GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 177 visitatori e nessun utente online

 

LU FOCU DI LA PAGLIA

autore anonimo - canta: SERENA LAO

 


 

LU FOCU DI LA PAGLIA

(tradizionale)

Lu focu di la paglia pocu dura

quantu l’amuri di la munzignara

l’amuri ca durò menu d’un’ura

vampa la capricciusa di mavara.

L’occhiu amurusu miu

ti vitti chiara, surgiva d’acqua

cristallina e pura

ma mètiri li petri di ciumara

è lu risparmiu di la fugnatura.

Stannu sunannu a mortu li campani

ora ca tu ammazzasti

lu miu amuri

lu suli ca scurò cielu e lu mari

e lu me cori è chinu di duluri.

Mi lu mittisti a modu di littani

stannu scavannu fossi e sipurturi

cercanu crozzi e mali cristiani

pi darimi li spini

ncanciu di ciuri

                                                                                                                        

 

 

IL FUOCO DELLA PAGLIA

Il fuoco della paglia poco dura

quanto l’amore di una menzognera

l’amore che durò meno di un’ora

è il fuoco capriccioso

di una cartomante.

L’occhio mio pieno d’amore

ti vide chiara, sorgente di acqua

cristallina e pura

ma non basta togliere

le pietre di fiume perché rimane

il fango della fognatura.

Stanno suonando a morto le campane

ora che tu hai ammazzato il mio amore

il sole che ha oscurato cielo e mare

e il mio cuore è pieno di dolore.

Hai dato il mio cuore ai becchini

stanno scavando fosse e sepolture

cercano teschi e gente cattiva

per darmi spine

in cambio di fiori.                                                                                        

                                                                                 

 

La canzone parla di un amore breve durato poco “meno di un'ora”, come un "fuoco di paglia" che si accende in fretta e in fretta scompare.

      Commovente il lamento iniziale, che nasce dall’amore tradito di una “menzognera”, un tempo “cristallino e puro” che diventa presto “fango di fogna”. “Ora che hai ammazzato il mio amore si è oscurato il cielo e il mare”, “le campane suonano a morto”

      Tristissimo il finale: il cuore dell’innamorato abbandonato e tradito è freddo, morto e viene rappresentato da un cimitero pieno di “teschi e sepolture”  e “da spine in cambio di fiori”.  Disperato il finale col la-la-la un lamento dal quale traspare tutto il dolore, la delusione e la rassegnazione di aver perso l’amata. 
      Strutturalmente la canzone è formata da endecasillabi con accento sulla 6 e 10 sillaba. La tonalità musicale è in Si bemolle minore (la tonalità in minore accentua l’amarezza e la disperazione).

i