GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 64 visitatori e nessun utente online

 
LA STORIA DI TURI GIULIANU 1° parte

CICCIO BUSACCA
 
 
 
VEDI COPERTINA E CARTELLONE "LA STORIA DI TURI GIULIANO" 
Il prologo:
E' arrivatu lu cantastorii sicilianu Cicciu Busacca
pi farvi sintiri tutta la storia di lu banditu Giulianu
"Vogghiu cantari ccu sensu sirenu
tutti chiddu ca fìci Giulianu.
L'omu ca pi sett'anni nenti menu,
fici trimari sutta li so manu
e ppi diri ca Turi fu 'mpurtanti,
lu ntitularu Re di li briganti.
Parlato:
La guerra signuri è stata
la guerra rovinò a Turiddu
e rovinò tanti autri genti poveri
Tutti n0arricurdamu ca in tempu di guerra
mancava lu pani, la fami è una brutta cosa
la fami èuna cosa ca un si pò suppurtari
li ricchi lu pani lu davanu a li cani
li poveri lu ddisidiravanu
ma oggi vogghiu pruvari
se veramenti sono nato
con la malasorti dissi sta vota
ci dugnu la morti a cui leva la panza
e li diritti ccussì dicennu
si 'ntisi cchiù forti
e parti ccu li denti strini strini
stavota era armatu Giulianu
di na pistola a portata di manu.
parlato
e dissi oggi a cui mi leva lu pani
ci levu la vita
cu st'intinzioni è partitu Giulianu
carrica lu frummentu e chianu chianu
stava turnannu in casa lu mischinu
ma duranti la strada cci 'ncuntranu
ddi du carabbinieri ppi distinu
lu frummentu cci ficiru pusari
e sparti lu vulevunu arristari.
parlato
Ma Turi quannu ci vidii pigghiari li ferri
pi putrlo ncatinari: mischinu
nun si potti cchiù frinari
e ntisi 'nfocu d'intra lu so cori
po ' ccu svirtizza
incumincia a sparari
ca unu di ddi dui di corpu mori
l'autru fu firitu gravamenti
e Giulianu scappau lestamenti
Na guardia campestra dda prisenti
spara contro di Turi sull'istanti
e Turi ma fu fìritu liggiarmenti
e s'alluntana di ddi canti, canti
'ncontrau n'amicu lu giovini Turi
e si mannau a chiamari lu dutturi.
Amicu signuri lo porta sutta un ponti
e parti di cursa e torna di cursa
Giuvanni nsemula a lu dutturi
Lu medicu ca era un gran signuri
di notti e notti parti a midicari
a ddu picciotttu di tantu valuri
ca risicau la vita ppi manciari
e non appena Turi fu guaritu
parti in muntagna a fari lu banditu.
Sintiti chi succedi a lu 1943 lu 15 ottobbri
Turiddu ca non c'era abiduvatu
'nta li muntagni a fari lu banditu
passannu mmisi s'avea stancatu
e torna 'ncasa lu giuvini arditu
sintiti amici sintiti
lu pinsati quannu Turiddu arriva
la matri comu si lu braccia
Figliu, figliu pirchì ti si ruvinatu
pircì ti sei ruvinatu, guardami in faccia
dimmi la verità, ma Turi per incoraggiare la madre
e calmare le lacrime ha detto: Madre fai coraggio
vuol dire che il mio destino e chistu
pittosto sento fame madre, priparami di mangiare
e mentri iddu manciava sinteva rumura ntorno a la casa
Patri, patri, diceva Turiddu, affacciati
mi sembra che sentu rumuru stranu
un rumuri ca nun mi piaci, patri, affacciati
viditi chi cosa succedi,
lu patri affaccia di la finestra e vidi la casa circundata
da la liggi. trimava lu patri: figliu, figliu,
qualcunu t'ha fattu la spia
qulcunu t'ha traditu, figghiu miu
la casa è circundata, t'arrestunu
trimava ddu patri ma di cursa a so figghiu ammucciava
'ntra nna scuntigliu ca sicuru c'aveva
scavatu d'intra muru si truvava
d'arreri 'nquatru e nenti si videva
la liggi trasi e lu circau invanu
a lu banditu Turi Giulianu.
Ddocu lu marasciallu, amici cari,
ordini desi a ddui carabbineri
e a lu patri di Turi fici arristari
e si lu porta cu modi siveri
Turi doppu successa sta scinata
dissi a so matri non stari scantata.
Curaggiu matri, me patri tornerà in giornata
e se me patri non torna in giornata
Ti giuro matri mia matruzza amata
ca ccu mia sbagghianu la partita
siddu me patri non torna na iurnata
a quattro a quattro cci levu la vita
di fatti allindumani riturnau
a Montelepri Turi e s'ammucciau.
Signuri ventiquattr'uri hannu passatu
la parola di turi era un atto
l'indomani notti Turi ritorna a lu paisi
s'informa che il padre non era ancora uscito
e si nasconde Turi, nda un puntu scuru s'appustau
carricatu di nervi e di curriu
e dopo un quartu d'ura c'aspittau
sintiti, amici, sintiti,
la pattuglia 'nserviziu nisciu
pigghia la mira, tira lu grillettu
e a tutti dui ci sbucau lu pettu
Signuri, ormai Turiddu era un omu pirdutu
persiguitatu da la liggi al cento per cento
tutti i dilinguenti ca sintevanu u nomu di Giulianu
si ni vannu in muntagna, quattru oggi,
quattro domani, quattro dopodomani la banda crisceva
24 Dicembri 1945
Era Natali, e Turi Giulianu,
pinsava a la famigghia lu mischinu,
guardava Muntilepre di luntanu,
e aveva lu so cori d'amarizza chinu.
Pirchì, pinsava ca dda bedda festa
la duveva passari a la furesta.
Se è vero che avete coraggio
scendiamo in paese tutt insieme a festeggiare la festa
non si sa mai quello che po succedere
Oggi siamo in libertà domani siamo in carcere
oggi siamo vivi, domani siamo morti e allora
tutti in paese
Mentri Turiddu radunava la banda in montagna
il maresciallo radunava i carabinieri in caserma
Dunque ragazzi
Tratto da 
http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=2836&biografia=Salvatore+Giuliano
Salvatore Giuliano nasce a Montelepre, in provincia di Palermo, il 22 novembre 1922, da una famiglia di modesti contadini che cresce il ragazzo educandolo ai valori della fede e del lavoro.
Ed è proprio quando è alle prese con le dure fatiche quotidiane che, mentre trasporta due sacchi di frumento acquistati di contrabbando, nel torrido pomeriggio del 2 settembre 1943, che viene bloccato da una pattuglia di carabinieri; Turiddu, come lo chiamano in casa, abbandona frumento e cavallo e si dà alla fuga. Ferito da due dei molti colpi di fucile che i gendarmi gli sparano, egli estrae la pistola che prudenzialmente porta con sé per difendersi da eventuali incontri con i briganti e fa fuoco uccidendo accidentalmente uno degli inseguitori. Riesce a trascinarsi in un bosco facendo perdere le proprie tracce, ma da quel momento la sua vita è segnata.
Soccorso da alcuni contadini e poi dai suoi familiari, trascorre circa un mese in condizioni di salute molto instabili, nascosto in una casa abbandonata, a Palermo, ed assistito da un medico, il prof. Purpura, uomo onesto e di idee fortemente separatiste che va spesso a visitarlo.
Nel corso dei loro incontri il professore informa Salvatore della fine della guerra, ma lo istruisce altresì sulla storia e sui patimenti del popolo siciliano convincendolo della bontà del progetto indipendentista "Sicilia-Nazione".
Rimessosi in salute il ragazzo fa ritorno nella casa di Montelepre, rimanendo sempre guardingo e pronto alla fuga nel caso di arrivo dei gendarmi. E infatti, nella notte del 23 dicembre 1943, a Montelepre piombano 800 carabinieri per catturarlo. Ne fa le spese suo padre che, uscito di casa per verificare la presenza dei militi, viene da questi bloccato e crudelmente malmenato. Salvatore riesce a fuggire, dopo aver ucciso un carabiniere e feriti altri due.
Si rifugia in una grotta, e inizia così la sua vita di latitante nei boschi. Raccoglie intorno a sé altri ricercati formando una banda e riuscendo presto, associando a delitti e rapine una grande generosità verso i poveri, a costruire intorno al suo nome un alone di leggenda.
Col cinismo che oramai lo contraddistingue, pone al servizio della politica la sua forza e la sua popolarità. Nel 1945 è nominato colonnello del'esercito separatista, ma ben presto abbandona il movimento (MIS-EVIS, Movimento Indipendentista Siciliano - Esercito Volontario per l'Indipendenza della Sicilia) e sostiene prima i Monarchici e poi la Democrazia Cristiana.
Utilizzato nella lotta contro il comunismo, tanto dalla politica quanto, pare, dalla mafia, dopo il successo delle sinistre alle elezioni siciliane del 1947, il 1° maggio Salvatore Giuliano e la sua banda aprono il fuoco sulla folla radunatasi a Portella della Ginestra per la festa del lavoro: è un massacro, con 11 morti, fra cui due bambini, e 27 feriti, alcuni dei quali moriranno di lì a dopo.
La repressione durissima che ne segue, nei confronti del brigantaggio, non riuscirà tuttavia a colpirlo. Sarà trovato morto, il 5 luglio 1950, a Castelvetrano. Si dirà che l'autore dell'assassinio sia stato un suo cugino e luogotenente, Gaspare Pisciotta; gli atti processuali indicheranno, invece, il capitano Antonio Perenze quale autore dell'uccisione, in uno scontro a fuoco fra carabinieri e briganti; qualcun altro dirà che quel corpo addirittura non fosse il suo, ma la vicenda rimane avvolta nel mistero. E senza risposta rimane l'interrogativo sull'esistenza e sull'identità dei mandanti della strage di Portella.
Salvatore Giuliano muore dunque all'età di 28 anni: per i siciliani resterà un eroe romantico, mitico, celebrato in molte ballate della cultura popolare.