A STIDDA 

poesia di Francesca Vitello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
A STIDDA
Lustru di Stidda, chiara, lucenti,
purtentu e faidda di l'Urienti,
nun fusti Stidda comu je' gghiè,
ma Luci Santa pi li tri Re.
Iddi, 'nsiguennuti, po' si firmaru
unni la notti fu jornu chiaru
e, intra 'na naca di puvireddu,
'ddà ci truvaru lu Bammineddu.
Divutamenti s'anginucchiaru
e, Re di li Re, po' l'aduraru.
Ma di 'ddù munnu di vera umilità,
sulu a "Stidda" oi arristà.
Nasci, ogni Omu, cu la sò Stidda,
e la sò vita camina cu idda.
'Nsegui a so Stidda lu novu natu
ca vitti la luci e fu abbannunatu.
Ni la sò vita c'è un ranni duluri:
di 'la famiglia ci manca u caluri.
A stessa Stidda veni abbistata
i chidda donna, matri mancata.
Chiangi u sò cori, sempri 'ntravagliu,
idda 'un pò 'ddiri: "sugnu matri, è mè figliu!"
Ma la so vita ancumencia a lustrari
pirchì a "Stidda" li fa 'ncuntrari.
"Oh... Matri!" "Oh.... Figliu!"
si vannu dicennu abbrazzati
e lu cori arridi, cull'occhi vagnati...
'Ncontru...
'Ncontru ca nasci di dù dulura:
chiddu di matri e di criatura.
'Ncontru di spranza ca unn'avi culuri,
sutta na "Stidda" china d'amuri!

                         

LA STELLA
Luce di stella, chiara, lucente,
portento e favilla dell'Oriente,
non sei stata una stella come le altre,
ma Luce Santa per i tre Re.
Loro, seguendo te, poi si fermarono
dove la notte fu giorno chiaro
e dentro una culla di poveretti
la ci trovarono il Bambinello.
Devotamente si inginocchiarono
e, Re dei Re, poi lo adorarono.
Ma di quel mondo di vera umiltà,
solo la "Stella" oggi è rimasta.
Nasce, ogni uomo, con la sua Stella,
e la sua vita cammina con lei.
Insegue la sua Stella il nuovo nato
che vide la luce e fu abbandonato.
Nella sua vita c'è un grande dolore:
della famiglia gli manca il calore.
La stessa Stella viene avvistata
da quella donna, madre mancata.
Piange il suo cuore, sempre in ambasce,
lei non può dire: "sono madre, è mio figlio"
Ma la sua vita incomincia a illuminarsi
perché la "Stella" li fa incontrare.
"Oh… Madre" "Oh… Figlio"
si vanno dicendo abbracciati
e il cuore ride, con gli occhi bagnati…
Incontro…
Incontro che nasce da quel dolore:
quello di madre e di creatura.
Incontro di speranza che non ha colore,
sotto ad una "Stella" piena d'amore!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 98 visitatori e nessun utente online