GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 92 visitatori e nessun utente online

 
QUANTU SI BELLA MISA A LU TILARU
Mario Incudine
 
 

 

 
 
QUANTU SI BEDDA MISA A LU TILARU
Quantu si bedda misa a lu tilaru
ca fai linzola di canapa e di linu,
quannu la guglia teni 'ntra li manu
di la to tila nesci oru finu.
Putissivu cusiri macari senza stigli
senza ne lana, ne ditali e senza gugli,
li to capiddi fussiru lu filu,
e lu me visu tila ne tò manu.
Quantu si bedda assittata a lu tilaru
mentri cusi li linzola i linu finu,
un fazzulettu riccamatu a manu
ccu lu me nnomi quannu và luntanu.
E cusi sula tuttu lu curredu
chistu sarà ppi mia lu to tisoru,
e lu cupuni ora sutta 'nvelu,
ppi scupunarlu quannu ni maritamu.
'Nte sti linzola ci sarà misteru
quannu ne frazza tò si grapi u celu
ne ddu cuscinu riccamatu a manu,
ci posi a testa e i i to capiddi d'oru.
Quantu si bedda assittata a lu tilaru,
mentri canti ccu stu parlari finu
mentri ccu l'occhi assicuti lu ricamu
di un gigliu e di 'na rosa di giardinu.                    
QUANTO SEI BELLA MENTRE LAVORI AL TELAIO
Quando sei bella mentre lavori al telaio
nel fare lenzuola di canapa e di lino
quando l'ago tieni tra le mani
dalla tua tela esce oro fino.
Potresti tessere anche senza attrezzi
senza nè lana, nè ditali e senza aghi,
i tuoi capelli sarebbero il filo
e il mio viso tela nelle tue mani .
Quando sei bella seduta al telaio
mentre cuci le lenzuola di lino fino
un fazzoletto ricamato a mano
con il mio nome per andare lontano.
E cuci sola, tutto il corredo
questo sarà per me il tuo tesoro,
e lo ricopri ora sotto un velo
per scoprirlo quando ci sposiamo.
In queste lenzuola ci sarà mistero
quando nelle braccia tue si apre il cielo,
in questo cuscino, ricamato a mano,
ci posi la testa e i capelli d'oro.
Quando sei bella seduta al telaio,
mentre canti con questo dialetto fino
mentre con gli occhi segui il ricamo
di un giallo e di una rosa di giardino.