GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 198 visitatori e nessun utente online

 

VIAGGIU O 'NFERNU

autore Lillo Catania

Rosa Balistreri

 

VIAGGIU O 'NFERNU
(Lillo Catania)
Chi mi sunnavu vi vogliu cuntari.
iu mi sunnavu di jri a lu nfernu,
e lu diavulu ch'era 'nfacciu a porta,
mi dissi:" A tia, 'ca, cu ti ci porta?"
"Picchì si' 'ca? Chi vinisti a fari?
Mi vo' purtari la paci ni lu 'nfernu!
'Ca nun c'è postu pi' chiddi ca nu munnu,
appiru 'nfernu pirsinu ni lu sonnu.
Vatinni, scappa, nun t'avvicinari,
chist'è lu postu di l'eterni guai,
'ca nun ci sunnu poviri e garzuna,
c'è postu sulu pi' ricchi e pi' patruna".
Ci dissi: "Senti lassami parlari,
iu nun sapia ca 'ca c'era 'sta liggi,
avia purtatu cu mia la chitarra,
pi' cunsulari sti' mischineddi a sbarra.
Avia pinsatu ca lu paradisu,
si l'accattaru li ricchi e li parrini,
la genti povira dannata pi' l'eternu,
l'avia pinsatu jttata 'nfunnu 'o 'nfernu.
Ma chista genti nun apparteni a mia,
chista è la genti ca 'na 'ruvinatu,
'ncapu la terra si pigliaru un ternu,
ed ora chiangi dannata pi l’eternu".
Mentri parlava 'ntisi 'na gran vuci,
mi dici: "Omu! Acchiana e nun parlari!
Mancu a lu 'nfernu li vo lassari 'npaci,
‘sti mischineddri jttati ammoddu a pici".
M'arrivigliavu troppu assai scantatu,
e chistu suonnu nun mi fa durmiri,
iu nun vulissi nè poviri nè ricca
e genti o 'nfernu ci 'ni fussi picca.                                                                                             

 

VIAGGIO ALL’INFERNO

Cosa ho sognato vi voglio raccontare,
io ho sognato di andare all’inferno,
ma il diavolo ch'era sulla porta,
mi disse: "A te, quaggiù, chi ti ci porta?
Perchè sei qua? Cosa sei venuto a fare?
Mi vuoi portare la pace nell'inferno!
Qua non c'è posto per quelli che al mondo,
hanno patito l'inferno persino durante il sonno. Vattene, scappa, non t'avvicinare,
questo è il posto degli eterni guai,
qua non ci sono poveri e garzoni,
c'è posto solo per ricchi e per padroni.
Gli dissi: "Senti, lasciami parlare,
io non sapevo che qua c'era questa legge,
avevo portato con me la chitarra,
per consolare questi poveretti alla sbarra.
Avevo pensato che il paradiso,
l’hanno comprato i ricchi e i preti,
la gente povera dannata per l'eterno,
l'avevo pensata gettata in fondo all’inferno.
Ma questa gente non mi appartiene,
questa è la gente che ci ha rovinati,
sopra la terra hanno preso un terno,
ed ora piange dannata per l’eterno".
Mentre parlavo udii una gran voce,
mi dice :"Uomo! Sali e non parlare!
Neanche all'inferno li vuoi lasciare in pace,
questi poveretti gettati a mollo nella pece".
Mi sono svegliato troppo spaventato,
e questo sogno non mi fa dormire,
io non vorrei nè poveri nè ricchi
e gente all'inferno ne vorrei poca.

Un canto di Lillo Catania che ribadisce un concetto caro alla Balistreri: non vi può essere un
buon rapporto tra gente povera e ricchi, tra lavoratori e padroni, neanche all’inferno che è il
luogo idoneo dei ricchi e dei padroni dove non vi possono stare servi e garzoni;
Cristo parlava del ricco Epulone all’inferno e del povero Lazzaro, di certo c’è un paragone
col tema di questa canzone.

Nicolò La Perna

.



 


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<