LI FIMMINI CHI SU
Orazio Strano

 

 

 
Na carusa, larillallà, arrivannu a quindici anni
tutta dura pi vuligghia, larilallà
si fa zita, lassa e pigghia, pigghia e lassa, matri ingrassa
chi fastiziu ca ci sta
Dopu si spassa, si passa lu sfiziu pi dari sfocu a la so gioventù
la donna dici ma prestu ti pizzicu oh maritanimi ci curpi tu .
Ah giovinotti c'haviti giudiziu li canusciti li donni chi su
tutti fingennu pi va'uatri affliziu pi quantu i giuvani nu scappa chiù
L'omu si spassa, si passa lu sfiziu pi dari sfocu a la so gioventù
la donna dici ma prestu ti pizzicu oh maritanimi ci curpi tu
Ah giovinotti c'haviti giudiziu li canusciti li donni chi su
tutti fingennu pi va'uatri affliziu pi quantu i giuvani nu scappa chiù
Giovanottu larilallà ca sa pighhia, ca s'ampuna
forza arresta pi cappat,a larilallà
'npocu pasta 'nda pignata, fa salata, fa figghiata, non si sapi comu a fa.
E bona sula pi diri chi caudu e di guarfdari di cca e di dda
e bona sula pi mettiri sciauru tuttu lu jornu cantannu sa fa
Ah giovinotti c'haviti giudiziu li canusciti li donni chi su
tutti fingennu pi va'uatri affliziu pi quantu i giuvani nu scappa chiù
E bona sula pi diri chi caudu e di guardari di cca e di dda
e bona sula pi mettiri sciauru tuttu lu jornu cantannu sa fa.
Ah giovinotti c'haviti giudiziu li canusciti li donni chi su
tutti fingennu pi va'uatri affliziu pi quantu i giuvani nu scappa chiù
Sti carusi larilallà, sunu tutti rabbiusi quantu cosi sannu fari larilallà,
a lu scopu d'incantari, d'accquistari, d'affirrari un picciuteddu e farlu so.
Comu si pittinu, comu si parlanu, quantu ci n'hannu 'nfamità
si c'hannu pilu 'ndo coddu si radunu pi quantu parunu na rarità,
Ah giovinotti c'haviti giudiziu li canusciti li donni chi su
tutti fingennu pi va'uatri affliziu pi quantu i giuvani nu scappa chiù
Comu si pittinu, comu si parlanu, quantu ci n'hannu 'nfamità
si c'hannu pilu 'ndo coddu si radunu pi quantu parunu na rarità
Ah giovinotti c'haviti giudiziu li canusciti li donni chi su
tutti fingennu pi va'uatri affliziu pi quantu i giuvani nu scappa chiù.
Orazio Strano, caposcuola e autorità indiscussa, è stato il più famoso cantastorie della Sicilia orientale; è considerato da molti il padre dei cantastorie siciliani, era paralitico ma questa sua condizione non gli impediva di spostarsi di città in città; si esibiva seduto sul carrozzino accompagnandosi con la sua inseparabile chitarra e alle volte con un mandolino.
La sua carriera inizia nel secondo dopoguerra, narrando e cantando vicende e fatti realmente avvenuti.
Le sue narrazioni raccontano di gente umile costretta a sopportare gli avvenimenti ed il fato avverso.
Fu il primo cantastorie a portare in giro la prima versione di “La storia di Salvatore Giuliano Rè di li briganti” scritta in collaborazione con il poeta dialettale Turiddu Bella e che poi musicò.
La prima volta che la eseguì fu a Montelepre (PA) quando Salvatore Giuliano era ancora in vita.
Una nota di cronaca ci informa che lo stesso Strano (per una forma di delicatezza e tatto), mandò il cantastorie Giacomo Saso di Trabia (PA) a parlare al padre di Giuliano affinché gli concedesse il permesso di cantarla.
Costui a questa richiesta si entusiasmò molto, tanto che gli permise di esibirsi nella strada sottostante la sua abitazione.
Con questa storia Orazio Strano contribuì molto ad elevare a leggenda le gesta di Salvatore Giuliano, raccontato come un Robin Hood nostrano, che toglieva ai ricchi per dare ai poveri.
Ha scritto anche molte canzoni e filastrocche, ha collaborato con moltissimi artisti e poeti. Una delle sue ultime collaborazioni con Rosita Caliò, una delle poche cantastorie siciliane al femminile.
È stato eletto Trovatore d’Italia alle Sagre dei Cantastorie nel '1960 e nel 1962, organizzate dall’Associazione Italiana Cantastorie Ambulanti (AICA).
Nel ’60 nella “Sagra dei cantastorie” che si svolse il 29 Giugno a Grazzano Visconti (Piacenza) risulta vincitore.
Nel ’62 la Sagra si tenne a Castell’Arquato (Piacenza), e il 1° Luglio la giuria formata da personalità del mondo dell’arte, studiosi del folklore e giornalisti, assegna il titolo a Orazio Strano.
Orazio Strano è ormai considerato da tutti uno dei più grandi poeti e cantastorie di Sicilia, una ”leggenda” il maestro per eccellenza.
Discografia
Ci sono ancora diverse incisioni tra le quali vanno ricordate:
Turi Giulianu Imperaturi di Montelepri - di T. Bella
La vita di John F. Kennedy
Focu di pagghia
Lu figghiu di Turi Giulianu
Lu miraculu di S. Alfio
Peppi Musulinu Re di L'asprumunti - di T. Bella
Prucessu a porti chiusi
La Sicilia di Orazio Strano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 60 visitatori e nessun utente online