GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 98 visitatori e nessun utente online

 

TULUMA

Mario Incudine

 

 


 


 

 

        
Testo e musica di Mario Incudine
Partiu 'ndo scuru ...
sunnannu u celu petri
pirchì sta terra lassa scuru
acqua e pani, duluri
Grassu sapuni fattu di casa
li pedi scausi dintra na chiesa
lu suli dormi sutta lu mari,
li vacchi sonnanu 'ncapu lu sali.
Lassu sta terra ca trema e scantu
ca abbruscia l'occhi di sabbia e ventu ,
lassu stu cori peddi di tamburu
lassu st'amuri corda di viulinu
Tagghiu stu mari comu carca
chianciu chiossà ca antica
ca mi cantau focu e ventu
ma che ora chiù nun sentu
Tagghiu stu mari comu stoffa
mentri la storia passa,
lassu stu corti fattu e pezzi
di sangu e malarazza.
Amuninni senza sapiri unni
luntanu di sta terra che nun duna
luntanu di sta terra
ca ni sta vidennu crisciri e muriri
e ni lagna comu l'acqua d'aprili.
Amuninni luntanu di sta terra
lassamu u cori chiantatu nterra
u cori di cu un jornu appi a scappari
e ora stamu accussì
e ora stamu accussì, tira a campari.
Grassu sapuni fattu di casa
li pedi scausi dintra na chiesa
lu suli dormi sutta lu mari
li vacchi sonnanu 'ncapu lu sali .
Lassu sta terra ca trema e scantu
ca abbruscia l'occhi di sabbia e ventu,
lassu stu cori peddi di tamburu
lassu st'amuri corda di viulinu.