GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 40 visitatori e nessun utente online

S'AVISSI STATU RICCU 
(testo e musica Francesco Giunta)

 

 

 

 

S'AVISSI STATU RICCU
serenata di un timoniere
tratto da "Per terre assai lontane"
musica e testo Francesco Giunta
S'avissi statu riccu, amuri miu
t'avissi arrialatu lu suli
li stiddi, lu celu e lu mari
e tuttu chiddu ca si pò addisiari.
Avissi fattu strati chini d'oru
d'argentu muntagni e chianuri,
cu filu di sita chiù rara
avissi ricamatu rosi e ciuri
E chi ricchizza m'arristassi a mia
si m'arristassi di vasari a tia,
e chi ricchizza m'arristassi a mia
si m'arristassi di vasari a tia.
S'avissi ancora chista vita mia
di chiantu, travagliu e suduri,
scrivissi canzuni pi tia,
ti dassi n'atra vota lu me amuri.
E chi ricchizza m'arristassi a mia
si m'arristassi di vasari a tia,
e chi ricchizza m'arristassi a mia
si m'arristassi di vasari a tia.
 
SE FOSSI STATO RICCO
 
Se fossi stato ricco, amore mio,
ti avrei regalato il sole,

le stelle, il cielo e il mare
e tutto quello che si può desiderare.
Avrei fatto strade piene d'oro,
montagne e pianure d'argento,
con filo di seta, il più raro,
avrei ricamato rose e fiori.
E quale ricchezza rimarrebbe a me
se non quella di baciare te,
e quale ricchezza sarebbe mia
se non quella di baciare te.
Se avessi ancora questa vita mia
piena di pianto, lavoro e sudore
per te scriverei una canzone
e ti darei un'altra volta il mio amore.
E quale ricchezza rimarrebbe a me
se non quella di baciare te,
e quale ricchezza sarebbe mia
se non quella di baciare te.