GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 142 visitatori e nessun utente online

 

CORI NIURU

parole e musica e canto: ALESSANDRA RISTUCCIA

 

 

 



CORI NIURU

E chi fu? S'apriu lu cielu!
E chi fu? Sinni i' 'ntra 'u mari!
O Signori, no, sta grazia, nun nn'a vosi rialari.
Cori meu, chi avissi a fari?
nni sta terra ppi truvari
na casuzza unni stari
ppi putiri ripusari
niuru lu cori ca veni d'u mari
pigghiatu ppi 'i manu da 'u cielu e li stiddi,
niuru lu cori ca chianci luntanu
vulissi l'amuri e l'amuri nun c'e'
L'avi 'u mari 'i me pinzera
ca l'abbia ppi lu munnu;
li me ossa l'avi 'u suli
si chiesta e' vita m'u dicissi lu Signuri
e quannu pinzu a me genti e a 'u cori di me matri
viju tuttu lu duluri di l'omini sfruttati
E chi fu? S'apriu lu cielu!
E chi fu? Sinni i' 'ntra 'u mari!
O Signuri no sta grazia, si l'eppi a scurdari
niuru lu cori ca veni d'u mari
pigghiatu ppi 'i manu da 'u cielu e li stiddi
niuru stu cori ca chianci cchiu' forti
vulissi 'sta vita aviri 'na sorti (2 volte)                                                                                                                                    

CUORE NERO

E cosa è stato? S'è aperto il cielo!
E cosa è stato? Se ne è andato dentro il mare!
O Signore, no, questa grazia non ce l'ha voluto regalare. Cuore mio, cosa dovrei fare?
in questa terra per trovare
una casetta dove stare
per potere riposare
nero il cuore che viene dal mare
preso per le mani dal cielo e dalle stelle,
nero il cuore che piange lontano
vorrebbe l'amore e l'amore non c'è
Ce l'ha il mare i miei pensieri
e li getta per il mondo;
le mie ossa l'ha il sole
se questa è vita me lo dica il Signore
e quando penso alla mia gente e al cuore di mia madre, vedo tutto il dolore degli uomini sfruttati
E cosa è stato? S'è aperto il cielo!
E cosa è stato? Se ne è andato dentro il mare!
O Signore, no, questa grazia se l'è scordata
nero il cuore che viene dal mare
preso per le mani dal cielo e dalle stelle,
nero questo cuore che piange più forte lontano
vorrebbe che questa vita avesse una sorte.