GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 50 visitatori e nessun utente online

 

SALINA

Mario Incudine

 

 


 


 

 

        
SALINA
Partu sempri di ccà, a lu scurari
quannu l'acqua cangia 'u so culuri.
Pigghiu stù cori e lu jettu a mari
e fa cerchi di tutti li misuri.
Ogni cerchiu è comu 'na canzuni
comu li nuciddi a notti di Natali
la me vuci nun si vota arreri
l'occhi su oggi… lu pinzeri è già dumani
S' un pozzu iri avanti
un mi mannati arreri
lassati muriri ammenz'o mari
Ti vulissi purtari intra li mè occhi
intra stù iocufocu di ummiri e di specchi
ammenzu a sti trazzeri di omini affunnati
ca ormai su sali e lampi e addumunu i nuttati.
Ma iu caminu ancora 'ncapu stà strata nova
e sentu sutta 'o pedi ogni petra ca respira
c'u sapi su daveru derrì 'u suli c'è 'a fortuna
o è sulu 'na minzogna ca svapura di matina.
S' un pozzu iri avanti
un mi mannati arreri
lassati muriri ammenz'o mari
E' già luci a Capu Spartiventu
un sacciu si è lu suduri o si è lu chiantu
ha passatu tantu tempu intra l'occhi
'nta li manu haiu sulu arbuli sicchi.
M'abbrusciunu intra l'ossa ancora li feriti
ancora trentunu jorna e trenta nuttati,
ppi grapiri li porti e vidiri unni siti
ancora trenta notti e trentunu jurnati.
U respiru si fà chiantu, lu sangu fuddia
u scuru diventa scantu e l'amuri malatia.
S' un pozzu iri avanti
un mi mannati arreri
lassati muriri ammenz'o mari                                       
SALINA
Parto sempre da qui all'imbrunire
quando l'acqua cambia colore
prendo il mio cuore e lo tuffo a mare
e lui fa onde di ogni misura
Ogni onda è come una canzone
come le noccioline la notte di Natale
il mio parlare non si cura di ieri,
gli occhi su l'oggi.. il mio pensiero è già domani.

Se non posso andare avanti
non mi rimandate indietro,
lasciatemi morire in mezzo al mare...
Ti vorrei portare nei miei occhi
in questi giochi d'artificio d'ombre e di specchi,
in questi percorsi di uomini naufragati
che sono ormai sale e lampi che squarciano le notti.
Ma io sono ancora qui in questa strada nuova
e avverto sotto il piede ogni sasso che respira
Chissà se davvero dietro al sole c'è fortuna
o e solo una illusione che svanisce la mattina.
Se non posso andare avanti
non mi rimandate indietro
lasciatemi morire in mezzo al mare...
È già giorno a Capo Spartivento
non so se sia sudore o pianto
quello che ci è colato per tanto sotto gli occhi
fra le mani ho soltanto rami secchi
Mi bruciano fino alle ossa le ferite
ancora trentuno giorni e trenta notti
per aprire le porte e vedere dove siete
ancora trenta notti e trentun giorni..
L'affanno si volge a pianto, il sangue impazzisce,
il buio diventa paura, l'amore malattia..

Se non posso andareiatemi morire in mezzo al mare...