GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 222 visitatori e nessun utente online

 

A LIVANTI AFFACCIA LU SULI - IAMUNINNI CU MARIA

Rosa Balistreri

 

 


 


 
 
A LIVANTI AFFACCIA LU SULI
Assummata di lu corpu di la tunnara
A livanti affaccia lu suli
ailamò, ailamò
e lu Raisi cu li ciuri.
ailamò, ailamò
I capuvardia cumannaturi
i marinara guardaturi,
i farati chi massuruna.
I muciari guardaturi.
mettunu u pisci sutta u bagnuni.
Dispinseri bon latruni,
metti l’acqua ad ammucciuni.
U furnaru bon latruni
ca si leva lu pizzuluni
u purtaru bon 'nfamuni
ch’arriporta a lu patruni.


A LEVANTE AFFACCIA IL SOLE
Venuta a galla del corpo della tonnara
A levante s’affaccia il sole
ailamò, ailamò
e il Rais con i fiori.
ailamò, ailamò
I capiguardia comandanti
i marinai sorveglianti.
gli arpionatori che sgobbano.
I barcaioli bricconi
mettono il pesce in coperta.
L’oste briccone,
aggiunge l’acqua di nascosto
Il fornaio briccone
che ci leva un pizzicotto.
Il portinaio infamone
che riferisce al padrone



Nel 1978 Rosa partecipa allo spettacolo “La Ballata del sale” di Salvo Licata, regia M. Scaparro per il teatro Biondo di Palermo con musiche del maestro Mario Modestini;
"La ballata del sale" è un grande capolavoro di ricerca popolare ed è basata sui canti di mare dei tonnaroti tratti dal “Corpus” del Favara, arrangiati per un quartetto d'archi e per un trio di musica popolare, violino, chitarra e fisarmonica.
Rosa fu amica personale dello scrittore Salvo Licata e del maestro Modestini, i quali insieme gli confezionarono a misura questo spettacolo, collaborerà ancora con tutte e due nello spettacolo “Oh Bambulè”

CIALOMA dalla "Ballata del sale"