GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 166 visitatori e nessun utente online

 

E VUI DURMITI ANCORA

testo di Giovanni Formisano - musica di Gaetano Emanuele Calì - canta: ELEONORA ABBRUZZO

 

 

 



E VUI DURMITI ANCORA
musica di Gaetano Emanuele Calì

Lu suli è già spuntatu 'ntra lu mari
e vui bidduzza mia durmiti ancora,
l'aceddi sunnu stanchi di cantari
e affriddati v'aspettanu cca fora,
supra 'ssu balcuneddu su pusati
e aspettunu quann'è cca v'affacciati !

Li ciuri senza vui non ponu stari
su tutti ccu li testi a pinnuluni,
ognunu d'iddi non voli sbucciari
su prima non si grapi 'ssu balcuni,
dintra lu buttuneddu su ammucciati
e aspettunu quann'è cca v'affacciati !

Lassati stari, non durmiti cchiui,
ca 'mmenzu ad iddi dintra sta vanedda
cci sugnu puri iù, c'aspettu a vui,
pri vidiri ssa facci accussi bedda,
passu ccà fora tutti li nuttati,
e aspettu sulu quannu v'affacciati.

E VOI DORMITE ANCORA
testo: Giovanni Formisano

Il sole è già spuntato in mezzo al mare
e voi dolcezza mia dormite ancora,
gli uccelli sono stanchi di cantare
e presi di freddo vi aspettano quà fuori,
sopra il vostro balcone sono poggiati
e aspettano quando voi vi affacciate!

I fiori senza di voi non possono stare
sono quasi tutti appassiti,
ognuno di essi non vuole sbocciare
se prima non si apre il balcone
dentro il bocciolo sono nascosti,
e aspettano quando vi affacciate !

Lasciate stare, non dormite più,
che in mezzo a loro dentro questo vicolo
ci sono pure io che vi aspetto
per vedere il vostro bellissimo viso
passo qui fuori tutte le notti
aspettando solo quando vi affacciate...

.