A RUSIDDA 'MPERTINENTI E A FAVUZZA TENERA 

poesia di Francesca Vitello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A RUSIDDA 'MPIRTINENTI
E A FAVUZZA TENNIRA

Ni la campagna, spirduta e sulagna,
sutta l'occhiu d'un suli d'Abbiliri,
cu l'acquazzina ca luci e lu vagna,
un mennulu, cusuiteru, sintì 'stù diri:
"Nascivu ciura sarbaggia, mi fici po' 'nnistari
e rosa supraffina, mi fazzu taliari!
Sugnu rosa russa, virmiglia e villutata,
ciuri di l'Amuri sugnu 'nnuminata!
Pallita e sciluccusa è, ammeci, a to ciurìa,
resta vascia vascia, nuddu la talìa!
Affacciata a lu rusetu,
mi pitta di russu lu suli
e tu, sempri ammucciata,
sì fava malacculuri"!!"Carmati tanticchia, rusidda 'mpirtinenti,
ascunta li me palori e tenili 'bbeni a menti:
taliannu l'apparenza,
idda ti pò 'ngannari,
ha 'gghiri a la sustanza si u veru vo truvari!
Veru è ca 'stu fugliami
mi teni ammucciata,
ma, comu favuzza tennira,
sugnu, assà circata!
Pi 'ttia ca nun mi vidi,
iu sugnu misira cosa,
ma ognunu, ni la vita,
serbi a quarchi 'ccosa:
mentri, cu 'ttia,
d'Amuri parlanu li 'nnamurati,
cu 'mmia, li panzi s'inchinu
li poviri affamigliati,
pirchì si unn'hannu pani
e spinnanu pi mangiari,
cu favi cotti e maccu li fazzu arricriari!
Quannu, pi 'ttia, tracodda
a stajuni di lu ciuri
tu nun serbi a nenti,
nun parli 'cchiù d'Amuri
e mentri li to pitali vennu ittati o ventu,
iu restu, pi li famigli,
sustegnu e nutrimentu...
perciò, rusidda mia, prima di giudicari,
"scricchiami"! Ni lu cori, tu m'ha taliari"
                                      
LA ROSA IMPERTINENTE
E LA FAVETTA TENERA
Nella campagna sperduta e solitaria,
sotto l'occhio di un sole d'Aprile,
con la rugiada che luccica e lo bagna,
un albero, curioso, sentì questo dire:
"Sono nata fiore selvaggio, mi sono fatta,
poi, innestare e rosa sopraffina,
mi faccio, oggi, ammirare! Sono rosa rossa, vermiglia e vellutata,
fiore dell'Amore sono nominata.
Pallido e scolorito è, invece, il tuo fiorire,
resta basso, basso fino al suo sfiorire!
Affacciata al roseto,
mi pittura di rosso il sole
e tu, sempre nascosta,
sei fava senza colore"!"Calmati un pochino, rosetta impertinente,
ascolta le mie parole, tienile bene in mente:
se guardi l'apparenza,
questa ti può ingannare,
vai alla sostanza se il vero vuoi trovare.
Sì, da questo fogliame
la vista mi viene negata
ma, come favetta tenera,
sono gustosa e cercata! Per te che non mi vedi,
io sono misera cosa
ma, ognuno nella vita,
serve a qualche cosa:
mentre, con te, d'Amore
parlano gli innamorati,
con me le pance riempiono
i poveri affamati,
perché se non hanno pane
e bramano per mangiare,
con fave cotte e "maccu" (1) li faccio saziare!
Quando, poi, tramonta
la stagione del tuo fiore,
tu non servi a niente
e non parli più d'Amore!
E mentre i tuoi petali vengono buttati al vento,
io resto, per le famiglie,
sostegno e nutrimento!
Perciò, rosetta mia, prima di giudicare,
"aprimi"! Dentro il cuore,
mi devi, tu, guardare!
 
 

 
 
 
 
 
       

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 329 visitatori e nessun utente online