AMURI DI CARRITTERI

 Orazio Stranio 

 

 

 

 

 

 

La mezzanotti sentu ca mi sona,
dda sutta du nu jancu cu sta luna.
Na rota pigghia petri, va a tantona,
l'autra non pigghia, mancu una.
Lu me cavaddru accurza lu stratuni
e d'ogni tantu pigghia a truppicuni.

Iu sugnu cu la testa a pinnuluni
lu sonnu sentu a l'occhi ca mi veni.
e d'ogni tantu fazzu un pinnucuni 
m'insonnu a Mara ca mi coli beni
m'abbrazza fort,i mi vasa e mi dici
spusami Turi miu, fammi felici.

Arsira cim lu dissi a tanti amici
dumani a lu me cori dugnu paci,
Tu dormi a surrandà,  lu to littinu
e ad ........ in caminu

Eh! cavaddru malandrinu.

Non passa tantu ca sugnu vicinu,
già vidu la casa di luntanu
la rosa janca cu lu gersominu
me pari ca li toccu cu li manu
Oh! finalmenti dopu tantu strada
Maruzza sugnu ca nda sta cuntrada .

Turiddu c'è me matri arrusvigghiata,
è megghiu ca ritorni nautra vota,

mi dasti in cori na gran pugnalata
la testa mi furria comu na rota.

Affaccia almenu va! senti na cosa,
di lu barcuni tò jetta na rosa.

Di ccà m'affacciu beddu carritteri,
ma pi sta notti non  pozzu scappari,
la rosa ti la dugnu vulinteri,
mettila 'npettu ca ti fa calmari.

Ma chi mi dici facci di bammina
lu sangu chiù m'infoca in ogni vina.

Ritorna amuri n'autra matina,
nun senti ca me patri si n'adduna,

ma dimmi ca ti portu a Taormina
tutti li lucenti stiddi e cu sta luna.
E si non veni bedda ti lo giuru
iu ca nun tornu di sicuru.

Turiddu amuri miu ti nu scungiuru.
lu cori mi facisti attunnamari,

se mi nni vegnu tutta m'apprimuru
tu si lu beni miu chiù granni e caru
e nda li vrazza prestu mi jettu
pirchì lu cori miu svampa df'affettu

Acchiana Mara supra stu carrettu,
ca di la gioia quasi sugnu, mattu,
teniti forti stringiti a stu pettu
ormai tu si la mia, lu fattu è fattu

La luna guarda a nui 'nda stu mumentu,
li stiddi puru di lu firmamentu.

Ah ccà, cavaddru miu, curri pi centu
ca la me bedda ci l'haiu daccantu,
e a Taurmina semu 'nda un mumentu,
nda ddu paisi d'amuri e d'incantu.

Maria la vesti di spusa si misi
ca ju ci la purtai di lu paisi.

Eh! ... cavaddu malandrinu


Tutti affacciati li taurminesi,
guardanu signa a nui li curiusi
pirch'è na nuvità pi lu pasisi
'nda lu carrettu nuvelli spusi.
Sta na gran jurnata mai ni la scurdamu,
quantu gioia a li cori ca ci damu

Avi quattru  uri ca caminamu
fujuti di sta notti ancora semu
e a Taormina oggi ni spusamu
senza cunsensu ca l'età l'avemu.
,
Dopu turnamu a la casa cuntenti
ca n'aspettunu amici cu parenti.

 

Orazio Strano, caposcuola e autorità indiscussa, è stato il più famoso cantastorie della Sicilia orientale; è considerato da molti il padre dei cantastorie siciliani, era paralitico ma questa sua condizione non gli impediva di spostarsi di città in città; si esibiva seduto sul carrozzino accompagnandosi con la sua inseparabile chitarra e alle volte con un mandolino.
La sua carriera inizia nel secondo dopoguerra, narrando e cantando vicende e fatti realmente avvenuti.
Le sue narrazioni raccontano di gente umile costretta a sopportare gli avvenimenti ed il fato avverso.
Fu il primo cantastorie a portare in giro la prima versione di “La storia di Salvatore Giuliano Rè di li briganti” scritta in collaborazione con il poeta dialettale Turiddu Bella e che poi musicò.
La prima volta che la eseguì fu a Montelepre (PA) quando Salvatore Giuliano era ancora in vita.
Una nota di cronaca ci informa che lo stesso Strano (per una forma di delicatezza e tatto), mandò il cantastorie Giacomo Saso di Trabia (PA) a parlare al padre di Giuliano affinché gli concedesse il permesso di cantarla.
Costui a questa richiesta si entusiasmò molto, tanto che gli permise di esibirsi nella strada sottostante la sua abitazione.
Con questa storia Orazio Strano contribuì molto ad elevare a leggenda le gesta di Salvatore Giuliano, raccontato come un Robin Hood nostrano, che toglieva ai ricchi per dare ai poveri.
Ha scritto anche molte canzoni e filastrocche, ha collaborato con moltissimi artisti e poeti. Una delle sue ultime collaborazioni con Rosita Caliò, una delle poche cantastorie siciliane al femminile.
È stato eletto Trovatore d’Italia alle Sagre dei Cantastorie nel '1960 e nel 1962, organizzate dall’Associazione Italiana Cantastorie Ambulanti (AICA).
Nel ’60 nella “Sagra dei cantastorie” che si svolse il 29 Giugno a Grazzano Visconti (Piacenza) risulta vincitore.
Nel ’62 la Sagra si tenne a Castell’Arquato (Piacenza), e il 1° Luglio la giuria formata da personalità del mondo dell’arte, studiosi del folklore e giornalisti, assegna il titolo a Orazio Strano.
Orazio Strano è ormai considerato da tutti uno dei più grandi poeti e cantastorie di Sicilia, una ”leggenda” il maestro per eccellenza.
Discografia
Ci sono ancora diverse incisioni tra le quali vanno ricordate:
Turi Giulianu Imperaturi di Montelepri - di T. Bella
La vita di John F. Kennedy
Focu di pagghia
Lu figghiu di Turi Giulianu
Lu miraculu di S. Alfio
Peppi Musulinu Re di L'asprumunti - di T. Bella
Prucessu a porti chiusi
La Sicilia di Orazio Strano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 57 visitatori e nessun utente online