GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 75 visitatori e nessun utente online

 

NTRA VIDDI E VADDI

tautore anonimo -  canta: SERENA LAO

 


 

NTRA VIDDI E VADDI

(tradizionale)

Ntra viddi e vaddi e ‘nta voscura funni

unn’é l’amanti mia! di ccà mi spriu

la vaiu pi circari e ’un trovu dunni

pi lu so amuri lu munnu firriu.

Mi votu cu lu mari e spiu all’unni

mi dati nova di lu beni miu

e l’ecu di luntanu m’arrispunni

ca schiava di li turchi si nni ju.

M’addisiassi la spada d’Orlannu

quantu girassi pi tuttu lu munnu

la Agatuzza nni mori chist’annu

cu t’affirravi… ivi! mi cunfunnu.

Fu mammuzza cu cori tirannu

la mannau a mari a circari lu nunnu;

comu ncagliasti, ’un sintisti lu bannu

’un ci jti a mari li turchi cci sunnu.

Pigliati l’armi curriti picciotti

ci voli forza e curaggiu di tutti

cu misi ncruci

e cu mpindia li crocchi

comu traseru sti nfamazzi turchi. 

                            

TRA VILLE E VALLI

(La bella Agatina rapita dai turchi)

Fra ville e valli e tra i boschi fitti
dov'è l'amante mia? di qua è scomparsa!
vado per cercarla e non trovo dove
per amore suo giro il mondo
Mi rivolgo al mare e domando alle onde
mi date notizie dell'amore mio,
e l'eco da lontano mi risponde,
che schiava dei turchi se n’è andata.

Desiderei avere la spada di Orlando
per girare tutto il mondo
la mia Agatina morirà quest'anno,
chi ti ha preso…Ah! io mi confondo.
Fu sua mamma con cuore tiranno
la mandò a mare a cercare il nonno:
come ci sei cascata!

non hai sentito il bando?
" Non andate a mare, i Turchi ci sono " 

Prendete le armi, correte picciotti

ci vuole forza e il coraggio di tutti

contro chi ha messo in croce

e chi ha appeso agli uncini,

come sono entrati questi infami turchi.

 

     

 

      Antica canzone siciliana ambientata nella Sicilia prima del dominio arabo (827 -1061), allorquando le scorrerie dei turchi avvenivano lungo le coste e nei paesi rivieraschi. Da queste scorrerie, per potersi difendere, nascono le varie torri di avvistamento col solo scopo di vedere le navi in avvicinamento e segnalarlo ai castelli viciniori per preparare la difesa con l’aiuto dei contadini e di tutti i cittadini. La storia della bella Agatina, rapita dai turchi mentre andava a chiamare il nonno serve al suo amore per incitare i giovani a lottare contro gli invasori turchi. La canzone viene riportata dal Pitrè nel 1871 tra le leggende e storie con il nome “I pirati” nel suo libro Canti popolari siciliani”

      Nel 1875 il Marino-Salomone riporta nella sua “Storie in poesia siciliana” la ristampa della Historia della bella Agata prisa da li cursali nelli praij vicino a la Licata” così come era stata stampata nel 1566 a Palermo per la stampa di Matteo Mayda.  La canzone è presente anche nel “Corpus” del Favara. L’ultima strofa non è presente nelle raccolte citate e si pensa che possa essere stata aggiunta dalla Balistreri