GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 233 visitatori e nessun utente online

 
LA STORIA DI GIUANNI ACCETTA

CICCIO BUSACCA
 
 
 
 







E allura comu viditi, amici, è arrivatu lu cantastorii sicilianu
Cicciu Busacca pi farivi sintiri una storia veramenti bella
la storia da tutti richiesta la storia di tutti desiderata
Giovanni Acceta: l'innuccenti vinnicaturi
(Guardare il cartelluni che si trova fotografato nella foderina del disco)
E' una storai, signori, che è successa al 1974
che tanti e tanti si ricordanop, allura quando ho fatto questa storia
avevo una macchina, una cinquecento che si chiamava la Topolino
e allora incomincia la storia e dice
Quannu mi fermu cu sta Tupulinu mi pigghiu a chiratta 'nda la manu
e cantu a li persuni chiù vicinu, un fattu successi veramenti stranu
un fattu cha a lu sentiri fa spaventu, giusta vendetta pi lu tradimentu.
Dove è successu stu tradimentu?
'Nda un paiseddu chiamatu Turrentu, pruvincia d'Avellinu bellapuntu
'nta la strada che porta a Beneventu successi tali storia ca raccuntu
pi curpa di una fimmima civetta, donna malvagia e digna di scupetta.
Pirchì era civetta? pirchì si fici zita cu Giuanni Accetta
c'abitava 'nfrnti a la so porta, ma sparti d'iddu a Tanu dava retta
ma Giuanni nun sa supporta, cusì dda sira Giuanni
cu Tanu pi dda civettasi contrapigghianu.
(ecco signori, guardare il cartellone al primo quadro si vede Giuanni Accetta
e la bedda ragazza, la bedda fidanzata
ma una sira difgraziatamente Giuanni Accetta si ritira dal cinema
e vede ad Angiliana che parla con Gaetano
così ci sono state parole (al secondo quadro grardare
parole, però solo parole, nessunu di li dui fici di manu
che tanti amici c'eranu vicinu, tutti curreru,
ed accussì calmanu pi ddu mumentu lu malu distinu
ma duranti la notti a Gaetanu davanti a la so porta ci sparanu.
Ecco, signori, l'avete capito com'è la storia: avevano avuto parole Giuanni e Gaetano
ma poi gli amici l'hanno diviso e ognuno se ne è andato per i fatti suoi,
Giovanni se ne è andato a casa sua, Gaetano se ne è andato a cinema
ma mentre che si ritirava da cinema nel momento che stava entrando a casa sua due colpi
colpi di pistola, ma siccome didgraziatamente aveva avuto parole
due ore prima con Giovanni Accetta
all'indomani a Giuanni arristanu ca in carceri chianceva lu mischinu
nuccenti: comu Cristu m'attaccanu diceva e ripiteva di cuntinuu
e intanto dopo un anno carzarato a la corti d'Assisi fu purtatu
Vinti persuni s'hannu presentatu, cumprisa a dda sirpazza di Cannitu e a li giurati
ci hannu dichiaratu che fu Giuanni, assassinu accanitu
ed accussì lu poviru Giuanni nuccenti cunnannatu fu vint'anni.
Ecco, signori, la disgrazia di Giuanni Accetta, (guardare il quadro numero quattro)
L'indumani mattino senti bussari a la porta: La legge, li mettono i ferri comi viditi e
e se lo portano in carcere é inutile che Giuanni piange, e giura di essiri innuccenti
nessuno lo crede (al quadro numero cinque si vidi Giuanni a la corti d'Assisi)
A la corti d'Assisi dove si presentano venti testimoni falsi
e dichiarono tutti di avere visto Giuanni quella sera che spara contro a Gaetano
così il giudice spara vent'anni, siognori vent'anni
Cu lu cori spezzatu dal'affanni chianceva e dissi: Nuddu mi cumprenni
ma giuru davamti A Diu che è veru ranni ca lu me chianmtu supra a vui si stenni
e di la morti nessunu si scansa cui fici falsa tistimunianza.
Qualsiasi persuna, signuri, al posto di Giovanni che sente diri vent'anni di carcere
nuccenti comu Cristu l'ha capitu ca tutta la colpa ce l'avevanu i testimonio
e l'ha detto davanti a tutti nella corti d'Assisi: Vi giuru davanti a Diu
ho verntidiue anni, se li arrivo a scontare tutti saranno quaranta due anni
i giudici non hanno colpa, la Legge non ha colpa, la colpa ce l'avete voialtri
che avete testimoniatom il falso, ma ve lo giuiro ca di la morti non si scansa nessuno
che ha fatto falsa testimoniana Il giudice che lo sente parlare in questo modo
ordina a due carabinieri: Immediatamente portatelo nel carcere
l'hanno portato nel carcere signori, Giuanni fu purtatu dda na stanza
di la galera a fari pinitenza e pi quattr'anni
ni suffriu 'bbasstanza, duluri peni e notti e ghiornu pensa (sintiti, amici, sintiti)
pensa e ripensa e 'ncontra un carceratu Mariu Conti a vita cunnannatu.
E intanto, signuri, lu poviru Gouanni ha fattu quattro anni
piange notti e ghiornu, ma sapete come sono sti cosi
Giuanni era accusatu di un delitto ed allora non lo potevano portare in uh piccolo carcere
sarà portato nelli grandi carceri, dove ci sono quelli condannati a vita
ma Giuanni si faceva rispettare da tutti; c'era nello stesso carcere Mario Conti
condannato a vita perchè aveva fatto quattro omicidi
così parlando oggi e parlando domani, Mario crede l'innucenza di Giuanni:
Fai coraggio Giuanni, fai coraggio, non aver paura
c'è Cristu, c'è la mano divina che aiuterà a tutti, aiuterà il giusto
perciò, signori, parlano oggi, parlano domani, l'unu cu l'autru s'hannu cunfidatu
tutti due cu lu cori risolutu, Mariu dissi a Vanni:
C'haiu pruvatu, ma di scappari non m'ha rinisciutu
(sint,i amici, sintiti) Ora c'haiu sta lima assai putenti
ca li sbarri taglia e nun si senti.
A nessuno l'aveva confidato quel segreto Mariano Conti
ma a Giovanni che lo voleva bene glielo ha detto: Senti Giuanni ascoltami beni
So che sei un uomo che ti posso confidare un segreto;
Ho fatto tante volte la prova di scappare, ho avuto sempre il desiderio di potere scappare,
manon ci sono mai riuscito; ora finalmenti gli amici mi hanno madato questa lima
Stai tranquillo fra pochi giorni saremo fuori
Questa lima taglia le sbarre e non si sente
Giuanni addi paroli fu cuntenti e ppi scappari stava sempri pronti
e na notti scurusa finalmenti scappa Giuanni e matiano Conti
li vistiru li guardi ci sparanu, scappa Giuanni, ma morsi Mariano
Di fatti signori, arrivò il momento di scappare e scappano
ma solo uno scappa, come avete sentito se ne è accorto una guardia
e spara contro a Giuanni e contro a Mariano
pero, signuri c'è stata la mano divina che l'ha aiutati a scappare
Giunni è riuscito a scappare mentre morsi ammazzatu Mariano
subbitu li giurnali ni parlanu che di 'ngalera scappau Giuanniono
10,00
perciò tutti l'infami s'ammuccianu, pi'alluntanari lu bruttu distinu
e aspittavunu tutti l'infamuni ca Vanni Accetta a turnava in prifiuni
(Al quadro numero sette si vidi comu scappanu i detenuti e come mori Mariano)
ma l'indomani il giornale, il giornale, signori, passa in tutta Italia
e arriva anche nel paese dove abitava Giuanni, dove c'eranu tutti i testimoni falsi
(guardare al quadro numero otto che qualcuno legge i giornali in piazza:
attenzione! questa notte sono scappati due detenuti Giovanni Accetta e Mariano Conti
ma fortunatamente una guardia se ne è accorto, spara due colpi.
però arrivò ad uccidere solo a Mariano
Giuanni è riuscito a scappare, lo pensate tutti gli infami che sentono queste parole dal giornale
come incominciano a scappare e si inginocchiano davanti ai quadri di San Giuseppe
e della Madonnna a pregare che Giuanni ritornassi in prigiuni
ma Giuanni nun perdi la ragiuni, teni lu sangu friscu 'nda li vini
passa la vita tra munti e vadduni, pi non trurnari ammenzi di catini
e dopu un misi che era scappatu in casa di un frati so s'ha prisintatu.
ci iu di notti e la porta ha bussatu e dissi: c'è pirmissu, ti salutu
ma siccomi Giuanni era truccatu, mancu lu fratu so l'ha canusciutu
(era vistutu di vecchiu, amici,) Giuanni dissi sugnu un vicchiareddu
mannatu di to frati Giuanneddu.
Signor,i di notti era, Giuanni bussa alla porta di suo fratello Peppino,
Peppino apree non conosce che è Giovanni sotto quella barba
Buonasera ha detto il vecchio, sei tu Pippino Accetta
sonon mandato da tuo fratello Giovanni, Me frati? Giuanninu
Figghiu beddu, dicitamillu unni si trova iddu?
Sta murennu di fami nuzzinteddu e sta chiancennu comu un picciliddu
Chianci pirchì di tutta la famiglia di iddu nuddu di pena si pigghia
Na stu frattempu si senti una schigghia, una scigghia forti ca lu cori taglia
unni Giuanni si fici maravigghia e lu sangu di 'ncoddu si ci attagghia
(pirchì, amici, sintiti) pirchì visti a so matri ca chianceva
e di chianciri non ce la fineva.
Era la madre, amici, la madre che era corcata nella seconda stanza
e non appena senti bussare alla porta, la prina a sentirlo è stata la madre
ascoltava con le orecchie aperte e sente parlare il vecchio
e sente che il vecchio parla di Giovanni, la madre esce gridanno
Gridi faceva; Unn'è me figghiu, mischina, diceva
Dicitimillu vui, unni si trova, cussì dicennu a ddu vecchiu strinceva
ca di so figghiu ci purtau la nova e ci cascau davanti inginucchiata
ca pareva la Matri Addulurata
(a lu quatru numeru novi, guardati quella povira matri inginocchiata)
Ma Giuanni vidennu sta scenata, lu chiantu si frinau chiù di na vota
tra lu cori si 'ntisi na vampata (c'abbrusciava lu cori, sintii)i
e grida forti cu la lingua sciota: (amici, ascoltate) Matri, matruzza mia sugnu Giuanni
che ritornu ni tia dopu quattru anni

Voleva nascondere il segreto, signori, ma di fronte ad una scena simile
come si può nascondere il segreto (guardare al quatro numero nove)
Pippinu, la moglie di Pippinu, lu vecchiu e la matri inginocchiata di fronte al vecchio
Ma lu poviru vecchiu vedendo quella donna inginocchiata
non ha potuto sopportare il segreto e grida, ci dissi Madre
alzatevi, non vi voglio vedere inginocchiata di fronte a vostro figlio
Iu nun sugnu un vecchiu, iu sugnu to figghiu Giuanni
Magtri lu to duluri ha statu ranni e li suffrimenti grossi e funni
ma giuru, Matri mia, ca tutti l'affanni cascanu, u sacciu ia, u sacciu unni
supra ddi infami ca signati sunu e di la morti non scappa nessuno
ti giuru matri, nun ni sbagghiu unu, li cercu tutti
puri a Giacuminu
si non prima ni cuntu vintunu
non m' arrassignu pi lu me distinu (e perchè deve morire Giacomo, sentite)
Giacomo mori pirchì si spusau a dda picciotta ca mi ruvinau.
Signori, Giuanni parlando con la madre si informa di Angilina
e la madre ha detto che Angilina aveva sposato a Giacomo Costa
così Giovanni scrive un'altro in nota, erano vinti e addivintaru vintunu
ti giuro matri, non nni sbagghiu unu saranno tutti cancellati dal mio libro ad uno ad uno.
Giuanni a la famigghia sdalutau, di notti e notti e subitu partiu
ma prima di partiri ci giurau Matri li cosi giusti fazzu iu
Iu fazzu mali a cui mi fici mali e trattu l'infamuni tutti uguali
Cercava di fermarlo la madre, ma non c'era nessuna potenza di putiri firmari a Giuanni
Non chianciti , matri e non giudicatemi male
Io non faccio male a chi non mi ha fatto male, ma quelli che mi hanno fatto male
saranno trattati malòe Parti Giuanni, e apprima cerca come è naturale li dui spusini
e vidirili li volli, Vanni sembrava un vecchiu tali e quali,
ca pi scrivirlu nun ci so paroli (sintiti, amici, sintiti)
ma Giacuminu cu la so cumpagna
sfullati si truvavanu in campagna.
Giuanni, signuri, cerca la dui sposini, ma Giacomo con la sua compagna
si trovavano scappati in campagna allo scopo di allontanare il pericolo di Giovanni
lu vivvhiareddu senza ca si spagna camina, pensa e s'arraspa la tigna
cu lu cuteddu lu vrazzu si sagna e cu ddu sangu li nomi si signa
dissi li primi dui già sunu signati ora ci fazzu fari dui risati
campagna li truvau, beddi assittati ca mangivanu cosi saporiti
boongiornu dissi e non vi 'ncumudati, vogghiu sapiri si mi canusciti
(a lu quatru numiru deci, amici)
sugnu Giuann,i omu dilinguenti, ittatu intra un carciri nnuccenti.
Dirlo così signori, è niente, lo pensate, signori,
un quadro di questo vederlo in un cinema o in un teatro
li dui sposini mangianu cosi bellissimi, cosi di campagna
quarchi cunigghiu sarvaggiu stavanu mangiannu
contenti e allegri, mentri vidono presentare il vecchio con una barba lunga
Signori buongiorno e buon appetittu, ma Giacomo, uomo gentile uomo di cuore
uomo affezionato, prega il vecchio di farsi avanti: Avanti buon vecchio
senza complimenti, volete mangiare no! no! no! state commodi, ha detto Giovanni
sono venuto per sapere solo se mi conosciti. No! eppure siamo amici
Sono Giovanni Accetta, l'uomo delinguente, lassatu intra un carciri nnuccenti
Li du spusini sbatteru li denti e ci passau la fami sull'istanti
mentri Giuanni tuttu risulenti, la so pistola ci misi davanti
(ascutati amici, a lu quatru numiru deci)
ma Angilina ca aviva fattu bruttu, dissi Nun m'azzari, dicu tuttu
Di fronte a la morti tutti addivintamu cuscinziusi, veramente Angilina un sapiva nenti
in primo tempo, l'ha saputo dopo che era sposata
Ferma disse a Giuanni: Ti prego un m'ammazzari, ma fammi almeno parlari
Nun sapevo nenti fino al giorno che ho sposato il Giacomo
è stato Giacomo che me lo ha contato, dopo, dopo che siamo stati sposati
non ci potevo dare chiù aiuto ora ti racconto tutto
Giuanni sentendola parlare la lascia parlare
Conti tutto? forza. allora, racconta tutto
Giacomo, me marito, st'uomo vili e farabuttu
a dda notti cummisi lu dilittu, dopo d'aviri la vita distruttu
vinnio ni la me casa drittu drittu e ni fici cridiri a tutti pari
ca contra a Vanni ti vitti sparari
Quannu Giuanni la 'ntisi parlari ci dissi ad Angilina dui paroli:
'Ncaserma ti nna giri e ci ha cuntari pirchì ammazzatu lu to spusu mori
Giuanni spara contru ddu sirpenti, ad Angilina ah! nun ci fici nenti
Dui corpi spara signuri, pero solo contro a Giacomo, ad Angilina nun ha fattu nenti
e Vanni parti nirbusu e furenti cu la pistola 'nmanu sempri pronti
e na bona jurnata finalmenti a Turi e a Ninu 'ncontra supra un ponti
ca dd'infami si ficiru la cruc,i quannu Giuanni ci desi la vuci.
Dopo d'avere ammazzato a Giacomo ad Angelina la manda in caserma
mentre lui continua a girare, dopo un poco di giorni incontra a Turi e a Ninu
che non apperna conoscono la voce di Giovanni s'hannu fattu la cruci
Vanni ci dissi cu paroli duci: Bongiorno, cari amici, chi si dici
'nda la galera c'era pocu luci, ma ora sugnu ca 'nfrunti a l'amici
vuatri inveci nun siti cuntentiu ca mi guardati e nun diciti nenti.
Sunu arrivati li giusti mumenti di ripagari a li genti birbanti
sugnu Giuanni Accetta, ca prisenti perciò raccumannativi a li santi,
cussì dicennu dui colpa sparau, li mazza a tutti dui e poi scappau.
Dui soli colpi, signuri, erano vicini e non li ha sbagliato.
Li so ricerchi seguitau, carricatu di nerbi e di curriu
qualche simana autra passau e a distanza na vidova scupriu
si c'avvicina e ci dissi: Bongiorno, credo che tantu assai non vi frastorno
sugnu vinutu a sirraimi un cornu, e pi l'anima mannarivi a lu 'nfernu
ora ca sugnu ca Ah, ah! ah! non mi nni tornu
ca siti scritti 'nda lu me quadernu, 'nda lu quadernu di la me vinnitta
la cruci c'è pi vui, signura Nitta.
Era sula che zappava in campagna la povira viduva, vede avvicinari un vecchio,
il vecchio saluta_ bongiorno, non mi cunusciti, io sugnu Giovanni Accetta
e sugnu venutu per continuare la mia vinnitta
si ci 'nginocchia gialanusa e afflitta, trimannu tutta e la faccia si ratta
Giuanni misi la pistola ritta, l'ariddu tira e la pistola scatta
sultantu un corpu ci pigghiau lu cori cossì la guarda, casca n'terra e mori
E Vanni allegru dissi sti paroli: Sidici ancora ni devu truvari
pi truvari paci lu me cori, sti sidici infamunu haiu a truvari
ma poi Giuanni scoprisci a distanza una pattuglia e lu periculu scansa
(guardare, signuri, lu quatru numiru dudici)
dopo avere ammazzata la signora Nitta, Giuanni vede una pattuglia a distanza
scappa e lu periculu scansa, arraggiunava precisu abbastanza
e fra se stisso Giuanninu pensa: La liggi è liggi
Non avi mancanza e dissi: Nun m'ammetti la cuscenza
iu contru di la liggi non ci sparu, Iu ammazzu a chiddi ca mi ruvinaru.
Sissignuri arragiunava giustu Giuanni, non appena vede i carabineri scappa
tante volte è scappato, non appena vede i carabineri a distanza se ne va
e dice ma pirchì debbo sparare contro i carabineri, che cosa mi hanno fatto a mei carabbineri
mi hanno arrestato, ma è stato giusto perchè i testimoni ertanio tutti contro a me
i giudici mi hanno condannato, ma che cosa colpano i giudici
mi hanno condannato secondo quello che hanno dichiarato i testimoni
quindi io alla liggi non ci sparo, io ammazzo solo a quelli che mi rovinaro
ed eva caminannu paru paru, in cerca di li 'nfamuni era in giru
ma mentri caminava ci cuntaru ca la matri era all'ultimo respiru
malata e inferma chiamava Giuanni cu lu cori spezzatu da l'affanni
Giuanni 'ntisi li peni chiù ranni, li duluri chiù forti e chiù prufunni
perciò non cerca chiù 'nfami e tiranni, pinsannu a so matruzza si cunfunna
piriculi nun ni 'ntisi Giuanninu e scinni a lu pasisi a passu chinu.
Signur,i mentri Giuanni era in montagna la madre era moribonda
qualche amico lo cerca e lo trova: Giuanni ti devo parlare
Giuanni si avvicina all'amico, era un suo vicino di casa: Giuanni ti prego
non ti scoraggiare, cerca di farti coraggi,o ti porto una brutta notizia
to matri è nell'ultimo momento della sua vita
da tre giorni non fa altro chiamare il tuo nome, invocare il tuo nome
non ha detto altro: andate a cercare mio figlio Giovanni
Ora io ti sono venuto a cercare e ti dico di scendere in paese
e vai a vedere tua madre per l'ultima volta.
Giuanni, come avete sentito, parte, senza sentire pericoli, arriva in paese
arriva in casa e trova lu parrinu, pirchì la matri era all'abbannunu
la vasa e si strinci di cuntinuu, e c'addumanna l'ultimu pirdunu
cussì dda matri all'urtimi mumenti, visti a Giuanni e morsi chiù cuntenti.
(Signuri al quatro numeru tridici guardate, si vede la matri moribonda
il prete che già l'aveva confessata, lo pensate lu poviru Giunni comnu s'abbraccia a so matri
Matri, matruzza mia, perdunami, tu e la tua malatia è tutta colpa mia pirdunami matri
ma mentri Giuanni diceva sti paroli la matri ha fatto la bocca risolenti e tira l'ultimo respiro
negli occhi si vedeva come se fosse che dice: Dio ti benedice
così quella povera madre muore colla bocca risolenti
ma mentri Vanni avia tali tormenti cu la matruzza so morta davanti
fu circundatu immidiatamenti (c'hanno circondato la casa, sentite)
perciò pruvau terribili scanti, ma mentri aveva a so matri abbrazzata
Giuanni fici una bella pinsata.
Vedeva confusione, signori, sinteva confusioni davanti a la porta
guarda nel buco della chiave e vede la casa circondata dai carabineri
come faccio: sono venuto a casa per vedere mia madre ed ora me ne devo andare in carcere
bacia sua madre per l'ultima volta per presentarsi, ma mentre baciava sua matri
forse è stata l'anima di sua madre a suggerici una bellissima pensata
dissi a lu petri cu vuci alterata: me matri è morta e morsi la me vita si non vuliti
la panza sbucata mata a pristari sta vesti pulita, quantu mi veni facili a scappari
s'annunca terminastivu di campari.
Pensati signuri una scena simile, non appena Giuanni termina di baciare la matri
metta la manu 'ntasca e tira la pistola, la appoggia nella panza del prete: o la vesti o la vita
Io devo scappare; Patri Micheli senza ragiunari ci desi la vistina vulenteri e Giuanni accusì
potti passari davanti a tutti li carrabineri
ci salutaru, misi sull'attenti, passa Giuanni e nuddu visti nenti.
Ma niscennu ddu preti giustamenti, traseru p'arristari a lu briganti
ma scambiu di truvari un dilinguenti, truvaru un preti 'mbriacu di scanti
e dissi: Pi non farimi ammazzari, la santa vesti ci duvitti dari.
Lo pensate, signori, non appena s'allontana il prete, entrano i carabineri
per potere arrestare il brigante, ma in cambio di truvari il brigante
hanno trovato un prete, senza veste, in sottana, signuri
però pensate i carabineri come si meravigliano
ma il prete li canta: calma ragazzi, non v'arrabiate
se eravate voialtri al mio posto, facevate la stessa cosa
ci dovetti dare la mia veste per non farmi ammazzare.
Ma mentri u preti stava a ragiunari, Vanni s'alluntanau di ddu quarteri
gira la strata e si trova a passari dunni c'era un maritu e na mugghieri
Giuanni trasi, ci saluta e dici: Cari figliuoli, Diu vi benedice
Lu frati di Cuncettu, Don Luigi, canusci a Vanni e ci mancau la vuci
Vanni ci dissi: pi li me nemici, non c'è pirdunu, fativi la cruci
e lu pirchì v'ammazzu lu sapiti, brutti carogna e 'nfamuni ca siti.
Era vistutu ancora di preti (comu si vidi al quatro numero quattordici)
la pistola non la lasciava mai un secondo
fermi tutti, voialtri lo sapete che cosa avete fatto
e sapete perchè vi ammazzo, brutti carogna e 'nfamuni ca siti
Giuanni spara, e dissi setti siti, tridici sunu chiddi ricercati
non m'arritiru, si non su cumpliti e s'alluntana di ddi strati, strati,
gira e rigira e un jornu Giuvanninu, cascau malatu, pi malu distinu
Chi vuliti, signuri, Giuanni, non era un brigante come tutti li altri briganti
Non rubava, tanti notti li passava digiuno in campagna curcatu sutta un ponte
quindi sofferenza oggi, sofferenza domani, venne il momento
che cadde malato lu poviru Giuanninu, però guarito fu di ddu parrinu
ca in casa di so frati s'incuntranu e a via di pasta, di carni e di vinu
Giuanni fu guaritu e torna sanu, ringrazia lu preti in ginucchiuni
e parti Vanni in cerca a li 'nfamuni.
E chi lo poteva curare, signori, soltanto il prete,
il prete voleva bene a Giovanni, era quello che lo aveva battezzato
ventidue anni prima, lo aveva visto crescere nel paese
lo guardava e lo voleva bene come un figlio,
ora Peppino va a raccontarci che il fratello sta male
il prete ci va, lo cura, incomincia a portare carne, ova, pasta, vino
fino che Giuanni a quindici giorni si è rimesso, era buono, normale, rinforzato
ringrazia il prete, inginocchiato e parte Giuanni che sembra un liuni
ma mentri gira muntagni e vadduni Giuanni 'ntisi lamentele umani
era Vicenzu ca ci aveva un timuni e si turceva ca pareva un cani
iddu era di Vanni un tradituri, ma Vanni lu purtau nda lu dutturi.

(al quatro numero quindici, signuri) è un tradituri, un nemicu di Giuanni, un testimonio falso,
ma siccome era malato, Giuanni non ha il coraggio d'ammazzarlo
anzi se lo mette nelle spalle e lo porta nel paese a trovare un dottore.
Vicenzu dissi a Vanni: Tu si un signuri, mi stai purtanni a farimi curari
Ma Vanni dissi cu modi sicuri: curati prestu ca t'haiu amazzari
lu salutau, ci fici na carizza, e Vanni parti cu tanta sviltizza.
Aveva sempri primura Giuanni, Vicenzu lo ringrazia:
Ti ringrazio Giuanni, m'hai portato a sarvarmi la vita
Si te la salvo perchè te la voglio trovare sana, che io non uso ammazzare un omo morto
Tu cerca di guarirti e quando sarai guarito, sarai un unomo perfettu
ed io ti vengo ammazzari, stai tranquillo, ciao, auguri e goditi prestu, ciao
Giuanni parti, signuri, facennuci na bellissima carizza
Giuanni, signuri, non pensa altro a tutti gli amici
sono passati quattordici mesi e ne ha ammazzato solo sette
pensa che ne manzano ancora... tredici
E allora come fa, signori, incomincia a cercarli e a unu a unu,
a unu a unu, li trova Giovanni con precisione ha stato ventiseimesi in montagna
e in ventisei mesi li trova tutti venti, n'ammazzatu setti, sintiti i nomi di l'autri tridici
ca li va circannu cu sviltizza, pi prima trova a Turi Nascarizza, a Petru Focu
a Don Cicciu Scumazza, dopu tri ghiorna a Rosa Menzatrizza
e sparti ancora a Minicu La Mazza, trova macari a Carmelu Pedara,
cu la migghieri e la cugnata Sara,
dopu sti ottu trova a donna Mara'nsemula a lu sposu so, Roccu La Pira
a Ninu Meci, a Sariddu Cucchiara e sparti a lu malatu di dda sira
e ddu banditu ca fici spaventi, si vindicau e si sintia cuntentu.
E ghieva caminannu a passu lentu pi la strada facennumi lu cuntu diceva
Siddu ormai mi prisentu, sulu murennu la cunnanna scuntu,
(solo la morte mi libera dal carcere)
perciò cunveni libertà di stari, circannu di non farimi pigghiari.

Signuri, per quanto vendicativo poteva essere Giovanni
vene il momento del rimorso, per come avete sentito, a unu, a unu,
a dui a dui, a tri a tri ha fatto venti omicidi,
ma quando termina che fa l'ultimo omicidio, incomincia ad allontanarsi
e a disperarsi nella campagna. Io, Giovanni Accetta, un uomo onesto e lavuraturi
ora sono ricercato dalla legge e odiato di tutto il mondo.
Ho fatto venti omicidi, ma ormai che cosa mi conviene
ardarmene in carcere, ci resterò per tutta la vita,
quindi, se Dio mi da fortuna, voglio godermi ancora qualche pocu di libertà
Non mi conviene farimi arrstari e una montagna cominciò acchianari
cun visu forti dintra lu so cori, un visu forti ca lu faceva
suffucari, ca pi scrvirlu non ci su paroli, Matri diceva, matri bedda mia
chiamami prestu e portimi cu tia.
Signuri, mentri si sinteva sulu ni la montagna e pentutu di tutto quello che aveva fatto
incominciò a pensare alla bon'anima di sua madre e gridava da solo:
Dio! Dio, dammi fortuna di poetere raggiungere nella tomba la matri mia
Cussì Giuanni si pigghiau la via versu lu campusanti, figghiu gioia,
arriva dopu di l'Avi Maria e a lu purtuni di ferru s'appoia
poi, comu nu latru, scravaccau lu muru e tra li morti si truvau all'oscuru
Signuri, era dopu di l'Ave Maria, il cancello del cimitero era chiuso
lo guarda cerca di apriri, cerca di spingere il cancello
non lo può spingere perchè è chiuso a chiave
e allora scavalca da un muro ed entra nel cimitero tra l'oscuru
cu passu lentu ed animu sicuru, cerca la matri 'nda lu cimiteru
dda tomba trova e lu so cori duru, addivintau tenniru e sinceru
e una prighiera ardenti allura fici, all'arma di la matri genitrici,
e una prighiera ardenti allura fici, all'anima di la matri genitrici.
Signuri l'omu ca ha fattu trimari tutti i campagni d'Avellinu
incomincia a diventare con il cuore di un bambino ingenuo ,
non appena trova la tomba di so matri, si inginocchia sopra la tomba di la matri
e incomincia a chianciri, a chianciri comu un dispiratu
e mentri chianci, prega (sintiti li paroli che Giuanni chianci supra la tomba di la matri)
Matri matruzza mia chiancennu dici,
tegnu lu cori miu mezzu la braci, sugnu circatu e mi sentu 'nfilici
e nun trovu chiù abbentu e mancu paci.
Matri, Matri, Matri.
Non pozzu stari , non pozzu turnari 'ngalera
Dammi la morti, matri mia sincera, pi non turnari dintra la galera
Matri, Matri, Matri.
Mentri Giuanni faciva tali prighiera, lu celu a la timpesta si pripara
cu ventu forti di mala manera e trona e lampi ........
comu si ddi ci fussi tali e quali lu Diluviu anticu Universali
e un lampu davveru colossali di tanta oscurità scicau li veli e culpisci a Giuanni
in modu tali ca arresta siccu guardannu li celi
(fulminatu morsi, signuri, sintiti) mentri pirduna a dumannau a Diu
di lu mali ca in vita cummittiu.
La storia, amici cari, ca finiu, morsi Giuanni Accetta, dd'omu bravu
lu picciottu 'nnuccenti ca suffriu tanti ingiustizii e poi si vindicau
morsi prigannu a la tomba inginucchiatu di cui l'aveva veramenti amatu.
(Eccu signuri a lu numiru diciadottu, voldiri ml'ultimu quatru
si vidi lu quatru di Giuanni fulminatu)
e la giusta vendetta ha terminatu, ca ognunu arristau sbalorditu
quannu a lu cimiteru hannu truvatu lu corpu di Giuanni lu banditu,
sulu a cantarlu stu cori si spacca e vi lu dicu iu Cicciu Busacca,
puri a cantarlu stu cori si spacca e vi lu dicu iu Cicciu Busacca.