COLAPISCI

MARA ELI (Maria Elisa Di Fatta)

       
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 COLAPISCI
La leggenda di Colapesce
La genti lu chiamava Colapisci
pirchì stava 'nto mari comu 'npisci
dunni vinia non lu sapia nissunu
fors' era figghiu di lu Diu Nittunu.
'Ngnornu a Cola u re fici chiamari
e Cola di lu mari curri e veni.
O Cola lu me regnu a scandagghiari
supra cchi pidamentu si susteni
Colapisci curri e và.
Vaiu e tornu maestà.
Cussì si jetta a mari Colapisci
e sutta l'unni subitu sparisci
ma dopu 'npocu, chistà novità
a lu rignanti Colapisci dà.
Maestà li terri vostri
stannu supra a tri pilastri
e lu fattu assai trimennu,
unu già si stà rumpennu.
O destinu miu infelici
chi sventura mi predici.
Chianci u re, com'haiu a fari
sulu tu mi poi sarvari.
Su passati tanti jorna
Colapisci non ritorna
e l'aspettunu a marina
lu rignanti e la rigina.
Poi si senti la sò vuci
di lu mari 'nsuperfici.
Maestà! ccà sugnu, ccà
Maestà ccà sugnu ccà.
'nta lu funnu di lu mari
ca non pozzu cchiù turnari
vui priati la Madonna
ca riggissi stà culonna
ca sinnò si spezzerà
e la Sicilia sparirà.
Su passati tanti anni
Colapisci è sempri ddà
Maestà! Maestà!
Colapisci è sempri ddà                            
COLAPISCI
La gente lo chiamava Colapesce
perchè stava in mare come un pesce
da dove veniva non lo sapeva nessuno
forse era figlio del Diu Nettuno.
Un giorno a Cola il re fece chiamare
e Cola dal mare di corsa venne.
O Cola il mio regno devi scandagliare
sopra che fondamento si sostiene.
Colapesce corre e và
Vado e torno maestà.
Così si tuffa a mare Colapesce
e sotto le onde subito sparisce
ma dopo un poco, questa novità
al suo re Colapesce dà.
Maestà le terre vostre
stanno sopra a tre pilastri
e il fatto assai tremendo,
uno già si stà rompendo.
O destino mio infelice
che sventura mi predici.
Piange il re, come debbo fare
solo tu mi puoi salvare.
Sono passati tanti giorni
Colapesce non ritorna
e l'aspettano alla marina
il re e la regina.
Poi si sente la sua voce
dal mare in superfice.
Maestà! quà sono, quà
Maestà! quà sono, quà
nel fondo del mare
che non posso più tornare
voi pregate la Madonna
che possa reggere questa colonna
altrimenti si spezzerà
e la Sicilia sparirà
Sono passati tanti anni
Colapesce è sempre là
Maestà! Maestà!
Colapesce è sempre là
 
da Racconti del Pitrè
Cola Pisci era un farotu, ca sapia natari megghiu d'un pisci, basta diri ca java di Missina a Catania e di Catania a Missina, sempri sutt'acqua.
'Na vota vinni lu Re ccà a Missina, e sintíu diri ch'avianu a Missina st'omu maravigghiusu, ch'era lu primu nataturi. Sintennu accussì, lu vosi vìdiri.
Cola fu chiamatu e si prisintau a lu Re.
- Dimmi: è veru (cci dici lu Re) ca tu sai ben natari?
- Maistà, sì!
Allura lu Re cci jittau 'na spada a mari, e Cola si calau e l'annau a pigghiiari.
Vidennu chistu, la Riggina cci jittau 'n aneddu, non cci cridennu chi Cola Pisci lu putía pigghiar; e Cola Pisci lu pigghiau.
- Allura m'hai a sapiri a diri chi cosa cc'est sutta lu pedi d' 'u Sarvaturi (Forte del SS Salvatore della Lanterna di Messina) - cci dici lu Re.
Cola si jetta a mari, osserva e torna:
- Sapiti chi cc'è, Maistà ? Cc' est 'na caverna, chi porta un gran' focu
Lu Re non ristau sudisfattu di sta cosa; dici :
- Nenti: non mi sapisti diri nenti. Ora si cc'è ssa caverna e tu mi sai purtari la cìnniri di ssu focu, io ti fazzu un bonu cumprimentu.
Scinníu arreri Cola, arrivau ddassutta, si bruciau la mani e si nni 'nchianau.
- Eccu, Maistà! - e cci prisintau la mani bruciata.
Risposta di lu Re:
- Non su' cuntentu ancora. Tu ha' a tràsiri jintra di la caverna; e m' hai a diri unni corrispunni stu focu.
- Riali Maistà - cci dissi Cola - si io scinnu, no 'nchianu cchiù supra: nni su' sicuru. (A Cola Pisci mi cci parrava lu cori).
Lu Re pi fallu pigghiari di puntu, cci dissi ca un omu valenti non havi mai paura di nuddu.
- Uliti accussì? io lu fazzu; ma io cci perdu la vita.
Mi si pigghia na ferra:
- Si sta ferra - dici - 'nchiana bruciata, 'oli diri sugnu mortu; si non è bruciata, sugnu vivu.
Scinníu e trasíu, cu sta ferra 'nta la mani, jintra sta caverna. 'A ferra si bruciau e vinni 'n summa. Cola Pisci arristau bruciato e non 'nuchianau cchiù.
Lu Re fici chistu pi vidiri si era veru chi la caverna currispunnía cu suttaterra, ed era unu di li sustegni di la Sicilia.
Splendida l'interpretazione di questa canzone cantata da molti cantanti, tra i quali spiccano Otello Profazio e Mara Eli.
Splendida l'arrangiamento dell'Orchestra Made in Sicily diretta dal maestro Nico Riina, general manager Alfredo Lo Faro, sezione ritmica: Gaspare Costa drum, Giovanni Buzzurro bass, Antonio Zarcone elettric piano, Vincenzo Ancuso elettric guitar
Questa canzone fa parte del CD: Made in Sicily - The songs Il progetto “Made in Sicily - the songs”, è una sfida musicale di Alfredo Lo Faro che punta a rivitalizzare la Sicilia attraverso il patrimonio artistico e la canzone popolare siciliana, proiettandola così verso scenari internazionali, rivisitando i brani in chiave pop/jazz. Cosi si allargano le prospettive musicali per avvicinarsi alle nuove generazioni.
L’Orchestra del Made in Sicily è composta da oltre 100 artisti siciliani e i musicisti, provengono dalle Fondazioni Orchestra Sinfonica Siciliana e del The Brass Group di Palermo. 
“Made in Sicily – the songs” è una raccolta di 14 brani della canzone popolare siciliana riproposta in un linguaggio musicale del tutto nuovo, un pop/jazz raffinato e suadente affidato alla maestria di oltre cento artisti siciliani, che hanno voluto lasciare la loro impronta su un disco che intende varcare i confini regionali e nazionali e riproporre, ad un pubblico internazionale, canti, filastrocche e armonie della nostra tradizione canora e musicale. La nuova Orchestra del Made in Sicily, non ha davvero precedenti, dentro la formazione c’è il meglio della cultura musicale siciliana, artisti che con i loro strumenti e le loro voci raccontano in una veste internazionale le mille sfaccettature di un popolo e il suo folclore, le tradizioni, la vita e le emozioni, una sfida discografica che parta dalla Sicilia e coinvolga l’intera nazione. A dare voce al disco due giovani cantanti: Mara Eli (12 brani) e Anita Vitale (2 brani), la direzione dell’Orchestra è affidata ai maestri Vito Giordano e Domenico Riina. Tra le guest star che hanno partecipato alla realizzazione di Made in Sicily – the songs, vogliamo ricordare alcuni nomi: Francesco Cafiso, Francesco Buzzurro, Giuseppe Milici, Orazio Maugeri, Ruggiero Mascellino e tanti altri ancora.
La riproduzione di questa canzone è stata permessa dal manager Alfredo Lo Faro
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 135 visitatori e nessun utente online