GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 100 visitatori e nessun utente online

 E LA LUNA 'NMEZZU U MARI

 

«La luna è nmezzu u mari» è una delle canzoni siciliane più note e cantate ancora oggi da gruppi folkloristici ma anche nelle gite o incontri fra amici.

Nella canzone parla la ragazza che dice di volersi sposare, parla la mamma proponendogli tanti giovanotti e il lavoro da questi svolti. Le strofe sono moltissime come moltissimi sono i lavori ma ad ogni giovanotto la madre trova un difetto. Canzone allegra, piena di doppi sensi che portano a far sorridere i presenti. 
Oggi non vi sono più matrimoni combinati come una volta, non c’è più il ruffiano che combinava i matrimoni, la scuola obbligatoria per tutti, i nuovi mezzi di comunicazione, televisione, cellulari, internet hanno cambiato la vita sociale e soprattutto dei ragazzi e delle ragazze, Le ragazze oggi non stanno alla finestra aspettando i giovanotti con le loro serenate, escono e rincasano tardi, e il matrimonio combinato è solo un ricordo.
Interessante questa canzone perché fa un elenco dei mestieri di una volta, alcuni ancora attuali, altri tramontati come il calzolaio o il carrettiere e li fa conoscere ai ragazzi di oggi.

 

 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte del 1° dei libri "LE PIU' BELLE CANZONI SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

VITTI NA CROZZA - CIURI CIURI - LA LUNA NMEZZU U MARI - SI MARITAU ROSA - 
U SCICCAREDDU - NICUZZA - COMU L’UNNA - LA ME ZITA (QUANTA È LARIA LA ME ZITA) - 
COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA - LU ‘NGUI, ‘NGUA, MI VOTU E MI RIVOTU, 
A SIMINZINA, CU TI LU DISSI, 
ABBALLATI, ABBALLATI, E VUI DURMITI ANCORA, 
LA VINNIGNA, 
A CURUNA, A VIRRINEDDA, VITTI NA VEDDA – LU BASILICO’ 
TU SI BEDDA AH! CUMMARI NINA, AH! CUMMARI VICENZA, ACIDDUZZU DI ME CUMMARI, 
LA PAMPINA DI L’ALIVU, 
 AVO’, FILASTROCCHE SICILIANE (Chiovi, chiovi, Mani manuzzi, Dumani è duminica, 
LU FOCU DI LA PAGLIA, SANT’AGATA CH’E’ AUTU LU SULI, STIDDA D’AMUR, I PIRATI A PALERMU,

LA CAMPAGNOLA

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071 costo €: 7,00

 

LA LUNA NMEZZU U MARI
C'è
la luna 'mmenzu 'o mari

mmamma mia ma 'maritari,

- figghia mia a ccu t' ha dari

- mamma mia pensici tu.

Si ti dugnu lu scarparu

iddu va, iddu veni

'u marteddu 'n manu teni.

Si ci acchiana la fantasia

mi marteddia la figghia mia.

Oh! mammà mi vogghiù marita…

oh! mammà mi vogghiù marita…

oh! mammà mi vogghiù marita…

- figghia mia a ccu t' ha dari

- mamma mia pensici tu.

Si ti dugnu 'o carritteri,
iddu va, iddu veni
sempri a zotta 'manu teni,
si ci
pigghia la fantasia:
spaia u
sceccu e 'mpaia a tia.

Oh! mammà mi vogghiù marita…

Si ti
dugnu 'o muraturi,
iddu va, iddu veni
e a
cazzola 'mmanu teni,
si ci
pigghia la fantasia:
cazzulia la figghia mia.

Oh! mammà mi
vogghiù marita…

Si ti
dugnu 'o macillaiu
iddu va, iddu veni,
e a
sasizza 'mmanu teni,
si cci
pigghia la fantasia:
ccu ddu caddozza ti sazia.

Oh! mammà mi
vogghiù marita…

Si ti dugnu lu zappunaru

iddu va, iddu veni

'u zappuni 'n manu teni.

Si ci pigghia la fantasia

mi zappunia la figghia mia.

Oh! mammà mi vogghiù marita…

Si ti dugnu lu chiancheri

iddu va, iddu veni

la sasizza 'n manu teni.

Si ci pigghia la fantasia

mi sasizzia la figghia mia.

Oh! mammà mi vogghiù marita…

Si ti dugnu lu pisciaiolu

iddu va, iddu veni

e lu pisci 'n manu teni,

Si ci pigghia la fantasia

mi pisciulia la figghia mia.

Oh! mammà mi vogghiù marita…

Si ti dugnu l’urtulanu

iddu va, iddu veni

lu citrolo 'n manu teni.

Si ci pigghia la fantasia

mi citrulia la figghia mia.

Oh! mammà mi vogghiù marita…

Si ti dugnu 'o pasticceri,

iddu va, iddu veni

e u cannolu a manu teni,

si ci pigghia la fantasia:

u cannolu ciù duna a tto zia.

Oh! mammà mi vogghiù marita…

                                         

LA LUNA IN MEZZO AL MARE
C'è
la luna in mezzo al mare

mamma mia mi devo maritare,

- figlia mia a chi ti devo dare,

- mamma mia pensaci tu.

Se ti do il calzolaio
lui va, lui viene,

e ilo martello in mano tiene,

se gli prende la fantasia:

martella la figlia mia.

Oh! mammà mi voglio maritar,

oh! mammà mi voglio maritar

oh! mammà mi voglio maritar

-figlia mia a chi ti devo dare,

-mamma mia pensaci tu.

Se ti dò il carrettiere,

lui va, lui viene,

e la frusta in mano tiene,

se gli prende la fantasia:

stacca l'asino e attacca te. 

Oh! mammà mi voglio maritar

Se ti dò il muratore,

lui va, lui viene,

e la cazzuola in mano tiene,

se gli prende la fantasia:

cazzulia la figlia mia.

Oh! mammà mi voglio maritar…

Se ti dò il macellaio,

lui va lui viene,

e la salsiccia in mano tiene,

se gli prende la fantasia:

con due rocchetti la sazia.

Oh! mammà mi voglio maritar…

Se ti do il zappatore

lui va, lui viene,

e la zappa in mano tiene,

se gli prende la fantasia:

da colpi di zappa la figlia mia.

Oh! mammà mi voglio maritar…

Se ti do il macellaio
lui va, lui viene,

e la salsiccia in mano tiene,

se gli prende la fantasia:

da colpi di salsiccia alla figlia mia.

Oh! mammà mi voglio maritar…

Se gli do il venditore di pesce
lui
va, lui viene,

e il pesce in mano tiene,

se gli prende la fantasia:

da colpi di pesce alla figlia mia.

Oh! mammà mi voglio maritar…

Se gli do l’ortolano

lui va, lui viene,

e il cetriolo in mano tiene,

se gli prende la fantasia:

da colpi di cetriolo alla figlia mia

Oh! mammà mi voglio maritar…

Se gli do il pasticciere
lui va, lui viene,

e il cannolo in mano tiene,

se gli prende la fantasia:

da colpi cannolo alla figlia mia.

Oh! mammà mi voglio maritar