GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 181 visitatori e nessun utente online

 

VITTI NA CROZZA

 

“VITTI NA CROZZA” Storia di una canzone.

La canzone “Vitti na crozza” è ritenuta la canzone siciliana più conosciuta fuori dalla Sicilia e
spesso viene identificata con la Sicilia, anzi viene portata a vessillo canoro della Sicilia. Varie sono le versioni cantate, dalle più antiche (Michelangelo Verso anni 1950) alla versione di Modugno, Carlo Muratore, Alfio Antico, Otello
Profazio, Rosanna Fratello, Franco Battiato, Gianna Nannini, Lauria Pausini, Amalia Rodriguez, I Mattanza, Luigi Di Pino, Gian Campione, vari complessi e gruppi folkloristici etc.
Ricercando nei libri di canzoni siciliane quali le raccolte di Alberto Favara (Salemi 1863-1923), etnomusicologo, di
Lionardo Vigo (Acireale 1799-1879), poeta e filologo, di Giuseppe Pitrè (Palermo 1841-1916), scrittore e folclorista, Francesco P. Frontini (1860-1939), musicista e compositore, Salvatore Salamone Marino (Borgetto 1847-1916), folclorista ed altri, non vi è traccia di questa canzone.
Soltanto un accenno nell’archivio per lo studio delle tradizioni popolari di
Pitrè e Salomone, 1885 in cui c’è questo verso: “A li dannati — di lu primu cori Fui curiusu e ci vosi spiari: « E siti greci, cristiani o mori , Comu patiti tanti peni amari? » che evidentemente benché vi sia il verso “fui curiusu e ci vosi spiari” non si riferisce alla canzone “Vitti na crozza” ma ad altra poesia con altro argomento.
Il fatto, però, che non si riscontra in questi libri non significa che la canzone “Vitti
na crozza” non sia canzone popolare, intendendo con il termine di canzone popolare un canto nato sicuramente da un autore e che però nel tempo ha subito sottrazioni, aggiunte, migliorie nel corso dei tempi e in vari contesti locali, per cui l’eventuale testo primitivo molto si può discostare dal testo corrente.

E’ sicuro che gli autori sopra riportati che hanno raccolto migliaia di canzoni siciliane già dal 1850, non hanno censito tutti i paesi siciliani, fermandosi ognuno nel territorio di appartenenza essendo impossibile per ognuno di loro girare tutti i paesi e raccogliere tutte le canzoni, solo per fare un esempio non ho trovato nei libri di raccolta di canzoni siciliane canti di Licata; per cui il non trovare il testo della canzone “Vitti na crozza” nei testi di raccolta di canzoni siciliane non significa che questo canto non è di origine popolare, ma soltanto che non è riportato nei testi di raccolta;
In verità sulle origini di questo canto vi sono varie interpretazioni.  
Leggi tutto il saggio sulla canzone Vitti na crozza a cura di Nicolò La Perna

 

 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte del 1° dei libri "LE PIU' BELLE CANZONI SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

 VITTI NA CROZZA  - CIURI CIURI - LA LUNA NMEZZU IU MARI - SI MARITAU ROSA - U SCICCAREDDU  - NICUZZA -COMU L’UNNA
 LA ME ZITA (QUANTA È LARIA LA ME ZITA) - COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA - LU ‘NGUI, ‘NGUA

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071

 

VITTI NA CROZZA

Vitti na crozza supralucannuni 
fui
curiuso e ci vossi spiare 
idda m'arrispunniu cu gran duluri 
murivi senza un tocco di campani 
Larallalleru…….
Si nni eru si nni eru li me anni 
si
nni eru si nni eru un sacciu unni 
ora
ca sugnu vecchio di ottant'anni 
chiamu la morti i idda m arrispunni 
Larallalleru…….

Chi n‘aiu a fari chiu' di la me vita
non
sugnu bonu chiù di travagghiari
'sta vita è fatta tutta di
duluri
e
d'accussinun vogghiu chiù campari.

Larallalleru…….

Cunzatimi cunzatimi lu me letto 
ca di li vermi su manciatu tuttu 
si
nun lu scuntu cca lume peccatu 
lu scuntu all’autra vita a chiantu ruttu 
Larallalleru…….

Altre
strofe.

C'è nu giardinu ammezu di lu mari 
tuttu ntessutu di aranci e ciuri 
tutti l'
acceddi cci vannu a cantari 
puru i sireni cci fannu all'amuri

Larallalleru…….

Senti li trona di lu Mungibeddu
chi
jietta focu e fiammi di tutti i lati;
oh
Bedda Matri, Matri Addulurata,
sarva la vita mia e da ma amata.                                            

 

HO VISTO UN TESCHIO

Ho visto un teschio sopra ad una torre,
ero curioso e volli domandare.
Esso mi rispose con gran dolore:
"Morii senza il tocco delle campane". 
Larallalleru…….

Se ne sono andati, se ne sono andati miei anni,

se ne sono andati, se ne sono andati non so dove,

ora che sono vecchio d’ottantanni,

chiamo la morte e nessuno mi risponde.  Larallalleru…….

Cosa debbo fare ormai della mia vita
non sono buono più per lavorare
questa vita è fatta tutta di dolori
e in questo modo io non voglio più vivere

Larallalleru…….

Preparatemi, preparatemi il mio letto

che dai vermi sono mangiato tutto.

Se non lo sconto qua il mio peccato,

lo sconterò nell’altra vita, a sangue rotto.

Larallalleru…….

Altre Strofe
C'è un giardino in mezzo al mare

tutto intessuto di aranci e fiori,
tutti gli uccelli ci vanno a cantare,
pure i pesci ci fanno l'amore. 
Larallalleru…….

Senti i tuoni di Mongibello (Etna)
che butta fuoco e fiamme da tutti i
lati;

oh Bella Madre, Madre Addolorata,
salva
la vita mia e della mia amata.