GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 82 visitatori e nessun utente online

 

CRISTU SI FICI SURFARARU

NONO' SALAMONE

 

CRISTU SI FICI SURFARARU


Na fonda di finestra sfilanzedda
u scrusciu di carrettu 'nzunnacchiatu,
e pani di vanedda alluntanatu,
un carusu vannia la so virdura,
la carriola di Peppi lu staddaru
ca acchiana li muntati e li pinnina
...........................
A la sfirriata di la cantunera
a la palazzina di l'appaltaturi
c'è ancora rumuri di bicchera
avi na notti ca fannu rumuri
avi na notti ca fannu schifiu
lu celu di vriogna arrussichia
supra na culunnetta na lumina
mori, mori
mori trantuliannu.
Cristu si fici surfararu
Cristu si fici surfararu

Tutta na vota a usu martiddati
a usu martiddati di firraru
'nda li vaneddi e 'nda li purticati
passa crapa, sunannu na campana
tuppia a li porti forti lu craparu
e 'nda l'agnuni sula chi chianciva
a lu capizzu di figliu surfafaru
la gna Maria cu la curuna 'nmanu

Chianci, arridi in silenziu, sugliuzzia
Turiddu grapi l'occhi e murmuria
"Ssa benedica" Madunnuzza mia talia la casa
----------------
la citalenaì ncapu la buffetta, lu trinciatu
a lu ciovu appizzatu la scupetta
......dintra na panaredda
che ogni tantu arrimina la cianciana
Cristu si fici surfararu
Cristu si fici surfararu

Turiddu talìa so matruzza amata
la guarda e la vidi chi chianciva
E chinu di scunfortu ripitiva:
“Forsi era megghiu ca un nasciva
“No, figghiu miu, nun parlari stranu
fatti la cruci e nun parlari stortu
oj ccà intra nni stu gaddinaru
Cristu si fici, Cristu si fici surfararu
Cristu si fici surfararu                                                                                         

 

CRISTO SI E' FATTO ZOLFATARO
Bernardino Giuliana

Una finestra appena aperta
un rumore di carretto preso ancora dal sonno
e pane di strada buttato via,
un ragazzo grida per vendere la sua verdura,
il portone come ogni mattina,
la carriola di Peppe che lavora nelle stalle
che sale montagne e discese ripide
......................
Girando l'angolo delle case
nella palazzina dell'appaltatore
c'è ancora rumori di bicchieri
è una notte che fanno rumore,
è una notte che fanno baccano,
il cielo è rosso per la vergogna,
sopra la colonnetta un lumino acceso,
muore muore,
muore scuotendo tutto il corpo.
Cristo si è fatto zolfataro
Cristo si è fatto zolfataro.

Tutto ad una volta come marteòllate
come martellate di fabbro ferraio
nelle stradfe e sotto i portici
passa una capra, suonando una campana
bussa alle porte, forte, il capraro
ed ion un angolo sola che piangeva
sopra ilo cuscino del figlio zolfataro
la signora Maria con loa corona in manoPiange, ride in silenzio, singhiozza

Turiddu apre gli occhi e mormora
"Mi benedica" Madonnina mia guarda la mia casa
.................................
il lume a petrolio sopra il comodino, il tabacco,
appeso al chiodo il fucile
..... dentro un cestino di vimini
che ogni tanto smuove le campanelline
Cristo si è fatto zolfataro
Cristo si è fatto zolfataro.

Turiddu guarda sua madre amata
la guarda e la vede che piangeva
e pieno di sconforti ripeteva:
Forse era meglio che non fossi nato
"No, figlio mio, non parlare strano
fatti la croce e non parlare storto
oggi qui dentro, dentro il galliaio
Cristo si è fatto, Cristo si è fatto zolfataro
Cristo si è fatto zolfataro.

 

 
"CRISTU SI FICI SURFARARU"  poesia di Bernardino Giuliana, poeta siciliano di San Cataldo. (San Cataldo, 17 aprile 1935 – San Cataldo, 29 marzo 1999)n poeta e attore drammatico siciliano, interprete tra i più noti di poesia in lingua siciliana, nonché esperto conoscitore della cultura storico-popolare del territorio nisseno.
Ha collaborato anche con Rosa Balistreri con la canzone "Rosa canta e cunta"
In questa canzone Nonò Salamone con la sua forza espressiva mette in risalto la povertà estrema dei solfarari (lavoratori nelle miniere). costretti per campare la famiglia ad un lavoro durissimo sottoterra ad estrarre zolfo nelle miniere di molti paesi siciliani in contrasto con la ricchezza ed i pranzi succulenti dei ricchi.
Cristo si è fatto lavoratore di miniera. Notare l'interpretazione sempre più crescente di Nonò Salamone nella scala musicale e l'intensità e la forza vocale del cantante fino ad esplodere nella frase: "Cristu si fici surfararu" frase di dolore, rabbia e rassegnazione.
Oggi non esiste più questo duro lavoro, ma è ancora un ricordo vivo,lancinante e pieno di dolore e sofferenza in tanti anziani del nisseno e dell'agrigentino.
Questa canzone è stata cantata in occasione di una festa a casa del notaio Salvatore Abbruscato nel mese di agosto 2016