GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 105 visitatori e nessun utente online

 

SULI CHI SPACCHI
da concerto live a Licata

autore e voce: Francesco Giunta

 

 

 

 

SULI CHI SPACCHI

ndevorè ndevo ndevorè
ndevorè ndevo ndevorè
ndevorè ndevo ndevorè
ndevororò
E dimmi nzoccu sì
suli chi spacchi
spècchiu di lustru spunti
e l'ʹocchi ntacchi
comu ciumara munti
e u cori mpinci
assummi, nfuddi e prestu
u pettu vinci
E sugnu petra sutta
acqua chi scurri
pezzu di celu nuru
ventu chi curri
e sugnu nègghia
e acqua di funtana
armali, fangu
rina e terra sana
ndevorè ondevorè
ndevorè ondevorè
ndevorè nde
ndevorè
e sugnu nègghia
e acqua di funtana
armali, fangu
rina e terra sana
ndevorè ndevo ndevorè
ndevorè ndevo ndevorè
ndevorè ndevo ndevorè
ndevororò

Il significato di questa canzone ce lo da lo stesso Francesco Giunta nel suo sito: http://www.francescogiunta.it

Anche “Suli chi spacchi” come “Iu c’àiu a tia” si sofferma su qualcosa che rende speciale la nostra esistenza:
lo stupore e la grande meraviglia che nascono dal poter percepire il “tutto” che ci circonda e dalla
consapevolezza di farne parte.

http://www.youtube.com/watch?v=GzkSKT-VZY0
altra interpretazione di Francesco Giunta

http://www.youtube.com/watch?v=47Pq3rs-Yxo
altra interpretazione di Francesco Giunta (pochi secondi)