GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 116 visitatori e nessun utente online

 

VINTIMILA PICCILIDDI

Ignazio Buttitta 
              
 
 
 
 
         
VINTIMILA PICCILIDDI
Vintimila picciriddi
nte quarteri di Palermu
c'hannu un nomi e un cugnomi
comu l'hannu i nostri figghi;
si mittissiru nte chiesi
quantu ancili sfardati
e nuàtri addinucchiuni
p'accanzari u paradisu.
Senza sbirri e carzareri
stannu a l'aria tuttu u jornu
a ghiucari nta munnizza
nvidiati di li porci
ca li vidinu vistuti
senza cuda e nmenzu u fangu.
Setti, ottu dintra un lettu,
matri, patri e picciriddi,
deci testi e vinti pedi
na quadàra i carni cotta,
e lu tanfu chi svapura
jinchi a tana e quagghia e mura.
II
Si ci fussi chiù giustizia
ci li dàssiru e parrini
ca pi regula di chesa
non si ponnu maritari.
Non suffrissiru la fami
l'assistenza un ci mancassi
ca i parrini non su poviri
e non paganu li tassi.
Siddu tutti i picciriddi
sunnn figghi du Signuri,
u dirittu spetta o preti
comu patri prutitturi.
Ci liggissiru u vancelu;
e sapissiru ca i santi
sunnu picca e stannu ncelu,
ma l'armali semu tanti.
IlI
Si nto ghiornu divintassiru
cani nichi e cani i razza,
i signori l'addivassiru
dintra i villi e nte palazzi.
Ci accattassiru li nachi
comu e figghi appena nati
e u dutturi di l'armali
li curassi li malati.
Non ci dàssiru a manciari
rimasugghi di cucina,
ma la pappa priparata
cu lu brodu di gaddina.
E lu latti ogni matina
ci purtassi a cammarera
comu fa cu li patruna
chi viscotta nta nguantera.
IV
Si nto ghiornu divintassiru
vintimila cagnuleddi,
nte riuna non vidissimu
picciriddi puvureddi.
I signori di Palermu,
sempri a Diu li raccumannu,
e su tanti li prigheri
ca nto nfernu non ci vannu.
I signori di Palermu
hannu u cori bonu bonu;
e io speru ca ci scatta
senza lampu e senza tronu,
senza lampu e senza tronu!            
 
 
VENTIMILA BAMBINI
Ventimila e più bambini
nei rioni di Palermo
che hanno un nome e un cognome
come l'hanno i nostri figli;
messi ai muri delle chiese
quanti angeli stracciati
da pregare ginocchioni
invocando il paradiso.
Senza sbirri e carcerieri
stanno all'aria tutto il giorno
a giuocare nei rifiuti
invidiati dai porci
che li vedono vestiti
senza coda e in mezzo al fango.
Sette, otto dentro un letto,
madre, padre e bambini,
dieci teste e venti piedi
in un solo calderone,
e il puzzo che svapora
nella tana e caglia ai muri.
II
Se ci fosse più giustizia
li darebbero ai preti
che per regola di chiesa
non si possono sposare.
Non soffrirebbero la fame
non ci mancherebbe l'assistenza
perché i preti non sono poveri
e non pagano le tasse.
Se è vero che i bambini
sono figli del Signore
il diritto spetta al prete
come padre protettore.
Gli leggerebbero il vangelo;
e saprebbero che i santi
sono pochi e stanno in cielo,
ma gli animali siamo tanti.
III
Se in un giorno diventassero
cani piccoli e di razza,
i signori li alleverebbero
nelle ville e nei palazzi.
Gli comprerebbero le culle
come ai figli appena nati,
e il dottore delle bestie
curerebbe gli ammalati.
Non gli darebbero per pasto
rimasugli di cucina,
ma la pappa preparata
con il brodo di gallina.
E la serva ogni mattina
gli darebbe il latte caldo
coi biscotti nel vassoio
come fa con i padroni.
IV
Se in un giorno diventassero
ventimila cagnolini,
non vedremmo nei rioni
tanti poveri bambini.

I signori di Palermo,
sempre a Dio li raccomando,
e per queste mie preghiere
nell'inferno non ci vanno.
I signori di Palermo
hanno il cuore buono buono;
e io spero che gli scoppi
senza lampo e senza tuono,
senza lampo e senza tuono!