A SCHETTA E MARITATA
 canta: Orazio Strano

 

 

 
 
 
Avvicinati giuvani, sintiti sta cantata,
ca bascia l'ata a ridiri di cori sta iurnata
Vi cuntu di du fimmini tuuta la so passata
ca a schetta essennu cauda dumanna a maritata
Sintiti vui donn'Angila, scusatimi se spiu
comu vi nni fuistivu comu mi 'mparu iu
pirchì soffru di smania schetta nun pozzu stari
perciò prestu 'nzignatimi comu m'ammaritari
Sintiti donna Antonia, vi voghhiu raccuntari
la me precisa storia vist'è che voi 'mparari
sicuru e senza dubbiu e mi vistist'apposta
cuntati senza scrupuliu ca la me faccia è tosta
Si vidi ca si viuva e vo che chistu asspuntu
vogliu beni 'nzignariti ascuta ca t'a cuntu
Avia restatu scapula quasi vecchia rappata
e mi spinnava l'anima di fari la scappata

Spicciativi don Angela cuntatimi curennu
ca di lu desideriu ca stissa staiu svinennu
pirchì sugnu sensibili e mi pozzu ammalari
a lu sulu pinzarici nun pozzu chiù sciatari
Gricava sempri cipria e a forza di russettu
non ni paramu sciauru 'nda testa e nda lu pettu
Stava di casa all'angulu di na scurusa via
prestu puteva fuimi si n'omu mi vulia
Iu era troppu timida e troppu affruntulina
non mi faceva iautru darreri a la vitrina
ma quanti beddi omini passanu di strata
e iò sempri la solita darrè disidiata
Di tantu disideriu lu cori mi scattava
vuleva beddi giuvani pi quanti l'abbrazzava
ma nun ci èpozzu cridiri ca nuddu si firmau
pi sta facci simpatica lu zitu mi sfumau
nuddu daveru cridimi mi vosi dari retta
mi vittiru antipatica e na ristai schetta
paria na vera mummia, campava dispirata
e non c'era periculu di moriri spusata
Orazio Strano, caposcuola e autorità indiscussa, è stato il più famoso cantastorie della Sicilia orientale; è considerato da molti il padre dei cantastorie siciliani, era paralitico ma questa sua condizione non gli impediva di spostarsi di città in città; si esibiva seduto sul carrozzino accompagnandosi con la sua inseparabile chitarra e alle volte con un mandolino.
La sua carriera inizia nel secondo dopoguerra, narrando e cantando vicende e fatti realmente avvenuti.
Le sue narrazioni raccontano di gente umile costretta a sopportare gli avvenimenti ed il fato avverso.
Fu il primo cantastorie a portare in giro la prima versione di “La storia di Salvatore Giuliano Rè di li briganti” scritta in collaborazione con il poeta dialettale Turiddu Bella e che poi musicò.
La prima volta che la eseguì fu a Montelepre (PA) quando Salvatore Giuliano era ancora in vita.
Una nota di cronaca ci informa che lo stesso Strano (per una forma di delicatezza e tatto), mandò il cantastorie Giacomo Saso di Trabia (PA) a parlare al padre di Giuliano affinché gli concedesse il permesso di cantarla.
Costui a questa richiesta si entusiasmò molto, tanto che gli permise di esibirsi nella strada sottostante la sua abitazione.
Con questa storia Orazio Strano contribuì molto ad elevare a leggenda le gesta di Salvatore Giuliano, raccontato come un Robin Hood nostrano, che toglieva ai ricchi per dare ai poveri.
Ha scritto anche molte canzoni e filastrocche, ha collaborato con moltissimi artisti e poeti. Una delle sue ultime collaborazioni con Rosita Caliò, una delle poche cantastorie siciliane al femminile.
È stato eletto Trovatore d’Italia alle Sagre dei Cantastorie nel '1960 e nel 1962, organizzate dall’Associazione Italiana Cantastorie Ambulanti (AICA).
Nel ’60 nella “Sagra dei cantastorie” che si svolse il 29 Giugno a Grazzano Visconti (Piacenza) risulta vincitore.
Nel ’62 la Sagra si tenne a Castell’Arquato (Piacenza), e il 1° Luglio la giuria formata da personalità del mondo dell’arte, studiosi del folklore e giornalisti, assegna il titolo a Orazio Strano.
Orazio Strano è ormai considerato da tutti uno dei più grandi poeti e cantastorie di Sicilia, una ”leggenda” il maestro per eccellenza.
Discografia
Ci sono ancora diverse incisioni tra le quali vanno ricordate:
Turi Giulianu Imperaturi di Montelepri - di T. Bella
La vita di John F. Kennedy
Focu di pagghia
Lu figghiu di Turi Giulianu
Lu miraculu di S. Alfio
Peppi Musulinu Re di L'asprumunti - di T. Bella
Prucessu a porti chiusi
La Sicilia di Orazio Strano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 86 visitatori e nessun utente online