GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 70 visitatori e nessun utente online

 

MALINCUNIA

poesia di 
Rosa Balistreri

 

MALINCUNIA

Dio, chì è duci e amara sta malincunia
ca sbattu comu l'unna di lu mari
e comu fazzu a sarvari sta povita varca mia    
e tu, Matruzza, nun mi poi aiutari.
Fu dura la to vita, chiù dura di la mia
luttamu tu e ia pi capiri lu senzu di la vita.
qual'è lu so valuri.
Ancora tu duni tantu amuri a mia!
Cent'anni tu ha campari,
comu nascivi, vidiriminni iri,
pirchì, Matruzza, seddu perdu a tia
nun avi senzu chiù la vita mia.
Perdu l'alligria di lu cori

e m'arresta la Malincunia
                                                                                         
  

 

                       

MALINCONIA


Dio com'è dolce questa malinconia
che sono sbattuto come l'onda del mare
e come faccio a salvare questa povera barca mia?
e tu, Madre mia, non mi puoi aiutare.
Fu dura la tua vita, più dura di quella mia,
abbiamo lottato tu ed io per comprendere il senso della vita,
che valore ha.
Ancora tu doni tanto amore a me!
Cento anni devi vivere,
come mi hai visto nascere, così devi vedermi morire,
perchè, Madre mia, se perdo te
non ha senso più la vita mia.
perdo l'allegria del cuore
e mi resta soltanto la Malinconia

                       

 

 Ringrazio Peppe Filippone per avermi dato questo audio.
     Rovistando tra le carte di Rosa che ha lasciato alla biblioteca comunale di Licata ho ritrovato delle poesie scritte di Rosa Balistreri, forse per farne delle canzoni, sicuramente Rosa ne ha scritte tante: ritengo che Rosa Balistreri oltre che artista cantante la si può definire anche poetessa; considerando in premessa che Rosa non frequentò alcuna scuola e che imparò a leggere e a scrivere da grande, posso affermare con certezza che le poesie scritte da Lei come questa ed altre sono di una bellezza  lirica eccezionale, uscite dal cuore di una madre (Poesia a Luca) o di una attivista di partito (Quando lo sciopero è gia compatto) o di una figlia come questa "Malincunia" dedicata alla madre, donna Vicinzina.

 

 


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<