LA STORIA DI GIULIANO 1 e 2 parte (Comu addivintau briganti - La prima vinnitta)

 

 

 

 

Vogghiu cantari a cannarozzu chinu la vita di Turiddu Giulianu
lu briganti mudernu e malandrinu ca stranizzari fici un munnu sanu
e affissu e tannu arditu e arrisolutudi Muntilepri fu lu Re assolutu
La matri so l'aviva fattu e crisciutu p'addivintari un omu onestu e chetu
ossirvari la liggi e lu statutu comu li genti di lu stessu cetu
Di muraturi e travagliaturi specchiu di gintilizza e di l'onuri
E chiù crisceva lu giuvani Turi di chiù la matri sò facia priari
pirchì era forti e beddu comu un ciuri spertu e valenti nda lu travagliari
ben vulutu di tutti e arrispittatu pi lo so fari sò fari d'omu già vasatu
Era a Palermu comu impiegatu stu giuninottu intelligenti e arditu
e cu lu so travagliu ha limitatu la so famiglia aiutava e ghia puliti
facennu sacrifici tutti li seri e tutti li matini
ca a petri li faciva tra petri e spini ghiornu pi ghiornu simanati sani
tutta la strada tra Monti Camini e Palermu Muntelepri di ca e ddani
chiù di trenta chilometri sia pi la juta ca po ritornu
Vinni la guerra poi cu lu frastornu ca in ogni casa purtau fami e 'nfernu
e puri Turi si truvau attornu fami ruvina e debuli guvernu
'nda latri e sti mercanti di cannuni prufittaturi e latri d'ogni agnuni
Ma Giulianu non era un minchiuni e disiava un vuliva lu pani
mentri vidiva ca tanti pirsuni n'avianu tanti da darlu a li cani
e allura fici lu pripunumentu di procurari un pocu di frumentu
eranu tempi di pene e di stentu e un chilu di granu valia quantu
spinniu na pocu di carti centu e n'accattau un sacchiteddu tantu
cu la spiranza ca la fami di la casa s'alluntana ma la so sorti misera e viddana
dari nun ci la vosi sta furtuna ma lo so spisa fu na spisa vana
ca non ci desi ricumpensa alcuna pirchì incuntrau a du carabbineri
ca lu frumentu ci luvaru arreri
Turiddu li prigau, li supplicau ma tuttu tempu inutili
ci acchiapparu u sacchiteddu supra a spadda poi ci dissiru vattini altrimenti t'arristammu. Vani furunu li lagni e li prigheri
pi lu frumentu lassarici stari li du militi foru assai sinceri
e quasi lu vulevanu arristari pirchì frumentu a lu tempu di tannu
era cunsideratu contrabbannu
Ma intanto Turi iva cunsiderannu comu giustizia nun ci nn'è a stu munnu
ma mentri ad iddru u stavanu arristannu l'intrallazzisti giravanu 'ntornu
traficannu granu a vagunati farina ed autri mezzi razionati
e se tali unn'eranu arristati pi li commerci so pochi puliti
ma uscavanu sordi a carrittati senza ....
a dannu di li populi innuccenti vittimi di la guerra e di sti genti
turnau a la casa nirbusu e scuntenti cu lu cori unghiatu nda st'istanti
a la matri cuntau e a li parenti l'incontru fattu a tuttu lu ristanti
ma frattantu lu pani ristava a pani lu furnu friddu e la panza macari
Turi s'assittau a tagghiu o furnu a matri darreri a iddu ca chianceva
e diceva poviru figghiu comu è ngustiatu senza pani
ma Turi cuminciau a filosofare supra la vita e supra lu doviri
e conchiudiu ca n'omu pi campare frumentu in casa e panuzzu ci ha aviri
Guerra o non guerra, ammassu o senza ammassu
non si po stari di lu pani arrassu tirau un casciolu e affirrau du sacchiteddi
la matri ci dissi Turi nun mi dari, nun mi dari spaventi
A matri rispusi, leviti ca senza pani un si po stari e si partiu cu lu sveltu passu
pi riturnari ni ddu locu stissu unni un massaru cu lu coddu grassu
c'avia frumentu e lu vinnia spissu du sacchiteddi dda si nn'accattau
e versu la so casa lu purtau
Quando ha visto i carabbineri e disse: stavota a vita mi fazzu luvari no u frumentu
ma quannu a Quartu o mulinu arrivau na pattuglia in serviziu lu scupriu
e lu frumentu si lu sequestrau senza ca Turi potti diri ciu
ci aviva lu sangu all'occhi e ancor l'ira e di la tasca la pistola tira
N'attimu poi pigghiau la mira e ad un carrabineri 'npettu spara
cadi dda nterra chiddu comu pira
e l'arma di lu corpu si spripara ma Turi vidi puri nu feritu
e si rifugiau dintra un cannitu
Dda si nfasciau u fiancu feritu cu strisci di cammisa 'nsanguinatu
s'alluntanau strisciannu di ddu situ versu nu postu assai chiù riparatu
aspittannu la notti fridda e scura mentri un duluri acutu lu turtura
Ma 'nda stu mentri passa un cunpagnu su misi a picureddu e travirsannu u paisi
di notti tempu arrivanu a casa.
A matri, comu visti Turi, ittau un gridu: Figghiu chi malu distinu ca avisti a passari
Matri ci dissi Turi nun gridari forti pirchì ammazzai un poviru carrabbineri
e maliditta la guerra com'ora mi ricercanu e quandu prima venunu in casa
bisogna ca ripartu 'ncumpagnu si lu 'mpuni e cu primura
a casa lu purtau cu sciatu fora
A patri e matri cunta l'avventura l'abbrazza e in parti 'nsanguinanti ancora
versu la macchia, versu la muntagna ca pi setti anni fu la cumpagna

2 La prima vinnitta
Lu cori c'abbatteva di cuntinuu ca di la casa so stava luntanu
e c'era di la sira alu matinu dintra lu pettu e Turi Giulianu
e na nutatta ca disiu chiù 'ntisi e la muntagna assisa a lu paisi.
Quannu li pedi 'nta la casa misi lu cori s'allargau, mangiari vosi
e di dda notti poi duranti un misi a lu spessu a la casa si riposa
ma l'autorità ca vigilava rastrellamentu subitu ordinava
U patri ci dissi: Turi senti chi c'è fora stanotti ti vonnu acchiappari
lassa di mangiari 'nficcati ni ddu bucu e ci mintemu l'armadiu davanti
ma l'autorità chiù stava e chiù avvicinava e Muntilepri prestu circundava
pi quantu nuddu nesciri puteva.
Ma Turi dda notti 'ncasa si truvava e lu comu scappari non sapeva
ma so patri rifugiu ci circau tra muru e muru e dda si ivu a mucciau
invanu la pattuglia lu circava invanu tutta la casa pircusiu
Turi Giulianu dda nun si truvau pirchì nun c'era vuluntà di Diu
lu maresciallu arriva e un ha spustatu a lu patri spiau tuttu 'ncazzatu
Unn'è Turiddu, unni s'ha 'nficcatu, parrati prestu, nun vi stati mutu
annunca ni viniti ammanittatu senza spiranza ni c'aviti aiutu
Lu patri ci rispusi: Fussi pazzu a me figghiu la spia nun ce la fazzu
lu marasciallu l'affirrau p'un vrazzu badati dissi occhiu nun ni pozzu
mi la pagati cara si m'incazzu ma nun supportu stu silenziu rozzu
U dumannau a la matri e a li parenti ma sapiri non potti propriu nenti
Lu suttufficiali era furenti e Turi si nni stava 'nda ddi istanti
vicinu a iddu cu cori ridenti mancu a un metru di spaziu distanti
ma lu rifugiu so era sicuru pirchì scavatu dintra di lu muru
c'era don Cicciu Canali dda puru lu ziu di Giulianu, un omu alteru
ca cu frischizza e cu lu tonu duru dissi a lu marasciallu
Pi daveru vossia è cunvintu che nu stu locali c'è me niputi Turi
tale quali, certo don Cicciu, chistu è naturali
è cca sicuru e nesciri non voli Sugnu beni informatu e nenti vali
appizzari lu tempu e le paroli se ci risulta lu circassi allura
ma chiddu è supra la muntagna scura lu marasciallu di chiù s'accalora
pi ddu silenziu ca cuntinua ancora e a lu patri di Turi fu primura
lu fa arristari e si lu porta fora lu banditu c'assista a tali scena
voli sparari ma di poi si frena.
Turiddu dissi nun sparu, ma comu nesciu fora ciu fazzu pagari
d'odiu la so menti s'avvilena e di la casa prestu s'alluntana
chinu di raggia e pigliatu di pena ma nuddu lu so cori ci lu sana
Un jornu scisi a Muntilepri apposta pi dari na terribbili risposta
a ddu carrabbineri dda s'accosta calmu e tranquillu, poi cu mossa lesta
senza pinsari chiddru ca ci costa.
ci spara a tutti dui precisu 'ntesta mureru li do giovani 'nfelici
e accussì Turi la vinnitta fici. Chi successi, chi fu ognunu dici
e aprì la porta, ma poi chiudi e taci sapennu comu ammazza li nnemici
Turi Giulianu e di zoccu è capaci e tantu fu lu scantu e lu timuri
ca nuddu parra chiù a so disfavuri.
Ma un fu sulu chissu di jorna e jorna Giulianu vidiva aumentare
u so persunali dintraa so caverna comu nenti fussi intantu l'individui piggiuri
genti scappati da li galeri, sbandati di la guerra e di settori, latri di passu e contrabbanneri appassiunati di Turi Giulianu a frotta versu a iddu si nni vanu
Capu lu ricanuscianu e suvranu capaci intIlligenti e malandrinu
e si furmavu na banda a manu a manu guidata da iddu ca appi sensu finu
e pi tanti anni tinni lu cumannu facennu tanti vittimi e luttannu

 

 

tratto da
http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=2836&biografia=Salvatore+Giuliano
Salvatore Giuliano nasce a Montelepre, in provincia di Palermo, il 22 novembre 1922,
da una famiglia di modesti contadini che cresce il ragazzo educandolo ai valori della
fede e del lavoro.
Ed è proprio quando è alle prese con le dure fatiche quotidiane che, mentre trasporta
due sacchi di frumento acquistati di contrabbando, nel torrido pomeriggio del 2
settembre 1943, che viene bloccato da una pattuglia di carabinieri; Turiddu, come
lo chiamano in casa, abbandona frumento e cavallo e si dà alla fuga. Ferito da due
dei molti colpi di fucile che i gendarmi gli sparano, egli estrae la pistola che
prudenzialmente porta con sé per difendersi da eventuali incontri con i briganti e fa
fuoco uccidendo accidentalmente uno degli inseguitori. Riesce a trascinarsi in un bosco
facendo perdere le proprie tracce, ma da quel momento la sua vita è segnata.
Soccorso da alcuni contadini e poi dai suoi familiari, trascorre circa un mese in
condizioni di salute molto instabili, nascosto in una casa abbandonata, a Palermo,
ed assistito da un medico, il prof. Purpura, uomo onesto e di idee fortemente
separatiste che va spesso a visitarlo.
Nel corso dei loro incontri il professore informa Salvatore della fine della guerra,
ma lo istruisce altresì sulla storia e sui patimenti del popolo siciliano convincendolo
della bontà del progetto indipendentista "Sicilia-Nazione".
Rimessosi in salute il ragazzo fa ritorno nella casa di Montelepre, rimanendo
sempre guardingo e pronto alla fuga nel caso di arrivo dei gendarmi.
E infatti, nella notte del 23 dicembre 1943, a Montelepre piombano 800 carabinieri
per catturarlo. Ne fa le spese suo padre che, uscito di casa per verificare la presenza
dei militi, viene da questi bloccato e crudelmente malmenato.
Salvatore riesce a fuggire, dopo aver ucciso un carabiniere e feriti altri due.
Si rifugia in una grotta, e inizia così la sua vita di latitante nei boschi.
Raccoglie intorno a sé altri ricercati formando una banda e riuscendo presto,
associando a delitti e rapine una grande generosità verso i poveri, a costruire
intorno al suo nome un alone di leggenda.
Col cinismo che oramai lo contraddistingue, pone al servizio della politica la sua
forza e la sua popolarità. Nel 1945 è nominato colonnello del'esercito separatista,
ma ben presto abbandona il movimento (MIS-EVIS, Movimento Indipendentista
Siciliano - Esercito Volontario per l'Indipendenza della Sicilia) e sostiene prima
i Monarchici e poi la Democrazia Cristiana.
Utilizzato nella lotta contro il comunismo, tanto dalla politica quanto, pare,
dalla mafia, dopo il successo delle sinistre alle elezioni siciliane del 1947,
il 1° maggio Salvatore Giuliano e la sua banda aprono il fuoco sulla folla
radunatasi a Portella della Ginestra per la festa del lavoro: è un massacro,
con 11 morti, fra cui due bambini, e 27 feriti, alcuni dei quali moriranno di lì a dopo.
La repressione durissima che ne segue, nei confronti del brigantaggio, non riuscirà
tuttavia a colpirlo. Sarà trovato morto, il 5 luglio 1950, a Castelvetrano.
Si dirà che l'autore dell'assassinio sia stato un suo cugino e luogotenente,
Gaspare Pisciotta; gli atti processuali indicheranno, invece, il capitano Antonio
Perenze quale autore dell'uccisione, in uno scontro a fuoco fra carabinieri e briganti;
qualcun altro dirà che quel corpo addirittura non fosse il suo, ma la vicenda rimane
avvolta nel mistero. E senza risposta rimane l'interrogativo sull'esistenza
e sull'identità dei mandanti della strage di Portella.
Salvatore Giuliano muore dunque all'età di 28 anni: per i siciliani resterà
un eroe romantico, mitico, celebrato in molte ballate della cultura popolare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 73 visitatori e nessun utente online