GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 57 visitatori e nessun utente online

 

SUTERA

NONO' SALAMONE

 

      

SUTERA
La chiazza di lu Rabatu è lu mari, 
tu vacci a passiari e t'arricrii, 
lu pizzu di San Marcu 'nda lu suli
e Santa Cruci versu a lu naturi
Lu Rabatiddu è a timpa nun è chianu
ci piglia p'acchhianari a San Paulinu
a a San Giuanni c'era na bella chiesa, 
l'ammordernaru ed ora pari na casa
Lu Jardinieddru è lu quarteri monu
chiù di mill'anni ca l'accuminciaru
si senti di luntanu quannu sona, 
di la muntagna sta bella campana
E quannu si fa sira e mentri scura, 
addumanu l'antaru di Sutera,
'mmenzu a li stiddi e cu la luna chiara, 
lu dipingeru.. ndi la pittura
Pippina, Pippinedda, aggiratinni,
nun ti mariti no, a San Giuanni. 
E quannu si fa sira e mentri scura, 
addumanu l'antaru di Sutera,
'mmenzu a li stiddi e cu la luna chiara, 
lu dipingeru.. ndi la pittura

 

Questa interpretazione della canzone "Sutyera" è stata cantata da Nonò Salamone il 5 agosto 2016 nella Manonifestazione "Il Rabato incontra il mondo" festival dell'acvcoglienza delle culture e degli ioncontri.
Nicolò La Perna