GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 34 visitatori e nessun utente online

 
LA SICILIA AVI UN PATRUNI
ROSA BALISTRERI
 
      

LA SICILIA HA UN PADRONE

La Sicilia ha un padrone
un padrone forestiero
che la tiene messa in croce
e le canta il funerale.
La Sicilia ha un governo
un governo italiano
con la forca al capezzale
e la corda nelle mani
La Sicilia ha una patria
che la stringe e l’abbraccia
ma se per caso chiede pane
finge di darglielo
e proprio allora ammazza.
La Sicilia è spopolata
un deserto ogni paese
vecchi e cani nelle strade
bambini con i piedi scalzi.
I giovanotti sono fuori
perché hanno braccia forti
ma il governo italiano
se l’è venduto per un pezzo di pane.
La Sicilia è addormentata
dorme il sonno dei morti
ed aspetta mentre dorme
che cambierà la sua sorte
Ma la sorte non è ostia sacra
non è una grazia che elargiscono i santi
si conquista con la forza
nelle piazze e si va avanti
Povera terra mia
come si può vivere così.

LA SICILIA HAVI UN PATRUNI
( Ignazio Buttitta)

La Sicilia havi un patruni
un patruni foristeri
ca la teni misa ncruci
e cci canta u funerali.
La Sicilia havi un guvernu
un guvernu ’taliànu
cu la furca a lu capizzu
e la corda nna li manu.
La Sicilia havi una patria
chi la stringi ‘nta li vrazza
ma ‘nzammài dumanna pani
finci dallu
e tannu ammazza.
La Sicilia è spupulata
un disertu ogni paisi
vecchi e cani ‘nta li strati
picciriddi scàvusi misi.
Li picciotti sunnu fora
ca li vrazza l’hannu sani
ma lu patri ’taliànu
si vinniu p’un pezzu di pani.
La Sicilia è addummisciuta
dormi u sonnu di li morti
ed aspetta mentri dormi
chi canciassi la so’ sorti.
Ma la sorti nun è ostia
un è grazia di li santi
si conquista cu la forza
nta li chiazzi e si va avanti.
Povira terra mia
comu si po’ campa’.                                 

 

 

 

Questo video con la canzone è estratto da you tube 
http://www.youtube.com/watch?v=-cOLWMUnrTQ

Le parole di questa canzone sono di Ignazio Buttitta e la musica verosimilmente è di Rosa. Forte è lo sdegno di chi si vede depredato, ignorato, abbandonato da un governo italiano, voluto dagli stessi siciliani che hanno aiutato Garibadi a liberarsi dal giogo dei Borboni per cadere sotto il gioco italiano, che invece di migliorare le condizioni economiche della gente pensa solamente a tassarli e a mandarli nelle varie guerre come carne da macello. La Sicilia è spopolata, vi sono solo vecchi e bambini, i giovani sono fuori, al Nord Italia o addirittura fuori Italia come in Belgio dove il governo italiano ha barattato la manodopera italiana con il carbone che il Belgio da a basso prezzo.Non c’è che una soluzione scendere nelle strade e conquistare con la forza i propri diritti.

Nicolò La Perna

interpretazione di altri artisti

https://www.youtube.com/watch?v=2em3CQllyK4
Federico Doria