un farabuttu.
Turi Giulianu ci fici la festa c'un corpu di pistola 'nda la testa
e chissu fici na fini funesta essennu ufficiali di la posta
s'approfittava cu na mossa lesta supra i dinari misi in sosta
e mannati di genti paesani emigrati 'nda terra assai luntani
Pi chistu mutivu Turi l'ammazzau dintra l'ufficiu stissu
Giulianu era un giustizieri, ma ni lu stessu tempu un cori ginirusu
Un jornu ca guardava vaddi e chiani cu lu so cannucchiali visti infini
du picciliddi, figghi di viddani ca chiancevanu forti li mischini
Turi Giulianu si c'avvicinau e cuntu di ddu chiantu dumannau,
un briganti li sordi n'arrubbau unu di li carusi rispunniu
li sordi ca me matri n'affidau p'accattari la spisa, santu Diu
eranu quattru mila e rutti liri, e nun putemu a la putia chiù ghiri
Turi si cummuviu sintennu diri ca li carusi avianu a turnari
senza la spisa e cu dispiaciri p'avirici arrubbatu li dinari
'nficcau la manu 'nda la so sacchetta e ci desi dinari in tutta fretta
turnati a vostra matri ca v'aspetta iti tranqulli pi la strata tutta
ca guai a cu vi vatta qualchi etichetta a la pistola mia li mendu sutta
e li du piccidirri si nni eru surridenti e felici pi daveru.
Avitu vistu cu era Giulianu 'nfunnu era chistu ddu briganti feru
ca trimari facia un paisi paru.

cu li superbi spiatatu e siveru gimirusu cu cui n'avia dinaru
ma fu macari un ladru gintilomu pi cui acquistà chiù fama lu so nomu.
 

 

 

tratto da
http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=2836&biografia=Salvatore+Giuliano
Salvatore Giuliano nasce a Montelepre, in provincia di Palermo, il 22 novembre 1922,
da una famiglia di modesti contadini che cresce il ragazzo educandolo ai valori della
fede e del lavoro.
Ed è proprio quando è alle prese con le dure fatiche quotidiane che, mentre trasporta
due sacchi di frumento acquistati di contrabbando, nel torrido pomeriggio del 2
settembre 1943, che viene bloccato da una pattuglia di carabinieri; Turiddu, come
lo chiamano in casa, abbandona frumento e cavallo e si dà alla fuga. Ferito da due
dei molti colpi di fucile che i gendarmi gli sparano, egli estrae la pistola che
prudenzialmente porta con sé per difendersi da eventuali incontri con i briganti e fa
fuoco uccidendo accidentalmente uno degli inseguitori. Riesce a trascinarsi in un bosco
facendo perdere le proprie tracce, ma da quel momento la sua vita è segnata.
Soccorso da alcuni contadini e poi dai suoi familiari, trascorre circa un mese in
condizioni di salute molto instabili, nascosto in una casa abbandonata, a Palermo,
ed assistito da un medico, il prof. Purpura, uomo onesto e di idee fortemente
separatiste che va spesso a visitarlo.
Nel corso dei loro incontri il professore informa Salvatore della fine della guerra,
ma lo istruisce altresì sulla storia e sui patimenti del popolo siciliano convincendolo
della bontà del progetto indipendentista "Sicilia-Nazione".
Rimessosi in salute il ragazzo fa ritorno nella casa di Montelepre, rimanendo
sempre guardingo e pronto alla fuga nel caso di arrivo dei gendarmi.
E infatti, nella notte del 23 dicembre 1943, a Montelepre piombano 800 carabinieri
per catturarlo. Ne fa le spese suo padre che, uscito di casa per verificare la presenza
dei militi, viene da questi bloccato e crudelmente malmenato.
Salvatore riesce a fuggire, dopo aver ucciso un carabiniere e feriti altri due.
Si rifugia in una grotta, e inizia così la sua vita di latitante nei boschi.
Raccoglie intorno a sé altri ricercati formando una banda e riuscendo presto,
associando a delitti e rapine una grande generosità verso i poveri, a costruire
intorno al suo nome un alone di leggenda.
Col cinismo che oramai lo contraddistingue, pone al servizio della politica la sua
forza e la sua popolarità. Nel 1945 è nominato colonnello del'esercito separatista,
ma ben presto abbandona il movimento (MIS-EVIS, Movimento Indipendentista
Siciliano - Esercito Volontario per l'Indipendenza della Sicilia) e sostiene prima
i Monarchici e poi la Democrazia Cristiana.
Utilizzato nella lotta contro il comunismo, tanto dalla politica quanto, pare,
dalla mafia, dopo il successo delle sinistre alle elezioni siciliane del 1947,
il 1° maggio Salvatore Giuliano e la sua banda aprono il fuoco sulla folla
radunatasi a Portella della Ginestra per la festa del lavoro: è un massacro,
con 11 morti, fra cui due bambini, e 27 feriti, alcuni dei quali moriranno di lì a dopo.
La repressione durissima che ne segue, nei confronti del brigantaggio, non riuscirà
tuttavia a colpirlo. Sarà trovato morto, il 5 luglio 1950, a Castelvetrano.
Si dirà che l'autore dell'assassinio sia stato un suo cugino e luogotenente,
Gaspare Pisciotta; gli atti processuali indicheranno, invece, il capitano Antonio
Perenze quale autore dell'uccisione, in uno scontro a fuoco fra carabinieri e briganti;
qualcun altro dirà che quel corpo addirittura non fosse il suo, ma la vicenda rimane
avvolta nel mistero. E senza risposta rimane l'interrogativo sull'esistenza
e sull'identità dei mandanti della strage di Portella.
Salvatore Giuliano muore dunque all'età di 28 anni: per i siciliani resterà
un eroe romantico, mitico, celebrato in molte ballate della cultura popolare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA STORIA DI GIULIANO 5 e 6 parte (Latru gentiluomo - Primu Maggiu)

 

 

 

 

 
La duchissa Cifu di Pradimenu ricca di terri, gioielli e grano
ca un jornu in casa so nenti di menu davanti ci spuntau Turi Giulianu
vistutu eleganti veramenti e cu l'aspettu allegru e risulenti
e ci fici l'inchinu lestamenti vasannuci la manu 'nda dd'istanti
comnu si stila tra nobili genti quanni a na dama si ci sta davanti.
Vossia duchissa mava a perdunari siddu mancu mi ficu annunciari
Ed allura mi vogghiu presentari sugnu Giulianu e ci lu vogliu diri
Oh caru amicu miu lu to parrari mi fa daveru un immensu piaciri
To patri comu sta, lu generali lu gran simpaticuni e geniali
Ma no duchissa nun sugnu ddu tali amicu ca ci pari e mi ni dolu
iu sugnu lu briganti tali e quali ca daccussì lu me distinu voli
Turi Giulianu, 'ntisu lu banditu circatu di la liggi in ogni situ
ma non schirzari giovanottu arditu non criu' nzoccu dici arrisolutu
dicu la virità e ti la cumplitu dicennici prichi sugnu vinutu
vinni pi aviri li gioielli tutti si non voli suffriri peni brutti
La duchissa sbattiu l'occhi chiù 'ncutti e bianca addivintau comu lu latti
di po arrispusi cu paroli rutti li me gioielli nun ci l'haiu difatti
sunu a Palermu 'ndi la casciaforti a lu sicuru d'ogni brutta sorti
Mi risulta però e lu dicu forti ca li gioielli su a n'autra parti
precisamenti carreri ni ddi porti e chiusi in un locali fattu ad arti
Iu inveci vi ripetu e v'assicuru ca non su na sta casa
e allura mi nni vaiu e non mi curu però l'avvertu e ci lu dicu chiaru
ca li me genti cu lu cori duru di già lu to niputi s'arrubbaru
e si vo senza e non voli chiù dannu mi duna li gioelli e ci li mannu
La duchissa ristau tutta trimannnu a ddu parrari accussì trimennu
e s'arrinniu di Turi a lu cumannu mentri lu cori sò jeva chiancennu
e li so perli, cullani e diamanti fineru nda la tasca di un briganti.
C'era in Sicilia un grandi muvimentu ca chiù si sviluppava in ogni cantu
era guidatu d'omi d'intentudicisi a tuttu e privi d'ogni scantu
pi la Sicilia nostra siparari e un nuovo stato liberu furmari
però c'era bisognu d'alluttari se indipinnenza si voleva aviri
nesciri l'ugna farisi ammazzari cu l'arma in manu soffriri e patiri
e a tali scopu quindi si furmau n'esercitu che EVI si chiamau
e Giulianu s'intusiamau, l'idea ci parsi bona e l'accugliu
se la Sicilia è libera pinsau di certu cancia lu destinu miu
e ci sarà n'amnistia sicuru e lu passatu si cancella puru
e di un arrestu e un pirsunaggiu scuru diventu un pezzu forti pi daveru
forsi un ministru e la famiglia onuru e non briganti ca nun vali un zero
Ritornu n'omu rispettatu e onestu liberu senza macchia prestu prestu.
Pinsannu chissu fici un manifestu ca lu fici appizzari in ogni postu
e fu pi tanti daveru funestu di la manera comu fu cumpostu
da Giulianiu apriu n'arrulamentu pa rinfurzari lu so reggimentu
I genti liggevanu u manifestu ca Giulianu ci dava centu mila liri o mesi
a cu s'arruolava 'ndu so reggimentu e suddisfattu fu restù cuntentu
ca tantiu e tanti ci desiru cuntu rispusuru all'appellu a centu a centu
pi fari regnu la Sicilia appuntu cu 'ntusiamu cu curaggiu e fidi
picchì un beni futuru ognunu cridi e Giulianu accussì si vidi capu
supremu di ddi genti e godi certu di la vittoria e surridi
sintennu ca ci fannu tanti lodi di colunnellu vesti la divisa
e si disponi pi dda nova imprisa.
La lotta 'ncuminciau dura e decisa e sutta la bannera giallu rosa
un bruttu distinu supra tanti pisa ca la morti di ncoddu si ci posa
ma mala fu la lotta e puru vanu lu sognu fatti di Turi Giulianu
pirdiu la battaglia 'nmanu a manu a Muntilampu ci fu un corpu inchinu
mubilitau l'esercitu isulanu ca d'accussì dicisi lu distinu
e Giulianu sempri sveltu ranca tagliau la corda e si la fici franca.
6 LU PRIMU MAGGIU
Pi lu primu di maggiu festeggiari si riuneru li lavuraturi
cu banneri e cu canti tutti pari omini e donni
vecchi e criaturi. Nda na chiana rucciusa solarina
ca San Giuseppi Iatu era vicina
Ma versu li deci e mezzu di matina mentre c'è cu canta o balla o sona
si senti u scrusciu di na sparatina e bummi a manu, peggiu di li trona
e si vistunu moriri ddi genti da chianti, 'nda duluri e 'nda spaventi
Chi successi, chi fu, diri si senti na stragi inaspittata e impressiunanti
nuddu di lu pirchì capisci nenti ma li firiti e morti sunu tanti
l'intera Nazioni si sdignau e a Giulianu la curpa accullau
Passavanu li misi e li simani e Turi chiù putenti si riteni
l'attacca a focu pi jurnati sani e ammazza, scappa e sempri in sarbu veni
e 'nda lu munnu supora li giurnali si leggi liu so nomi tali e quali
lu chiamanu briganti giniali ed ogni donna e donna canuscirlu voli
pi la biddizza mascula carnali che ad iddu attribuirisi si soli
e pi l'audaci, sfidi ed avventuri pi li battagli so e pi lu so amuri.
Un jornu un giornalista di valuri si parti di l'America e ca veni
pi intervistari a lu briganti Turi e 'nda la patria so turnari arreri
siccomi sappi fari ed era astutu di lu briganti vinni ricivutu.
E lu brigati nun si stesi mutu parlau comu fa un capu di statu
a Truman na littra ci ha scrivutu e cu lu giurnalista l'ha mannatu
dicennuci comu iddu pritinneva ca l'isola al'America si uneva
Stern tanti dumanni ci faceva supra li donni ca Turiddu amava
e lu briganti a tutti rispunneva e di la vita d'iddu ci parlava
infini ci dissi: Amicu ca c'è manu tristu non sugnu pi comu mi fanu
'ntuttu lu munnu sti sappi si sanu e la curiosità ci appi chiù d'unu
intervistaru a Turi Giulianu che non aviva paura di nessunu
tra chisti giurnalisti c'è Maria na giurnalista ca curaggiu avia
sta tali di la Svezia si partia pi veniri in Sicilia senza noia
ca Turidd canusciri vulia e l'uncuntrau cu sincera gioia
pirchì quannu 'nda l'occhi lu guardau sinceramenti si nni nnamurau
Turiddu si nni nnamurau d'idda e sa puratu dintra a so caverna
e dda cuminciau l'amuri e tanti jorna insemi dimurau
cu lu banditu ca la riciviu 'nsemula ad iddu si fotografao
e l'adurava comu fussi un Diu Turiddu la trattau la suddisfici
e ad un puema l'amuri ci fici
 

 

 

tratto da
http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=2836&biografia=Salvatore+Giuliano
Salvatore Giuliano nasce a Montelepre, in provincia di Palermo, il 22 novembre 1922,
da una famiglia di modesti contadini che cresce il ragazzo educandolo ai valori della
fede e del lavoro.
Ed è proprio quando è alle prese con le dure fatiche quotidiane che, mentre trasporta
due sacchi di frumento acquistati di contrabbando, nel torrido pomeriggio del 2
settembre 1943, che viene bloccato da una pattuglia di carabinieri; Turiddu, come
lo chiamano in casa, abbandona frumento e cavallo e si dà alla fuga. Ferito da due
dei molti colpi di fucile che i gendarmi gli sparano, egli estrae la pistola che
prudenzialmente porta con sé per difendersi da eventuali incontri con i briganti e fa
fuoco uccidendo accidentalmente uno degli inseguitori. Riesce a trascinarsi in un bosco
facendo perdere le proprie tracce, ma da quel momento la sua vita è segnata.
Soccorso da alcuni contadini e poi dai suoi familiari, trascorre circa un mese in
condizioni di salute molto instabili, nascosto in una casa abbandonata, a Palermo,
ed assistito da un medico, il prof. Purpura, uomo onesto e di idee fortemente
separatiste che va spesso a visitarlo.
Nel corso dei loro incontri il professore informa Salvatore della fine della guerra,
ma lo istruisce altresì sulla storia e sui patimenti del popolo siciliano convincendolo
della bontà del progetto indipendentista "Sicilia-Nazione".
Rimessosi in salute il ragazzo fa ritorno nella casa di Montelepre, rimanendo
sempre guardingo e pronto alla fuga nel caso di arrivo dei gendarmi.
E infatti, nella notte del 23 dicembre 1943, a Montelepre piombano 800 carabinieri
per catturarlo. Ne fa le spese suo padre che, uscito di casa per verificare la presenza
dei militi, viene da questi bloccato e crudelmente malmenato.
Salvatore riesce a fuggire, dopo aver ucciso un carabiniere e feriti altri due.
Si rifugia in una grotta, e inizia così la sua vita di latitante nei boschi.
Raccoglie intorno a sé altri ricercati formando una banda e riuscendo presto,
associando a delitti e rapine una grande generosità verso i poveri, a costruire
intorno al suo nome un alone di leggenda.
Col cinismo che oramai lo contraddistingue, pone al servizio della politica la sua
forza e la sua popolarità. Nel 1945 è nominato colonnello del'esercito separatista,
ma ben presto abbandona il movimento (MIS-EVIS, Movimento Indipendentista
Siciliano - Esercito Volontario per l'Indipendenza della Sicilia) e sostiene prima
i Monarchici e poi la Democrazia Cristiana.
Utilizzato nella lotta contro il comunismo, tanto dalla politica quanto, pare,
dalla mafia, dopo il successo delle sinistre alle elezioni siciliane del 1947,
il 1° maggio Salvatore Giuliano e la sua banda aprono il fuoco sulla folla
radunatasi a Portella della Ginestra per la festa del lavoro: è un massacro,
con 11 morti, fra cui due bambini, e 27 feriti, alcuni dei quali moriranno di lì a dopo.
La repressione durissima che ne segue, nei confronti del brigantaggio, non riuscirà
tuttavia a colpirlo. Sarà trovato morto, il 5 luglio 1950, a Castelvetrano.
Si dirà che l'autore dell'assassinio sia stato un suo cugino e luogotenente,
Gaspare Pisciotta; gli atti processuali indicheranno, invece, il capitano Antonio
Perenze quale autore dell'uccisione, in uno scontro a fuoco fra carabinieri e briganti;
qualcun altro dirà che quel corpo addirittura non fosse il suo, ma la vicenda rimane
avvolta nel mistero. E senza risposta rimane l'interrogativo sull'esistenza
e sull'identità dei mandanti della strage di Portella.
Salvatore Giuliano muore dunque all'età di 28 anni: per i siciliani resterà
un eroe romantico, mitico, celebrato in molte ballate della cultura popolare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA STORIA DI GIULIANO 7 e 8 parte (Stragi di Bellolampo - La fini di Giulianu)

 

 

 

 

 
La lotta siguitava cu fururi tra Giulianu e li carabbineri
attacchi e contrattacchi di turturi rastrillamenti, arresti e morti arreri
sempri guerrigli anzi guerra attunnu ca faceva parlari mezzu munnu
'Nda sett'anni diversi ci nni sunnu culunnelli e questura a lu cumanu
che lottano a Turiddu fina 'a nfunnu ma senza fruttu, pirchì nenti fannu
anzi Giulianu acquista chiù elementi
ca lu fannu pariri chiù putenti studiau un pianu strategicamenti
ca l'azioni sviluppau in do punti a Bellulampu e chiù precisamenti
'nda la caserma ca attaccau di frunti a lu scopu precisu d'attirari
forza di pulizia da massacrare
comu difati vistinu arrivari carrabbineri in massa 'nda dui uri
cu autocarri ed armati tutti pari di armi muderni di centu culuri
pi dari aiutu a ddi carrabineri in lotta chi i briganti tanti feri
ma Turi aviva fattu lu pinzeri di na pocu di chiddi stirminari
e aviva misu nda lu cantuneri na grossa mina lesta pi sparare
na mina ca spaura e d'un macellu fici addirittura
Lu cumannu di palermu si primura e a Bellulampu va cu vucca amara
ma Turi ci prepara n'avventura ca pi furtuna nun ci costa cara
a certu puntu li pigghiau di mira e bumma a manu e mitra a jiatu tira
Giulianu vuliva ni dda sira sbarazzari di tunnu e cu manera
l'Ispettoratu ca manica gira cu li so dirigenti misi a schera
ma la pinsata nun c'arrinisciu c'autri morti nun nni vosi Diu
Cu tali 'nmprisi spissi e tanti audaci Turi Giulianu la fama si fici
ca lu Guvernu nunn'era capaci di vinciri a Turiddu e fari liggi
e lu Guvernu assa preoccupatu lu culunnellu Luca ci ha mannatu
stu cumannanti è un omu già attimpatu un tipo viramenti rsolutu
intelligenti assai e priparatu d'ogni lotta curaggiusu e astutu
ca lu so fari è assai prudenti canuscennu a Giulianu specialmenti
Turiddu ni chiddi tempi era furenti pirchì la matri so ni chiddi istanti
accusata di favureggiamentu era in galera comu na furfanti
e Giulianu nun lu suppurtava pirchì la matri sò tantu stimava
e comu un veru pazzu smaniava la matri prestu libera vuleva
e l'autorità perciò prissava pi quantu prestamenti l'assulveva
dicennu: siddu nun la liberati fazzu vinnitti li chiù spietati
la rimisiru prtantu in libirtati e Turi l'abbrazzau ducentu voti
l'accarezzau e ci desi vasati dicennu: Mamma li to vrazzi sciuti
li mia m'attaccaru d'ora in poi. iu canciu vita pirchì tu lu voi
Difatti riuniu li genti soi e dissi: Di sta vita mi stuffai
vogghiu ca attornu a mia ci sunnu gioi no canti e lutti e ruina e guai
li cori mi li detta sti cunsigli pi dari paci a li nostri famigli
E addivintaru comu li cunigli spidderu l'attentati e li battagli
e pi scanzari li mali.... p'unn'aviri chiù scanti e travagli
a Luca s'arrinneru tanti e tanti di ddi nterribilissmi briganti
attornu a Turi si faceva canti quasi sulu arristau 'mezzu a ddi monti
mentri Luca asèittava lu propiziu istanti pi darici lu corpu 'nda la frunti
e nda lu mentri tuttu priparava pi quantu 'nda li riti lu jittava.
8 LA FINI DI GIULIANU
Luca 'nfurmatu d'un certu cumpari amicu di Turiddu e tradituri
sappi di lu briganti tutti pari li mossi e li prugetti di chidd'uri
e sappi puri ca Turi Giulianu ca si truvava a Castedduvitranu
ca a spittava na aeroplanu si lu purtassi prestu a volu chinu
di la Sicilia so tantu luntanu pi non cappari 'nda malu distinu
e intanti nda li vrazza di n'amanti Turi passava dda l'ultimi istanti
Ma nu stu mumentu lu culunnellu Luca daccordu cu Gaspari Pisciotta
armava a trappula a Giulianu Luca pridispuniu pi lu briganti
'nserviziu tali ca nun ha cunfrunti una speci di cinema ambulanti
ca si spustava 'nda tutti li punti comu pi fari un film colossali
d'un suggettu mudernu e giniali un furguncinu fattu tale e quale
come l'arti richiedi e l'arti voli cu machina di presa e cu fanali
ma dintra chinu di mitra e pistoli e cu stu mezzu sei carrabineri
già vistuti d'artista tutti interi. Giulianu parlava vulinteri
cu lu cumpagnu spia e tradituri non suspittannu li mali pinzeri
lu tradimentu di ddu malfatturi ca ci avia statu accantu in ogni lotta
che era l'amicu Gaspari Pisciotta
Gaspari ci priparau nu beddu pianu ca quannu Turi spiddiu di mangiari
si 'ntisi calari u sonnu e s'iu a curcari Gaspari la so morti già cumplotta
e cerca p'ammazzarlu l'ura adatta mentri la pulizia di tuttu addotta
surviglia, aspetta e cu la spia cuntratta lu cincu lugliu di l'annu cinquanta
l'ammazzerà Turiddu e poi s'avanta ma Luca navittoria passa canta
pirchì iddu nda sta 'mprisa nenti cunta Pisciotta sulu lu cori s'ammanta
pi stu delittu che in appressu scunta dopu d'avirlu beni alluppiatu
a bruciapilu in sonnu ci 'ha sparatu Pisciotta ammazzau a Giulianu
pirchì pritinneva libertà e miliuni Pisciotta a Turi si l'ha sbarazzatu
cridennu d'essirini assurvutu inveci dopu ni fu avvilinatu
'nda la galera e nenti ha cunchiudutu la so spiranza si vistiu di luttu
e 'nni muriu cu lu mussu asciuttu mazzau a Turi e tirminau tuttu
la nomina arristau di ddu picciottu e na tomba 'da un locu pocu asciuttu
ca chiudi lu so corpu mezzu stortu quannu la carnu tutta 'nfracidisci
schelitri arresta e in cinniri finisci La vera storia è chista di Giulianu
di Turi Bella è fatta e canta Stranu
 

 

 

tratto da
http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=2836&biografia=Salvatore+Giuliano
Salvatore Giuliano nasce a Montelepre, in provincia di Palermo, il 22 novembre 1922,
da una famiglia di modesti contadini che cresce il ragazzo educandolo ai valori della
fede e del lavoro.
Ed è proprio quando è alle prese con le dure fatiche quotidiane che, mentre trasporta
due sacchi di frumento acquistati di contrabbando, nel torrido pomeriggio del 2
settembre 1943, che viene bloccato da una pattuglia di carabinieri; Turiddu, come
lo chiamano in casa, abbandona frumento e cavallo e si dà alla fuga. Ferito da due
dei molti colpi di fucile che i gendarmi gli sparano, egli estrae la pistola che
prudenzialmente porta con sé per difendersi da eventuali incontri con i briganti e fa
fuoco uccidendo accidentalmente uno degli inseguitori. Riesce a trascinarsi in un bosco
facendo perdere le proprie tracce, ma da quel momento la sua vita è segnata.
Soccorso da alcuni contadini e poi dai suoi familiari, trascorre circa un mese in
condizioni di salute molto instabili, nascosto in una casa abbandonata, a Palermo,
ed assistito da un medico, il prof. Purpura, uomo onesto e di idee fortemente
separatiste che va spesso a visitarlo.
Nel corso dei loro incontri il professore informa Salvatore della fine della guerra,
ma lo istruisce altresì sulla storia e sui patimenti del popolo siciliano convincendolo
della bontà del progetto indipendentista "Sicilia-Nazione".
Rimessosi in salute il ragazzo fa ritorno nella casa di Montelepre, rimanendo
sempre guardingo e pronto alla fuga nel caso di arrivo dei gendarmi.
E infatti, nella notte del 23 dicembre 1943, a Montelepre piombano 800 carabinieri
per catturarlo. Ne fa le spese suo padre che, uscito di casa per verificare la presenza
dei militi, viene da questi bloccato e crudelmente malmenato.
Salvatore riesce a fuggire, dopo aver ucciso un carabiniere e feriti altri due.
Si rifugia in una grotta, e inizia così la sua vita di latitante nei boschi.
Raccoglie intorno a sé altri ricercati formando una banda e riuscendo presto,
associando a delitti e rapine una grande generosità verso i poveri, a costruire
intorno al suo nome un alone di leggenda.
Col cinismo che oramai lo contraddistingue, pone al servizio della politica la sua
forza e la sua popolarità. Nel 1945 è nominato colonnello del'esercito separatista,
ma ben presto abbandona il movimento (MIS-EVIS, Movimento Indipendentista
Siciliano - Esercito Volontario per l'Indipendenza della Sicilia) e sostiene prima
i Monarchici e poi la Democrazia Cristiana.
Utilizzato nella lotta contro il comunismo, tanto dalla politica quanto, pare,
dalla mafia, dopo il successo delle sinistre alle elezioni siciliane del 1947,
il 1° maggio Salvatore Giuliano e la sua banda aprono il fuoco sulla folla
radunatasi a Portella della Ginestra per la festa del lavoro: è un massacro,
con 11 morti, fra cui due bambini, e 27 feriti, alcuni dei quali moriranno di lì a dopo.
La repressione durissima che ne segue, nei confronti del brigantaggio, non riuscirà
tuttavia a colpirlo. Sarà trovato morto, il 5 luglio 1950, a Castelvetrano.
Si dirà che l'autore dell'assassinio sia stato un suo cugino e luogotenente,
Gaspare Pisciotta; gli atti processuali indicheranno, invece, il capitano Antonio
Perenze quale autore dell'uccisione, in uno scontro a fuoco fra carabinieri e briganti;
qualcun altro dirà che quel corpo addirittura non fosse il suo, ma la vicenda rimane
avvolta nel mistero. E senza risposta rimane l'interrogativo sull'esistenza
e sull'identità dei mandanti della strage di Portella.
Salvatore Giuliano muore dunque all'età di 28 anni: per i siciliani resterà
un eroe romantico, mitico, celebrato in molte ballate della cultura popolare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 148 visitatori e nessun utente online