NI LA TERRA DI LI MENNULI AMARI 

poesia di Francesca Vitello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NI LA TERRA DI LI MENNULI AMARI
Sbattuliatu
di la fridda tramuntana,
‘ddrà sutta,
‘mmezzu a la chlana,
un ciuri di mennula,
tuttu arriddrutu spampinà e,
ni lu virdi fugliami,
a so minnulicehia,
tinira e sula, arristà.
L’ ucchiuzzi
o Munnu grapì
e, na rama primurusa,
ci arridì.
“Ma chi ci fazzu ccà...
si u me giuccu era ‘ddrà,
u ventu m’annacava
e un ciuri.. m’accalurava?’

“Sta Terra ti chiamà
e tu nascistl ‘ccà
e lu nasciri d’un ciuri
l’aviri a tantu anuri.
Ma ora, pi campari,
suliddra tu a’ luttari,
pirchì lu pani,
ora pi ora,
si scutta cu li sudura!

Nicuzza, all’erta a stari:
‘ccà a vita sapi dari
vintati assà cuntrari
e, ‘ddritta ‘ddnitta, ‘nterra
ti fa scuppari”!
Ni la Terra...
Di li mennuli amari,
sutta un suli
di Frivaru,
affruntusu e matinaru.                                  
NELLA TERRA DELLE MANDORLE AMARE

Sbattutu
dalla fredda tramontana
la sotto
in mezzo alla piana,
un fiore di mandorlo,
tutto indirizzito perse le foglie e,
nel verde fogliame,
la sua mandorlina
tenera e sola, restò.
Gli occhietti
al Mondo aprì
ed un ramo premuroso
gli sorrise.
Ma che faccio qui…
se il mio letto era la,
il vento mi dondolava
e un fiore mi riscaldava

Questa terra ti chiamò
e tu nascesti qui
e il nascere d’un fiore
lo devi prendere come onore.
Ma ora per vivere
da sola tu devi lottare,
perché il pane,
ora per ora
si guadagna con i sudori.

Piccolina, all’erta devi stare.
perché la vita sa dare
ventate molto contrarie
e dritta, dritta a terra
ti fa andare…..
Nella terra
dei mandorli amari,
sotto un sole
di Febbraio
a disagio e mattiniero.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 39 visitatori e nessun utente online