GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 68 visitatori e nessun utente online

 

CANTU PI TIA

Ezio Noto

 
CANTU PI TIA
Lu sacciu ca è difficili
campari e cantari
e u munnu cumplicatu mi tira lu sciatu
ma pensu ca si pò resistiri e spirari
e pi chissu è ca iu mi vogghiu libberari.
Cantu pi tia sciatu me
resistu pi tia, cori me
speru pi tia, pi crisciri,
pi curriri 'nto ventu.
E giranu li sintimenti davanti li ingiustizi,
taliannu lu spruniari e li chiaghi di lu pitittu,
amma a resistiri, crisciri e cangiari
e pi chissu è ca iu mi vogghiu libberari.
Cantu pi tia sciatu me
resistu pi tia, cori me
speru pi tia, pi crisciri,
pi curriri 'nto ventu.        


Cantu pi tià, uno dei brani di Disìu, testo e musica di Ezio Noto. Il dialetto siciliano, caltabellottese che incontra le musiche del mondo. Le immagini scelte sono dell'archivio Rai, e sono state realizzate a Caltabellotta nei primi anni sessanta, un servizio di Sergio Zavoli "Li Signi di Santa Marta". Le donne che gridano, invocano, interrogano dalla rupe Gogala di Caltabellotta e chiedono un segno, un segnale sui loro cari, emigrati, partiti per cercare pane, lavoro o per la guerra e mai più tornati. Cantano per loro. Tante collaborazioni in Cantu pi tìa, come nella politica del progetto Disìu. La voce di Antonio Smiriglia nel finale del brano.