GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 158 visitatori e nessun utente online

 

VURRIA DI LU TO SANGU CINCU STIZZI
Cu fici amuri, fici cosi assai

testo: anonimo siciliano; musica: Marilena Monti

Rosa Balistreri

 

 

 

VURRIA DI LU TO SANGU CINCU STIZZI
Parole e musica di Marilena Monti

Cu fici amuri fici cosi assai
fici na turri curazzata e forti,
prima ‘nvintau l’amuri e poi li guai
e pi spartenza ci misi la morti.
Un fari comu a mmia ca c’incappai
amuri m’hai purtatu a malasorti
amuri, amuri chi m’ha fattu fari
lu sonnu m’arrubbasti ni la notti.
Si bianca e russa comu na castagna
e manni oduri priziusu e vanu,
na vota ti tuccai che era vicinu
l’oduri mi lassasti nda li manu.
Pensa se ti tuccassi di cuntinuu
saria comu lu pisci ‘mpintu all’amu
e s’iu fussi malatu, lu mischinu,
bedda vidennu a tia ritornu sanu
Vurria di lu to sangu cincu stizzi
e di la to cammisa du sfilazzi,
vurria du fili di sti biunni trizzi
pi farini catini, magli e lazzi.
M’incatininasti tu ccu li to trizzi
m’incatinasti ccu sti duci lazzi
cunfusu sugnu di li to billizzi
sugnu lu megliu capu di li pazzi.
Rosa ca si na rosa di jardinu
agri e duci comu na lumia
quanti biddizzi ti desi to mamma
e ti li desi pi ciammari a mia.
Un fari comu a mmia ca c’incappai
e sulu ora mi trovu alla strania
ma chi ti cridi ca ti dugnu l’arma?
l’arma la dugnu a Diu lu cori a ttia.

            

 

VORREI CINQUE GOCCE DEL TUO SANGUE


Chi ha creato l’amore, fece una cosa grande,
fece una torre corazzata e forte,
prima inventò l’amore e poi i guai
e per divisione mise la morte.
Non fare come me che c’incappai
amore, mi hai portato a malasorte
amore, amore, che mi hai fatto fare
mi hai tolto il sonno della notte.
Sei bianca e rossa come una castagna,
e sprigioni odore prezioso e forte
una volta, ti toccai, perché ero vicino
l’odore mi lasciasti nella mano.
Immagina se ti toccassi di continuo
sarei come un pesce preso all’amo
e se io fossi malato, io meschino
bella, vedendo te tornerei sano.
Vorrei del tuo sangue cinque gocce
e della tua camicia due sfilacci
vorrei due fili di queste bionde trecce
per farne catene, maglie e lacci.
M’incatenasti tu con le tue trecce
m’incatenasti con questi dolci lacci
confuso sono delle tue bellezze
sono il migliore capo dei pazzi
Rosa, sei vera rosa di giardino
agre e dolce come un limone
quante bellezze ti diede tua mamma
e te li diede per infiammare me.
Non fare come me che c’incappai
e solo ora mi trovo come uno straniero
ma cosa credi che ti do l’anima?
l’anima la do a Dio, il cuore a te.

 

Bellissima canzone d’amore che Marilena Monti compose nel 1974 e che ancora oggi canta nei suoi spettacoli riscuotendo grandi consensi. Il testo, autenticamente popolare, si ritrova nel libro del Pitrè “Canti siciliani” 1940 Roma riedizione delle opere del Pitrèvol l° al n 83 di pag. 205, al n 67 di pag. 205.

      Bellissime le parole che s’incatenano tra di loro in modo armonioso e forte.
      L’amore per l’amata è così forte e pieno che l’amato desidera  cinque gocce del suo sangue, due sfilacci della sua camicia e due fili delle sue trecce dai quali si sente legato e incatenato. Conclude donando all’amata il suo cuore, ma riservando l’anima a Dio. 
Questo video è stato registrato da Peppe Filippone nell'agosto del 1986 a Francavilla Sicula in un concerto estivo di Rosa Balistreri accompagnato alla chitarra da Tobia Vaccaro.
Nicolò La Perna

.



 


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<