GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 219 visitatori e nessun utente online

  

AMURI LUNTANU 

Otello Profazio

Amuri, amuri quantu si luntanu -
cu ti lu conza lu lettu a la sira;
cu ti lu conza nun lu sa cunzari, -
malateddu ti levi la matina,
cu ti lu conza ti lu conza mali, -
malateddu ti levi la matina.

Vuliva iri comu va la nigghia -
ti viu lu cappeddu unni travagghia
ti viu se ti bolli lassi e pigghia -
o puramenti la fevri lu taglia
no nun lu taglia no ca l’assutiglia -
comu ferru filatu a la tinaglia

Giuvanutteddu quantu si baggianu -
comu l’appogi ssu pulitu pedi
quann u nesci ‘ppi Castelvetranu -
tutti li donni fa vutari arreri
quannu nesci ‘ppi Castelvetranu -
tutti li donni fa vutari arreri.

Amuri, amuri quantu si luntanu -
cu ti lu conza lu lettu a la sira,
cu ti lu conza lu lettu a la sira

AMORE LONTANO

 

Amore, amore quanto sei lontano -
chi ti rassetta il letto la sera;
chi te lo rassetta non lo sa rassettare -
malaticcio ti alzi la mattina,
chi te lo rassetta lo rassetta male -
malaticcio ti alzi la mattina.

Volevi andare come va la nebbia, -
vedo il cappello dove lavori
ti vedo se ti bolle, lascia e piglia -
o puramente la febbre lo taglia
non, non la taglia, nemmeno l’assottiglia -
come il ferro filato con la tenaglia.

Giovanottino quando sei stupido -
dove l’appoggi questo pulito piede
quando esci per le strade di Castelvetrano -
tutte le donne vai voltare indietro;
quando esci per le strade di Castelvetrano -
tutte le donne vai voltare indietro.

Amore, amore quanto sei lontano -
chi ti rassetta il letto la sera,
chi ti rassetta il letto la sera. 

 

Note sulla canzone a cura di Nicolò La Perna

Lionardo Vigo riporta questa canzone al n. 2755 della sua Raccolta amplissima di canzoni siciliane. Anche Alberto Favara la segnala riportando di averla conosciuta da Benedetto Fecarotta che l'aveva a sua volta ascoltato da alcuni carrettieri nel Corso Tukory di Palermo.
Anche Paolo Francesco Frontini la riporta nelle sue "Antiche canzoni di Sicilia"
E’ il canto di una donna che ricordando la lontananza del suo amore, emigrato per lavoro, esprime la sua gelosia verso una eventuale rivale lontana.

 

 

Video di questa canzone in youtube

https://www.youtube.com/watch?v=94sCoJOrMvo
canta Rosa Balistreri

https://www.youtube.com/watch?v=bRDF92GlK0g
Olivia Sellerio

https://www.youtube.com/watch?v=tlZZRC7RfWs
Elsa Guggino

http://www.youtube.com/watch?v=_-WatNSiul0
interpretazione della canzone arrangiata da Paolo Francesco Frontini