LA STORIA DI GIULIANO 7 e 8 parte (Stragi di Bellolampo - La fini di Giulianu)

 

 

 

 

 
La lotta siguitava cu fururi tra Giulianu e li carabbineri
attacchi e contrattacchi di turturi rastrillamenti, arresti e morti arreri
sempri guerrigli anzi guerra attunnu ca faceva parlari mezzu munnu
'Nda sett'anni diversi ci nni sunnu culunnelli e questura a lu cumanu
che lottano a Turiddu fina 'a nfunnu ma senza fruttu, pirchì nenti fannu
anzi Giulianu acquista chiù elementi
ca lu fannu pariri chiù putenti studiau un pianu strategicamenti
ca l'azioni sviluppau in do punti a Bellulampu e chiù precisamenti
'nda la caserma ca attaccau di frunti a lu scopu precisu d'attirari
forza di pulizia da massacrare
comu difati vistinu arrivari carrabbineri in massa 'nda dui uri
cu autocarri ed armati tutti pari di armi muderni di centu culuri
pi dari aiutu a ddi carrabineri in lotta chi i briganti tanti feri
ma Turi aviva fattu lu pinzeri di na pocu di chiddi stirminari
e aviva misu nda lu cantuneri na grossa mina lesta pi sparare
na mina ca spaura e d'un macellu fici addirittura
Lu cumannu di palermu si primura e a Bellulampu va cu vucca amara
ma Turi ci prepara n'avventura ca pi furtuna nun ci costa cara
a certu puntu li pigghiau di mira e bumma a manu e mitra a jiatu tira
Giulianu vuliva ni dda sira sbarazzari di tunnu e cu manera
l'Ispettoratu ca manica gira cu li so dirigenti misi a schera
ma la pinsata nun c'arrinisciu c'autri morti nun nni vosi Diu
Cu tali 'nmprisi spissi e tanti audaci Turi Giulianu la fama si fici
ca lu Guvernu nunn'era capaci di vinciri a Turiddu e fari liggi
e lu Guvernu assa preoccupatu lu culunnellu Luca ci ha mannatu
stu cumannanti è un omu già attimpatu un tipo viramenti rsolutu
intelligenti assai e priparatu d'ogni lotta curaggiusu e astutu
ca lu so fari è assai prudenti canuscennu a Giulianu specialmenti
Turiddu ni chiddi tempi era furenti pirchì la matri so ni chiddi istanti
accusata di favureggiamentu era in galera comu na furfanti
e Giulianu nun lu suppurtava pirchì la matri sò tantu stimava
e comu un veru pazzu smaniava la matri prestu libera vuleva
e l'autorità perciò prissava pi quantu prestamenti l'assulveva
dicennu: siddu nun la liberati fazzu vinnitti li chiù spietati
la rimisiru prtantu in libirtati e Turi l'abbrazzau ducentu voti
l'accarezzau e ci desi vasati dicennu: Mamma li to vrazzi sciuti
li mia m'attaccaru d'ora in poi. iu canciu vita pirchì tu lu voi
Difatti riuniu li genti soi e dissi: Di sta vita mi stuffai
vogghiu ca attornu a mia ci sunnu gioi no canti e lutti e ruina e guai
li cori mi li detta sti cunsigli pi dari paci a li nostri famigli
E addivintaru comu li cunigli spidderu l'attentati e li battagli
e pi scanzari li mali.... p'unn'aviri chiù scanti e travagli
a Luca s'arrinneru tanti e tanti di ddi nterribilissmi briganti
attornu a Turi si faceva canti quasi sulu arristau 'mezzu a ddi monti
mentri Luca asèittava lu propiziu istanti pi darici lu corpu 'nda la frunti
e nda lu mentri tuttu priparava pi quantu 'nda li riti lu jittava.
8 LA FINI DI GIULIANU
Luca 'nfurmatu d'un certu cumpari amicu di Turiddu e tradituri
sappi di lu briganti tutti pari li mossi e li prugetti di chidd'uri
e sappi puri ca Turi Giulianu ca si truvava a Castedduvitranu
ca a spittava na aeroplanu si lu purtassi prestu a volu chinu
di la Sicilia so tantu luntanu pi non cappari 'nda malu distinu
e intanti nda li vrazza di n'amanti Turi passava dda l'ultimi istanti
Ma nu stu mumentu lu culunnellu Luca daccordu cu Gaspari Pisciotta
armava a trappula a Giulianu Luca pridispuniu pi lu briganti
'nserviziu tali ca nun ha cunfrunti una speci di cinema ambulanti
ca si spustava 'nda tutti li punti comu pi fari un film colossali
d'un suggettu mudernu e giniali un furguncinu fattu tale e quale
come l'arti richiedi e l'arti voli cu machina di presa e cu fanali
ma dintra chinu di mitra e pistoli e cu stu mezzu sei carrabineri
già vistuti d'artista tutti interi. Giulianu parlava vulinteri
cu lu cumpagnu spia e tradituri non suspittannu li mali pinzeri
lu tradimentu di ddu malfatturi ca ci avia statu accantu in ogni lotta
che era l'amicu Gaspari Pisciotta
Gaspari ci priparau nu beddu pianu ca quannu Turi spiddiu di mangiari
si 'ntisi calari u sonnu e s'iu a curcari Gaspari la so morti già cumplotta
e cerca p'ammazzarlu l'ura adatta mentri la pulizia di tuttu addotta
surviglia, aspetta e cu la spia cuntratta lu cincu lugliu di l'annu cinquanta
l'ammazzerà Turiddu e poi s'avanta ma Luca navittoria passa canta
pirchì iddu nda sta 'mprisa nenti cunta Pisciotta sulu lu cori s'ammanta
pi stu delittu che in appressu scunta dopu d'avirlu beni alluppiatu
a bruciapilu in sonnu ci 'ha sparatu Pisciotta ammazzau a Giulianu
pirchì pritinneva libertà e miliuni Pisciotta a Turi si l'ha sbarazzatu
cridennu d'essirini assurvutu inveci dopu ni fu avvilinatu
'nda la galera e nenti ha cunchiudutu la so spiranza si vistiu di luttu
e 'nni muriu cu lu mussu asciuttu mazzau a Turi e tirminau tuttu
la nomina arristau di ddu picciottu e na tomba 'da un locu pocu asciuttu
ca chiudi lu so corpu mezzu stortu quannu la carnu tutta 'nfracidisci
schelitri arresta e in cinniri finisci La vera storia è chista di Giulianu
di Turi Bella è fatta e canta Stranu
 

 

 

tratto da
http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=2836&biografia=Salvatore+Giuliano
Salvatore Giuliano nasce a Montelepre, in provincia di Palermo, il 22 novembre 1922,
da una famiglia di modesti contadini che cresce il ragazzo educandolo ai valori della
fede e del lavoro.
Ed è proprio quando è alle prese con le dure fatiche quotidiane che, mentre trasporta
due sacchi di frumento acquistati di contrabbando, nel torrido pomeriggio del 2
settembre 1943, che viene bloccato da una pattuglia di carabinieri; Turiddu, come
lo chiamano in casa, abbandona frumento e cavallo e si dà alla fuga. Ferito da due
dei molti colpi di fucile che i gendarmi gli sparano, egli estrae la pistola che
prudenzialmente porta con sé per difendersi da eventuali incontri con i briganti e fa
fuoco uccidendo accidentalmente uno degli inseguitori. Riesce a trascinarsi in un bosco
facendo perdere le proprie tracce, ma da quel momento la sua vita è segnata.
Soccorso da alcuni contadini e poi dai suoi familiari, trascorre circa un mese in
condizioni di salute molto instabili, nascosto in una casa abbandonata, a Palermo,
ed assistito da un medico, il prof. Purpura, uomo onesto e di idee fortemente
separatiste che va spesso a visitarlo.
Nel corso dei loro incontri il professore informa Salvatore della fine della guerra,
ma lo istruisce altresì sulla storia e sui patimenti del popolo siciliano convincendolo
della bontà del progetto indipendentista "Sicilia-Nazione".
Rimessosi in salute il ragazzo fa ritorno nella casa di Montelepre, rimanendo
sempre guardingo e pronto alla fuga nel caso di arrivo dei gendarmi.
E infatti, nella notte del 23 dicembre 1943, a Montelepre piombano 800 carabinieri
per catturarlo. Ne fa le spese suo padre che, uscito di casa per verificare la presenza
dei militi, viene da questi bloccato e crudelmente malmenato.
Salvatore riesce a fuggire, dopo aver ucciso un carabiniere e feriti altri due.
Si rifugia in una grotta, e inizia così la sua vita di latitante nei boschi.
Raccoglie intorno a sé altri ricercati formando una banda e riuscendo presto,
associando a delitti e rapine una grande generosità verso i poveri, a costruire
intorno al suo nome un alone di leggenda.
Col cinismo che oramai lo contraddistingue, pone al servizio della politica la sua
forza e la sua popolarità. Nel 1945 è nominato colonnello del'esercito separatista,
ma ben presto abbandona il movimento (MIS-EVIS, Movimento Indipendentista
Siciliano - Esercito Volontario per l'Indipendenza della Sicilia) e sostiene prima
i Monarchici e poi la Democrazia Cristiana.
Utilizzato nella lotta contro il comunismo, tanto dalla politica quanto, pare,
dalla mafia, dopo il successo delle sinistre alle elezioni siciliane del 1947,
il 1° maggio Salvatore Giuliano e la sua banda aprono il fuoco sulla folla
radunatasi a Portella della Ginestra per la festa del lavoro: è un massacro,
con 11 morti, fra cui due bambini, e 27 feriti, alcuni dei quali moriranno di lì a dopo.
La repressione durissima che ne segue, nei confronti del brigantaggio, non riuscirà
tuttavia a colpirlo. Sarà trovato morto, il 5 luglio 1950, a Castelvetrano.
Si dirà che l'autore dell'assassinio sia stato un suo cugino e luogotenente,
Gaspare Pisciotta; gli atti processuali indicheranno, invece, il capitano Antonio
Perenze quale autore dell'uccisione, in uno scontro a fuoco fra carabinieri e briganti;
qualcun altro dirà che quel corpo addirittura non fosse il suo, ma la vicenda rimane
avvolta nel mistero. E senza risposta rimane l'interrogativo sull'esistenza
e sull'identità dei mandanti della strage di Portella.
Salvatore Giuliano muore dunque all'età di 28 anni: per i siciliani resterà
un eroe romantico, mitico, celebrato in molte ballate della cultura popolare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 65 visitatori e nessun utente online