GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 210 visitatori e nessun utente online

 

MATRI CHI AVITI FIGGHI A LA BADIA

Rosa Balistreri

 

 

 

MATRI CHIA VITI FIGGHI A LA BADIA
(tradizionale)

Matri chi aviti figghi a la Badia
un li chianciti no chi su sarvati.
Chianciti chiddi di la Vicaria
chi sunnu privi di la libirtati.
Matri chi aviti figghi carzarati
iti alla Vicaria e li viditi.
iti alla Vicaria e li viditi
Nui semu nda lu ‘nfernu carzarati
e vui matruzzi fora chi chianciti.
Nui semu nda lu ‘nfernu carzarati
e vui matruzzi fora chi chianciti.

                            

MADRI CHE AVETE FIGLI ALLA BADIA

Madri che avete figli a la Badia (1) ,
non li piangete, perché sono al sicuro.
Piangete i figli della Vicaria (2)
perchè sono privi della libertà
Madri che avete figli carcerati
andate alla Vicaria e li vedete.
andate alla Vicaria e li vedete.
Noi siamo nell’inferno carcerati
e voi madri fuori che li piangete.
Noi siamo nell’inferno carcerati
e voi madri fuori che li piangete.
1) convento monacale
2) Carcere palermitano

                    

 

 

Fa parte delle canzoni che Rosa Balistreri ascoltò certamente nel carcere dell’Ucciardone
di Palermo dove fu rinchiusa per diversi mesi. E’ un accorato appello alle madri che non
hanno più accanto i figli o perché hanno fatto i voti (Badia) o perché sono carcerati (Vicaria).
Il ricordo della madre che piange, perché ha il figlio carcerato, è uno dei dolori più forti di
un carcerato.

Nicolò La Perna

altra interpretazione della stessa canzone cantata dalla Balistreri

https://www.youtube.com/watch?v=8Y8U60pSTA0
cantata da Rosa Balistreri


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<