GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 183 visitatori e nessun utente online

 

A CURUNA

 

 Canto d’amore, sicuramente cantato per le serenate  alla fidanzata; s’intrecciano ricordi fantastici dell’infanzia, “re e regina”, cavallo d’oro che vola” , “l’incoronazione” con parole d’amore. Strutturalmente la canzone è formata da endecasillabi con accenti forti sulle sillabe 6/8/10; Tempo musicale 4/4 con tonalità di Sol minore


 

 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte libro "LE PIU' BELLE CANZONI SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

VITTI NA CROZZA - CIURI CIURI - LA LUNA NMEZZU U MARI - SI MARITAU ROSA -
U SCICCAREDDU - NICUZZA - COMU L’UNNA - LA ME ZITA (QUANTA È LARIA LA ME ZITA) -
COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA - LU ‘NGUI, ‘NGUA, MI VOTU E MI RIVOTU,
A SIMINZINA, CU TI LU DISSI, 
ABBALLATI, ABBALLATI, E VUI DURMITI ANCORA,
LA VINNIGNA, 
A CURUNA, A VIRRINEDDA, VITTI NA VEDDA – LU BASILICO’ 
TU SI BEDDA AH! CUMMARI NINA, AH! CUMMARI VICENZA, ACIDDUZZU DI ME CUMMARI,
LA PAMPINA DI L’ALIVU, 
 AVO’, FILASTROCCHE SICILIANE (Chiovi, chiovi, Mani manuzzi, Dumani è duminica,
LU FOCU DI LA PAGLIA, SANT’AGATA CH’E’ AUTU LU SULI, STIDDA D’AMUR, I PIRATI A PALERMU,

LA CAMPAGNOLA

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071 costo €: 7,00

 

A CURUNA

Arsira lu me beddu vinni fora

supra un cavaddu d’oru chi vulava.

Sutta li me finestri e li balcuna

c’un fazzulettu nmanu e lacrimava.

S’affaccianu lu re cu la rigina

a sta picciotta l’hamu a ncurunari.

Sugnu picciotta nun canciu parola

a iddu vogliu e non vogliu curuna.

                                                                                                                                

                                                                    

LA CORONA

Ieri sera il mio bello venne fuori

sopra un cavallo d’oro che volava.

Sotto le mie finestre e i miei balconi

con un fazzoletto in mano e lacrimava.

Si affacciano il re e la regina

a questa giovane la dobbiamo incoronare.

Sono giovane e non cambio parola

a lui voglio e non voglio corona.