Stampa
Categoria: LE CANZONI INEDITE
Visite: 1287

 

SANT'ANTUNINU CALATI CALATI

cantata da Rosa Balistreri

 

 

 

 

SANT’ANTUNINU
CALATI CALATI (tradizionale)

E Sant’Antuninu calati calati
ca jù l’annacu e vui l’addummisciti… vo…
E si nun dormi beddu
lu capizzu
ti pigghiu pi li pedi
e t’arrimazzu… vo…
E quannu veni
la festa di lu munti
t’aja ‘cattàri
tanti cosi, tanti… vo…
O si po’ o nun si po’
lu vistiteddu pi San Calò.
E allu parrinu ci l’ama a diri
chi l’avia purtari ni lu varveri.
Moru ch’è beddu,
moru ch’è granni
quannu crisci và a ccatta la carni;
masculu e beddu
ci l’ama a diri
alla raggia di li vicini.
O si po’ o nun si po’
lu vistiteddu di S. Calò.

       

 

SANT’ANTONINO
VENITE, VENITE.

Oh Sant’Antonino, venite, venite
che io lo dondolo e voi l’addormentate…
vo… E se non dormi, bello,
alla testa del letto
ti prendo per i piedi
e ti scuoto…vo…
E quando viene
la festa del monte
debbo comprarti
tante cose, tante… vo…
O si può o non si può
il vestitino per San Calogero. (1)
E al sacerdote dobbiamo dirglielo
che lo dovrei portare dal barbiere.
Oh Dio, come è bello
oh Dio, come è grande
quando cresce va a comprare la carne;
maschio e bello
lo dobbiamo dire
per dispetto dei vicini.
O si può o non si può
il vestitino per San Calogero.

1) debbo comprare

audio tratto dalla pagina internet:
https://www.youtube.com/watch?v=Ma7yMJtXvJ4

Questa canzone è una ninna nanna antichissima, cantata ancora fino a pochi anni fa dalle mamme siciliane, la ritroviamo in “Corpus di musiche popolari siciliane”, 1957 Alberto Favara al n: 550
Si invoca San Antonio per far addormentare il piccolo bambino e nello stesso tempo si lodano le bellezze del neonato; non viene ricercato il significato delle parole, ma che queste facciano rima, e un ritmo dondolante per favorire il sonno. I versi sono liberi come libero è il canto con accompagnamento della chitarra senza ritmo, né tempo.

Nicolò La Perna


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<