'NCANTU DI NATURA 

poesia di Francesca Vitello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'NCANTU DI NATURA E CORI                       
Francesca Vitello
Carmaria di fugliami allucintatu
di lustru di luna.
Trapuntìu di stiddi arraccamati.
Cuncertu di griddi
e lucichìi di cannileddì ncantati.
Taci la vita, taci la notti,
notti argintata
di silenziu ammantata.
Silenziu
Silenziu ca parla
cu turmenta di dulura,
cu suspira di luntananza,
cu noti di puisia.
Sì,
cu noti di puisia
ca, di l'arcata stiddiata,
vannu cadennu a una a una,
comu nisci arruvintati,
ni li cori 'nnamurati
e... cu magia di pitturi
si va scrivennu
na palora:
"AMURI".                                  
INCANTO DI NATURA E CUORE

 

Calma di fogliame lucente
alla luce della luna
Cielo trapuntato di stelle ricamate.
Concerto di grilli
e luccichio di lucciole incantate.

Tace la vita, tace la notte,

notte argentata
di silenzio ammantata.
Silenzio
Silenzio che parla
con tormenti di dolore
con sospiri di lontananza,
con note di poesia.
Si,
con note di poesia
che, dall'arcata stellata,
vanno cadendo ad una ad una
come faville arroventate,
nei cuori innamorati
e….con magia di pittori
si va scrivendo
una parola:
"AMORE".
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 236 visitatori e nessun utente online