MITU E FULKLURI NI LA VALLI 

poesia di Francesca Vitello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
MITU E FULKLURI NI LA VALLI                       
Sintiti, sintiti, sintiti...
c'era 'na vota a Primavera
ca, picciuttedda, circannu l'Amuri
lu vinni a truvari
nu "Mennulu 'nciuuri",
e riturnannu,
annu pi annu,
pi rinnuvari
stu "Pattu d'amuri" siculari,
di tantu sintimentu stasiata,
arriva prima ni la Dorica Vallata.
Ni sta Valli
scurriva un sacru ciumi
"Akragas" 'nnuminatu
e lu focu di l'Amuri
'ccà viniva cunzacratu.
Cu u canduri di lulinu
'na vesta assà spiciali,
già sapiva di divinu
lu gran Ritu nuziali.
N'agnidduzza nova nata
po' 'ncinzava u sacru artari
e lu ciavuru e la fumata
fina 'ncelu avia arrivari
pi purtari gran dilizia
a Pronubia propizia.
Matri Dimetra,
senza 'cchiù affannu,
du Patri Giovi cunurtata,
propriu ni chissà stasciuni di l'annu,
va passiannu ni la Vallata.
Prima ca a spica d'oru addiventa
e lu papaviru di russu s'ammanta,
sutta li mennuli chini di ciuri
va arridennu cu la so Kuri.
E sti culonni arsi du suli,
du ventu da marina cunurtati,
di Mitu, di Mimoria e di Splinduri,
parino essiri tutti 'mpastati...
L'ecu du Tempu,
porta la vuci di tanti Genti
ca, cu li ditti e cu li fatti,
ficiru a storia di Giurgenti.
Ora, pi 'nnantri, è storia ricenti
"U mennulu 'nciuri di Giurgenti"
ci sunnu razzi di ogni manera
pi salutari a Primavera.
Vannu arridennu a li prisenti
e, d'essiri 'ccà, su tutti cuntenti.
Tra Gruppa naziunala e furastera
si va rumpennu ogni fruntera ...
lucichìì di custumi culurati,
danzi di fulkluri,
spilati di carretta,
battiti di mani,
miludii vicini e luntani
volanu nill'aria azzulata
e si disperdinu pi tutta la Vallata.
Ni sta festa di fulkluri
c'è u girmugliu di l'Amuri,
gran richiamu mundiali
ca nunn'avi nantru aguali.
E davanti a la "Cuncordia"
nun c'è postu pà Discordia,
ci sia Paci, gran Litizia
e la "ciaccula di l'Amicizia"!
MITO E FOLKLORE NELLA VALLE
Sentite, sentite, sentite…
C’era una volta la Primavera
che, giovinetta, cercando l’Amore,
lo venne a trovare
un “Mandorlo in fiore
e ritornando
anno per anno
per rinnovare
questo “Patto d’amore” secolare,
da tanto sentimento estasiata
arriva prima nella Dorica vallata (Agrigento)
In questa valle
scorreva un sacro fiume
“Akragas” chiamato
e il fuoco dell’Amore
che veniva consacrato.
Con il candore del lino
una vesta assai speciale
già sapeva di divino
il gran Rito nuziale.
Un’agnellina appena nata
poi incensava il sacro altare
e l’odore e il fumo
fino in cielo doveva arrivare
per portare gran delizia
a Pronubia propizia
Madre Demetra,
senza più affanno
dal padre Giove confortata
proprio in questa stagione dell’anno
va passeggiando per la Vallata
Prima che la spiga dìoro diventi
ed il papavero di rosso s’ammanta
Sotto i mandorli pieni di fiori
va sorridendo con il suo Kuri
E da queste colonne arse dal sole
dal vento della marina confortate,
da Mito, da Memoria e da Splendore
sembrano essere impastati…
L’eco del tempo
porta la voce di tanta Gente
che, con il parlare e con i fatti
fecero la storia dm Agrigento.
Ora per noi è storia recente
“Il mandorlo in fiore di Agrigento”
ci sono razze da ogni dove
per salutare la Primavera.
Vanno ridendo ai presenti
e d’essere in questa città sono contenti.
Tra gruppi nazionali e forestieri
si va rompendo ogni frontiera…
luccichii di costumi colorati,
danze di folcklori,
sfilate di carretti
battiti di mani,
melodie vicine e lontane
volano nell’aria azzurrina
e si disperdono nella Vallata.
In questa festa di folklore
c’è un germoglio dell’Amore,
gran richiamo mondiale
che non ha altro uguale.
E davanti alla “Concordia” (tempio)
non c’è posto per la Discordia,
ci sia Pace, gran Letizia
e la fiaccola dell’Amicizia

 


 
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 47 visitatori e nessun utente online