DUETTO 
(Autore C. Busacca. Cantano Ciccio Busacca – Ciccio Giuffrida -
registrato in Floridia 1971)


CICCIO BUSACCA
 
 

DUETTO 
(Autore C. Busacca. Cantano Ciccio Busacca – Ciccio Giuffrida - in Floridia 1971)

Pi ‘ncuminciari di frunti a li presenti

Ci chiedu a Ciccio una cosa ‘mpurtanti

Ciccio dimmillu si si’ ‘ntilligenti

Comu canciari ‘stu munnu birbanti

Si tu mi duni giustu lu cunsigghiu

Ti dicu bravu e ti compru ‘n cunigghiu

Alla dumanna to l’appunti pigghiu

E t’arrispunnu senza fari sbagghiu

Siddu lu pupulinu fussi sbigghiu

Canciassi tuttu a corpu di battagghiu

Ci voli sulu bona vuluntati

Di l’operai e tutti l’affamati

Li to risposti sunnu cannunati

Mi lassunu li sensi sbalorditi

Ma p’aviri li cosi cambiati

Ci volunu cchiù popoli istruiti

Perciò cantamu li nostri canzuni

Pi livari di menzu sti patruni

E finarmenti pigghiasti la ragiuni

Livamuci a li schiavi sti catini

E d’ogni schiavu facemu ‘n liuni

A scatinallu contra a li parrini

Pirchì monaci preti e patrunatu

Su’ la ruvina di lu nostru statu

Fatti cunvintu populu affamatu

Svigghiti ‘n tempu curri e datti ajutu

Svigghiti surfararu sfurtunatu

Svigghiti cuntadinu schilitrutu

Ca quannu tutti saremu svigliati

Putemu aviri paci e libertati

Per cominciare di fronte ai presenti/ chiedo a Ciccio una cosa importante/ Ciccio, dimmelo, se sei intelligente/ come cambiare questo mondo birbante/ Se tu mi dai giusto il consiglio/ ti dico bravo e ti compro un coniglio.

Alla tua domanda prendo appunti/ e ti rispondo senza fare sbagli/ se il popolino fosse sveglio/ cambierebbe tutto a colpi di battaglio/ ci vuole solo buona volontà/ degli operai e di tutti gli affamati.

Le tue risposte sono cannonate/ mi lasciano i sensi sbalorditi/ per avere le cose cambiate/ ci vogliono più popoli (persone) istruiti/ perciò cantiamo le nostre canzoni/ per levare di mezzo questi padroni.

Finalmente hai capito la ragione/ leviamo agli schiavi le catene/ e di ogni schiavo facciamo un leone/ per scatenarlo contro i preti/ perché monaci preti e padronato/ sono la rovina del nostro stato.

Fatti convinto popolo affamato/ svegliati in tempo, corri e datti aiuto/ svegliati zolfataio sfortunato/ svegliati contadino ischeletrito/ perché quando tutti saremo risvegliati/ potremo avere pace e libertà.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 85 visitatori e nessun utente online