GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 77 visitatori e nessun utente online

U VENNIRI MATINU (tradizionale religiosa)

 

 

LU VENNIRI MATINU
(canto tradizionale religioso)

 

Lu Vennirì matinu a ghiornu chiaru
la Bedda Matri si misi in caminu;
'ncuntrau a San Giuvanni pi la via,
ci dissi: «Unni stati jennu o Matri mia?»
«Vaiu circannu lu me caru Figliu
ca lu pirdivu e nun lu pozzu asciari».
«Iti 'nta ssà casuzza di Pilatu,
lu iti asciari 'nchiusu e 'ncatinatu».
Tuppi tuppi: «Cu è ddocu darreri?»
«Sugnu la tò Matruzza Addulurata».
“Oh cara Matri mia un vi pozzu apriri
ca li giudei mi stannu 'ncatinatu.
Jti ddocu darreri c'è l‟arginteri,
facitici l‟aneddu a lu Signuri».
L‟aneddu a lu Signuri nun ci stavi,
ci stannu tri chiuvidda 'e pedi 'a cruci.
«Oh caru mastru chi faciti a st‟ura?»
«Fazzu tri chiova apposta pi lu Signuri».
«Oh caru mastru un li faciti a st‟ura
vi pagu la jurnata e la mastrìa».
«Oh cara Matri nun lu pozzu fari,
unni c'è Gesù ci mettinu a mia».
La Bedda Matri 'ntisi stu parlari,

IL VENERDI‟ MATTINO

 


Il Venerdì mattino quando è giorno chiaro,
la Madonna si mise in cammino,
incontrò San Giovanni per la via
che Le disse: “Dove andate o Madre mia”“
Vado a cercare il mio caro Figlio
perchè l‟ho perso e non lo posso trovare”
“Andate nella casa di Pilato,
lo troverete rinchiuso e incatenato”
Tuppi tuppi (1) “Chi è lì dietro?”
“Sono la tua mamma Addolorata”
“O cara mamma mia non vi posso aprire
perché i Giudei mi tengono incatenato.
Andate lì dietro c‟è il mastro argentiere,
fate l‟anello al Signore”
L‟anello al Signore non si trova
ci sono tre chiodini ai piedi della croce.
Oh caro mastro che fate a quest‟ora?”
“Faccio tre chiodi apposta per il Signore”
“Oh caro mastro non li fate a quest‟ora
vi pago la giornata e la bravura di mastro”
“Oh cara Madre non lo posso fare,
a posto di Gesù (in croce) mettono a me.
Appena la Madonna sentì questo parlare,
fece girare mondo, terra e mare.
1): suono onomatopeico del bussare
fici vutari: munnu, terra e mari!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra i canti popolari a tema religioso questa canzone è una delle più conosciute in tutta la Sicilia e veniva cantata il Giovedì e il Venerdì Santo in varie parti dell‟isola. L‟Addolorata è in cerca del Figlio e lo trova incatenato nella casa di Pilato. Commovente il dialogo della Santa Madre con San Giovanni, con il Figlio incatenato e col mastro fabbro che fabbrica i chiodi per la croce. Nella canzone è preminente il dolore e il dramma dell‟Addolorata nel tentativo di cambiare gli eventi dolorosi del Figlio. I canti religiosi da tempo immemorabile hanno attratto la fantasia dei compositori che hanno lasciato pagine straordinarie della pietà religiosa e della fede del popolo siciliano. Il dolore dell‟Addolorata è straordinariamente interpretato da Rosa Balistreri, che, seppur nella vita si dichiara non religiosa, in questa pagina mostra il suo interiore religioso e la vicinanza di una mamma che ha vissuto nel dolore per la perdita di due figli appena nati con la santa Madre di Gesù. Strutturalmente il canto è formato da endecasillabi con accento ritmico nelle sillabe 6/10 con alcune rime baciate A/A. La tonalità musicale è La maggiore con un tempo di ¾.
Testi e partiture delle canzoni 194