MI SPASIMU, MI SPASIMU

autore anonimo

Rosa Balistreri

 

MI SPASIMU MI SPASIMU

Mi spasimu mi spasimu
bedda p'amar'a ttia
lu suonnu mi fa perdiri
Diu com'è possibili
quantu du cori s'amanu
a tutti ci dispiaci,
pi gustu ri la genti
scurdarini e lassari.

Ora figliuzza finemula
facimu li sacri fatti
e nui n'avimu amari
e lassa cu sbatti, sbatti

Ora finieru li chiacchieri
e puru li fuculara
fineru ri cummattiri
la petra e la quartara
fineru ri cummattiri
la petra e la quartara.

                                        

MI SPASIMO, MI SPASIMO

Mi spasimo, mi spasimo,
bella per amarti
il sonno mi fai pertdere
Dio com'è possibile
quando due cuori si amano
a tutti dispiace,
per il gusto della gente
dimenticarci e lasciarci.

Ora figlia mia finiamola
facciamo i sacri fatti
e noi dobbiamo amarci
e lasciamo sbattere chi vuole

Ora son finite le chiacchiere
ed anche le combriccole
han finito di disturbarsi
la pietra e la quartara
han finito di disturbarsi
la pietra e la quartara

                       

 

 Ringrazio Dario Di Dio per avermi dato questo video che condivido con tutti gli appassionati di musica siciliana e di Rosa Balistreri


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<
 
 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 112 visitatori e nessun utente online